L'autenticità nei legami

Nell'immaginario collettivo è abbastanza radicata l'idea che il rapporto di intimità fra due persone si fondi su una sintonia perfetta su tutto, su una condivisione totale e senza scarti di idee ed intenti. Certo, una relazione di vicinanza implica senz'altro sintonia e complicità, dialogo ed onestà. Tuttavia permangono dei limiti a tale compenetrazione reciproca, nella misura in cui non è possibile diventare un tutt'uno con l'altro senza perdere la propria individualità.

Se da un lato mettersi in contatto profondo con un altro individuo comporta necessariamente la cessione di una quota di libertà personale, ciò non significa però che l'unico esito possibile sia la rinuncia ad uno spazio privato, in cui possano esistere pensieri ed aspirazioni che sfuggono alla presa dell'altro.

Un legame si nutre di condivisone ma anche di distanza, di aperture ma pure di misteri, la sua autenticità non la si misura ingenuamente sul grado di padronanza della vita altrui da parte dei partner. "Dirsi tutto" può diventare un imperativo soffocante, uno strumento di controllo per tentare di aggirare un fatto incontrovertibile: l' altro è e rimane altro da me, è irriducibile a me, è al fondo libero, può andare via, lasciarmi solo. Non è qualcosa che posso possedere, prevedere, ingabbiare. Non è mai scontato, ed è sempre un po' sfuggente, proprio perché non è me.

Allora perché una relazione si mantenga viva e non mortificante è necessario un atto di fede, contrario a qualsiasi garanzia. La sua autenticità non è data da quanto so dell' altro e dei suoi pensieri, ma da quanto rispetto nutro nei confronti di tutto ciò che di lui o di lei mi sfugge. Amare profondamente, volere davvero bene all'altro significa proprio questo, considerare la sua diversità come sacra ed inviolabile. E, cosa forse ancora più difficile, accogliere con simpatia i suoi difetti, le sue mancanze, i suoi errori. Che non ci appartengono proprio perché siamo fatti in un' altra maniera, che non è la sola possibile e l'unica giusta!

La psicoanalisi su questi temi insegna molto, proprio perché parte dal presupposto che nessun uomo basta a se stesso, ma mette in guardia sull'illusione di poter chiudere la mancanza che ci attraversa con la simbiosi con un altro essere umano. I legami sono una grandissima risorsa, hanno il potere di guarire molte ferite e di arricchire le nostre vite. Ma se diventano luogo di limitazioni soffocanti perdono la loro forza, fiaccando l'energia e il desiderio di chi ne fa parte.

 

Altri articoli sull'amore

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Le relazioni “usa e getta”

Accade in amicizia, accade in amore. Nel mondo attuale degli “amori liquidi” sentirsi oggetto di una modalità relazionale “usa e getta” non è affatto ben tollerato, anzi, costituisce ancora una delle cause principali di sofferenza emotiva.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961