L'autenticità nei legami

Cosa rende autentico, vero un legame, sia esso di coppia o più semplicemente amicale? Innanzitutto non, come spesso si pensa, il "dirsi tutto". Anzi, da un certo punto di vista questa aspirazione alla "trasparenza a tutti i costi" è pure dannosa, nella misura in cui abolisce i confini necessari affinché la coppia non si riduca ad una colla in cui non c'è più distinzione fra l'uno e l'altro.

Nell'immaginario collettivo è abbastanza radicata l'idea che il rapporto di intimità fra due persone si fondi su una sintonia perfetta su tutto, su una condivisione totale e senza scarti di idee ed intenti. Certo, una relazione di vicinanza implica senz'altro sintonia e complicità, dialogo ed onestà. Tuttavia permangono dei limiti a tale compenetrazione reciproca, nella misura in cui non è possibile diventare un tutt'uno con l'altro senza perdere la propria individualità.

Se da un lato mettersi in contatto profondo con un altro individuo comporta necessariamente la cessione di una quota di libertà personale, ciò non significa però che l'unico esito possibile sia la rinuncia ad uno spazio privato, in cui possano esistere pensieri ed aspirazioni che sfuggono alla presa dell'altro.

Un legame si nutre di condivisone ma anche di distanza, di aperture ma pure di misteri, la sua autenticità non la si misura ingenuamente sul grado di padronanza della vita altrui da parte dei partner. "Dirsi tutto" può diventare un imperativo soffocante, uno strumento di controllo per tentare di aggirare un fatto incontrovertibile: l' altro è e rimane altro da me, è irriducibile a me, è al fondo libero, può andare via, lasciarmi solo. Non è qualcosa che posso possedere, prevedere, ingabbiare. Non è mai scontato, ed è sempre un po' sfuggente, proprio perché non è me.

Allora perché una relazione si mantenga viva e non mortificante è necessario un atto di fede, contrario a qualsiasi garanzia. La sua autenticità non è data da quanto so dell' altro e dei suoi pensieri, ma da quanto rispetto nutro nei confronti di tutto ciò che di lui o di lei mi sfugge. Amare profondamente, volere davvero bene all'altro significa proprio questo, considerare la sua diversità come sacra ed inviolabile. E, cosa forse ancora più difficile, accogliere con simpatia i suoi difetti, le sue mancanze, i suoi errori. Che non ci appartengono proprio perché siamo fatti in un' altra maniera, che non è la sola possibile e l'unica giusta!

La psicoanalisi su questi temi insegna molto, proprio perché parte dal presupposto che nessun uomo basta a se stesso, ma mette in guardia sull'illusione di poter chiudere la mancanza che ci attraversa con la simbiosi con un altro essere umano. I legami sono una grandissima risorsa, hanno il potere di guarire molte ferite e di arricchire le nostre vite. Ma se diventano luogo di limitazioni soffocanti perdono la loro forza, fiaccando l'energia e il desiderio di chi ne fa parte.

 

Altri articoli sull'amore

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

L'uomo narcisista: il circuito infernale del desiderio

Jacques Alain Miller, erede del pensiero di Jacques Lacan, parla di "circuito infernale del desiderio ossessivo" per descrivere il fenomeno di azzeramento del desiderio sistematicamente operato da uomini così detti "ossessivi" (in gergo meno specialistico diremmo "narcisi" ) all'interno dei loro rapporti amorosi.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Eros e Agape: contrapposizione o complementarietà?

Eros e Agape sono due modi per dire l'amore. Comunemente vengono contrapposti per indicare da una parte l'amore carnale, dall'altra quello spirituale. Ma è proprio di questo, di una loro avversione reciproca, che si tratta? Eros deriva dall'antica Grecia ed indica l'amore fra uomo e donna, inteso come sentimento di natura sessuale. Si tratta dunque di un amore che scaturisce da una base fisica

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961