Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Quando una storia personale si disvela intimamente nella stanza d’analisi, ecco che si alza il sipario sugli incidenti del passato, su quegli eventi più o meno drammatici che hanno lasciato il segno. Tutti hanno a che vedere con l’amore, con la qualità essenziale dell’amore, l’accoglienza senza condizioni, senza ma, senza forse.

Le basi della fiducia

L’amore è il sì deciso alla vita, in tutte le sue forme. In alcune situazioni scopriamo che esso è venuto a mancare radicalmente, alternandosi magari ad eccessi fagocitanti: si spalancano allora gli abissi del dolore psichico profondo, i tentativi disperati e le invenzioni per tenersi a galla nonostante il vortice di nullità esistenziale sempre in agguato.

E poi osserviamo tutta la gamma delle incidenze nefaste dell’amore “irrisolto”: l’amore che riconosce ma a certe condizioni, che certamente protegge però lega a sensi di colpa, che dà eppure non lascia liberi, che valorizza inchiodando tuttavia ad aspettative senza fine.

Le sofferenze d’amore che non si rimarginano nella giovinezza o da adulti non sono altro che il riflesso di ciò che è stato nell’infanzia. È in quel tempo che si formano le basi dell’affettività. Un rifiuto può dunque portare alla luce antiche ferite, così come una relazione “malata” (che cioè produce continue lacerazioni anziché equilibrio e benessere) si rivela la ripetizione di qualcosa che si è già vissuto in epoche anteriori.

Il senso di essere stati benvoluti per ciò che si è getta le basi di quella che generalmente chiamiamo fiducia in se stessi e che potremmo più semplicemente definire amor proprio. È dal sentimento del valore di fondo della propria persona che deriva il superamento di una mancata corresponsione sentimentale o di un fallimento amoroso.

È da lì che nasce la forza di non invischiarsi in situazioni emotive frustranti, all’insegna dell’instabilità, della precarietà o del conflitto perenne. Ed è ancora dalla stessa fonte che scaturisce la spontaneità in antitesi alla paura, l’andare verso la diversità dell’altro con curiosità, senza il timore irrazionale di venirne scombussolati.

Masochismo e sadismo inconsapevoli

Essere stati “mal amati” ha varie forme e sfaccettature e si connette ad una sofferenza sintomatica in campo relazionale (e spesso anche in quello più ampiamente esistenziale) che oscilla fra i poli del masochismo e del sadismo inconsapevoli. Autosabotaggio e spietatezza verso l’altro ne costituiscono gli esiti più comuni.

Chi ha percepito di dover compiacere una madre o un padre per ottenerne l’approvazione e quindi l’amore, tende anche in età avanzata a rimanere appeso al giudizio altrui, a non vivere pienamente la propria vita ma più che altro il sogno di un altro. Può legarsi a qualcuno non perché lo desideri davvero ma perché ritiene sia socialmente desiderabile, dunque desiderabile agli occhi dell’altro ma non ai suoi. Potrà poi nutrire sentimenti d’odio inconscio verso il partner, non voluto davvero. Lo subirà e tiranneggerà allo stesso tempo, in un intrico difficilmente risolvibile. Oppure, nel momento in cui accosterà qualcuno che lo coinvolge davvero, sarà tentato dalla fuga, perché troverà sempre qualcosa fuori posto, qualcosa che non va, non avendo dentro di sè alcuna cognizione di cosa significhi amare.

La delusione da parte di un genitore per qualche motivo emotivamente distante tipicamente espone ad incontri difficili ma decisamente intensi, in un inconscio tentativo di regolare i conti una volta per tutte. Si apre così la via alla ripetizione di un’esperienza dolorosa ma altamente coinvolgente, che lega indissolubilmente amore e dolore. Soffrire sembra l’obiettivo di molte relazioni che seguono questa logica.

Se quindi esiste una sofferenza d’amore non evitabile, legata all’aleatorietà strutturale del desiderio altrui, essa diventa insormontabile e sfocia nel “patologico” quando risveglia vecchi conflitti mai superati o mai nemmeno messi a fuoco.

La sfida dell’analisi

L’analisi in questo senso aiuta molto perché offre la chance di acquisire una qualche consapevolezza rispetto alla ripetizione cieca di meccanismi inconsci. Tuttavia essa incontra il limite di quello che in gergo chiamiamo “godimento” della sofferenza, dinamica irrazionale ma profondamente connaturata alla natura umana.

La sfida insita in ogni percorso che non si limita a lenire il dolore è proprio quella di incidere questo godimento, romperne la ripetizione. Sono indispensabili non solo la disponibilità radicale a mettersi in discussione, la fiducia e l’amore di transfert verso il terapeuta. Tutte queste cose sono necessarie ma non sufficienti, possono dare luogo a intellettualizzazioni senza fine che non sfociano mai in alcun cambiamento della pozione di fondo.

La terapia non può cambiare ciò che è stato. Non può nemmeno cancellare ciò che si è inciso con forza come una traccia indelebile. Può tuttavia nel tempo, impercettibilmente o con accelerate improvvise, circoscriverla, depotenziarla nella portata traumatica.

Qualcosa accade a partire dalla parola ma oltre la parola stessa. È come un lasciare andare, un cedere rispetto al torto subito, un venire a patti con la ferita intollerabile. Ricominciare non contro il passato ma a partire da una sua accettazione totale, che si traduce a cascata in disponibilità e apertura all’incontro. La propria storia, riscritta, ridiventa pienamente la propria, storture e dolori inclusi.

Sono da escludersi ricadute? Naturalmente no, la traccia è sempre lì a tendere l’imboscata. Ma l’attraversamento autentico, il lungo e faticoso lavoro ne modifica i contorni e con essi la forza dirompente. Che può così essere incanalata altrove in un movimento di espansione piuttosto che di restringimento della vita.

Rapporto uomo donna

Altri articoli sull'amore

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

L’uomo narcisista e l’amore

A tutte le donne è capitato nel corso della loro vita di imbattersi in un uomo narcisista. Non a tutte è però successo di innamorarsene. Di solito la donna che cade preda di questa tipologia di uomo non se ne innamora una volta soltanto nella vita. Tende fatalmente a ripetere la scelta, sulla scia di un fantasma paterno molto ingombrante.

Leggi l'articolo

Dall'isteria alla donna

La donna non è tout court l'isterica, non coincide al cento per cento con essa. Anche se l'isteria colpisce elettivamente il sesso femminile, non sono da escludere casi di isteria maschile, in cui, contrariamente alla nevrosi ossessiva (connotata per lo più da domande esistenziali, incentrate sulla vita e sulla morte) al centro predomina la questione dell'identità sessuale (sono uomo o sono donna? Quanto sono uomo e quanto sono donna?).

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Dating online: realtà o finzione?

Il cosiddetto “dating online”, versione ipermoderna del mitico “appuntamento al buio”, sta prendendo sempre più piede soprattutto nelle grandi città, dove incontrarsi paradossalmente è reso più difficile dalla fretta e dall’efficienza che inchiodano su binari spesso eternamente paralleli.

Leggi l'articolo

Amore e desiderio d'altro

Nell'amore, sia esso quello di una madre, di un partner o di un amico, ciò che è sempre in gioco è l'essere visti e riconosciuti dall'Altro. La soddisfazione dell'amore è cioè di natura eminentemente simbolica, nella misura in cui non passa attraverso la materialità dei corpi e degli oggetti bensì attraverso dei segni, dei segni d'amore.

Leggi l'articolo

Amore o passione?

Amore e passione sono due entità diverse, possono sovrapporsi oppure restare separate. In ogni caso, anche nel più felice in cui avviene un incontro tra esse, le loro nature restano di qualità differenti.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Il potere salvifico dell’amore: essere amati o amare?

Nell’immaginario collettivo l’amore assume la funzione di antidoto alla depressione. Questa assunzione popolare, come tutte del resto, rivela un aspetto di verità ed uno di menzogna. L’illusione risiede nell’idea che l’incontro d’amore sia causa del ristabilimento di un equilibrio andato perso piuttosto che un suo effetto.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

I demoni del controllo (maschile) e della domanda d’amore (femminile)

Entrambi i sessi, alle prese con le cose dell’amore,  possono incorrere nell’auto sabotaggio, possono cioè inconsapevolmente contribuire loro stessi a decretare il fallimento di un incontro.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961