L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Cerchiamo di capire l’origine dell’angoscia di fronte allo straniero. Per la psicoanalisi essa non fa altro che riflettere il meccanismo che si innesca ogni volta che incontriamo qualcuno delle cui intenzioni non siamo certi. Chi è? Che vorrà da me? sono interrogativi che ci fanno vacillare, ci fanno mettere sulla difensiva. L’altro, nel momento in cui non è noto, costituisce una minaccia potenziale: alla mia identità, al mio microcosmo di certezze. Prevale la paura che voglia portarmi via qualcosa. E allora escluderlo, tenerlo fuori, alla larga appare come il sistema più immediato e sicuro per proteggersi da eventuali incursioni destabilizzanti.

Lo straniero, per il fatto di non essere immediatamente leggibile, mina dunque il nostro senso di padronanza. In un certo senso lo possiamo assimilare all’inconscio stesso, in quanto luogo che contiene tutto ciò di cui non vogliamo sapere nulla di noi, le nostre parti in ombra, di cui non andiamo fieri o che preferiremmo non vedere per evitare di metterci troppo in discussione. Ecco allora che la paura verso lo straniero assume un ulteriore significato: egli può diventare lo schermo su cui proiettiamo tutto ciò che rifiutiamo di noi stessi, incarna con la sua persona, con i suoi tratti esotici e abitudini inconsuete quella parte di noi che rifuggiamo in quanto potenzialmente sovversiva e destabilizzante. Esiste infatti una legge implacabile a cui inchioda la psicoanalisi: ogni volta che ci lamentiamo per un difetto, una mancanza dell’altro dobbiamo sempre chiederci perché ci turba tanto, quali corde tocca in noi. La responsabilità dei nostri malesseri e delle nostre angosce in quest’ottica si vede bene come ricada sempre su di noi, al di là di quello che possono fare o essere gli altri.

E lo straniero? Non è anche lui spaventato, in difficoltà come e più di noi? Lui infondo si trova in minoranza, immerso in un ambiente che non è per nulla il suo. Ha dovuto lasciare tutto, la famiglia, le tradizioni, le sicurezze…Si trova senza appigli, la sua angoscia assomiglia a quella del panico, del sentirsi andare alla deriva, privo di punti di riferimento stabili, esposto a una solitudine radicale. Si capisce così perché fatichi tanto ad integrarsi: da una parte viene escluso dalla paura che ne abbiamo noi, dall’altra si auto esclude lui stesso. Si chiude nel suo guscio, si rapporta solo con i simili e si irrigidisce nel culto della tradizione. Questo fenomeno di autosegregazione ha quindi alla sua radice nient’altro che la paura.

Come smorzare la paura dell’incontro con l’altro da ambo i lati? Infondo, più in generale, incontrare davvero l’altro è difficilissimo. Scattano le difese, gli indietreggiamenti, le ritirate. L’incontro con l’alterità produce sempre un urto, è un impatto destabilizzante. Il rischio di ingabbiare l’altro nelle nostre categorie è sempre dietro l’angolo. E così manchiamo l’incontro autentico con la sua particolarità, irriducibile a qualunque schema a priori. Solo accostandosi all’altro con curiosità, con apertura e oblio di noi stessi è possibile che si produca qualcosa di fecondo e di nuovo. Un incontro degno di questo nome dà infatti sempre luogo al non ancora visto, non ancora vissuto. Ma implica l’abbandono del proprio Io, delle sue paure e delle sue difese.

Altri articoli di attualità

La psicoterapia via Skype

La psicoterapia da remoto può riprodurre fedelmente quella vis a vis, sia nella dinamica che negli effetti.

Leggi l'articolo

La cura della lettura

In questi giorni di grande chiusura, in cui in molti si trovano in difficoltà perché a tu per tu con un grande vuoto di parole, un antidoto veramente potente è costituito dalla lettura.

Leggi l'articolo

L'essere, la mancanza e la schiavitù del possesso

L'essere umano è mancanza a essere, è cioè attraversato da una mancanza incolmabile, legata alla sua insufficienza strutturale, allo strappo patito rispetto ad un tempo mitico di pienezza. L'oggetto, insegna Freud, è da sempre perduto, può solo venir cercato all'infinito. Ogni suo ritrovamento nel reale è un inganno, un'allucinazione. La mancanza non si colma, non si può colmare, mentre la pulsione continua a spingere con forza acefala verso i suoi oggetti nonostante il niente appaia regolarmente al fondo di ogni soddisfazione puramente materiale.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Gli insegnamenti del dolore

Il dolore fisico, entro una certa soglia, ha l’effetto di intensificare anziché di diminuire la lucidità mentale degli esseri umani.

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Leggi l'articolo

Combattere il pessimismo

In questi tempi di incertezza e angoscia sul piano sociale si assiste ad un incremento di sentimenti depressivi: le persone vedono svanire orizzonti ed opportunità, si sentono impedite, rinchiuse, costrette ad affrontare rinunce e sacrifici supplementari.

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961