Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Bisogna capire innanzitutto di che tipo di segni si tratta. Un brutto voto, una media che si abbassa riflettono una normalissima oscillazione nella resa scolastica degli adolescenti. La loro è l’età della turbolenza, dei cambiamenti repentini e delle contraddizioni: non c’è da stupirsi se anche la performance negli studi si rivela altalenante. I genitori in questi casi dovrebbero evitare di esercitare un’eccessiva pressione sui figli ma dar loro fiducia. Diverso è il discorso se ci troviamo di fronte ad un drastico crollo: talvolta può essere la spia di un disagio emotivo profondo, che va a ripercuotersi negativamente sulla capacità di mantenere la concentrazione sui libri. A questo livello è bene che gli adulti prestino massima attenzione ai segni di difficoltà che esulano il mero ambito scolastico, senza però aggravare la situazione con la loro angoscia.

Di che cosa hanno bisogno ora?

E’ difficile generalizzare: ci sono ragazzi che nelle prove rendono meglio sotto stress e senza incoraggiamenti di sorta mentre altri sono più sensibili ai rinforzi esterni. In generale l’adolescente ha ancora bisogno di sentire la presenza genitoriale ma nello stesso tempo vuole anche dimostrare di essere indipendente e capace di cavarsela al di là della spalla rassicurante di mamma e papà. I genitori alla luce di ciò dovrebbero essere attenti osservatori, sensibili alle richieste esplicite di aiuto, ma nello stesso tempo capaci di tenere una dovuta distanza, per lasciare ai loro ragazzi anche la possibilità di cadere e sbagliare. Non è detto che da un fallimento non nascano insegnamenti preziosi per una vita.

Che cosa invece sarebbe inutile o controproducente: minacce, full immersion sui libri...?

In linea di massima la costrizione è sempre controproducente. In psicoanalisi diciamo spesso che l’insistenza genera resistenza. Un genitore attento non lo si riconosce da quanto controllo esercita sui suoi figli ma da quanta fiducia è in grado di accordare loro. E questo comporta anche una buona dose di tolleranza verso l’errore e la caduta. Uno sbaglio oggi non andrà necessariamente a compromettere il futuro del giovane, anzi. Se ben accolto risulta essere più prezioso di un successo: dà infatti al ragazzo la possibilità di porsi delle domande, sviluppare consapevolezza rispetto ai propri limiti e interrogarsi su chi è e cosa vuole veramente. Se va sempre tutto troppo bene certe domande neanche vengono poste e il rischio allora è quello di fare le cose più per gli altri che per se stessi. Cosa che alla lunga non paga.

Quale meccanismo interviene in un ragazzo che sa che verrà rimandato in una o più materie (o che addirittura è consapevole che sarà bocciato)? E come possono aiutarlo i genitori?

In comune l’esperienza del venir rimandati e quella dell’essere bocciati hanno l’umiliazione. Il ragazzo può sperimentare dei vissuti di inferiorità  e di inadeguatezza rispetto al gruppo dei compagni.  Così come possono insorgere rabbia e frustrazione per non essere stati all’altezza delle aspettative degli adulti. Va sottolineato però che una bocciatura non ha lo stesso peso di una materia a settembre. E’ un’esperienza più forte, perchè può essere percepita come una squalifica della propria persona senza possibilità di appello. Di fronte a queste esperienze di fallimento è importante allora che i genitori non vadano a peggiorare la situazione con rimproveri o accuse ma si sforzino di cogliere il vero disagio che il ragazzo esprime attraverso l’insuccesso scolastico. Questo non significa che giustificheranno acriticamente loro figlio sminuendo la portata dell’evento. Anzi. E’ proprio a partire dal riconoscimento del problema che potranno vedere loro figlio per quello che è, limiti inclusi, al di là delle loro aspettative idealizzanti.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.