Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Bisogna capire innanzitutto di che tipo di segni si tratta. Un brutto voto, una media che si abbassa riflettono una normalissima oscillazione nella resa scolastica degli adolescenti. La loro è l’età della turbolenza, dei cambiamenti repentini e delle contraddizioni: non c’è da stupirsi se anche la performance negli studi si rivela altalenante. I genitori in questi casi dovrebbero evitare di esercitare un’eccessiva pressione sui figli ma dar loro fiducia. Diverso è il discorso se ci troviamo di fronte ad un drastico crollo: talvolta può essere la spia di un disagio emotivo profondo, che va a ripercuotersi negativamente sulla capacità di mantenere la concentrazione sui libri. A questo livello è bene che gli adulti prestino massima attenzione ai segni di difficoltà che esulano il mero ambito scolastico, senza però aggravare la situazione con la loro angoscia.

Di che cosa hanno bisogno ora?

E’ difficile generalizzare: ci sono ragazzi che nelle prove rendono meglio sotto stress e senza incoraggiamenti di sorta mentre altri sono più sensibili ai rinforzi esterni. In generale l’adolescente ha ancora bisogno di sentire la presenza genitoriale ma nello stesso tempo vuole anche dimostrare di essere indipendente e capace di cavarsela al di là della spalla rassicurante di mamma e papà. I genitori alla luce di ciò dovrebbero essere attenti osservatori, sensibili alle richieste esplicite di aiuto, ma nello stesso tempo capaci di tenere una dovuta distanza, per lasciare ai loro ragazzi anche la possibilità di cadere e sbagliare. Non è detto che da un fallimento non nascano insegnamenti preziosi per una vita.

Che cosa invece sarebbe inutile o controproducente: minacce, full immersion sui libri...?

In linea di massima la costrizione è sempre controproducente. In psicoanalisi diciamo spesso che l’insistenza genera resistenza. Un genitore attento non lo si riconosce da quanto controllo esercita sui suoi figli ma da quanta fiducia è in grado di accordare loro. E questo comporta anche una buona dose di tolleranza verso l’errore e la caduta. Uno sbaglio oggi non andrà necessariamente a compromettere il futuro del giovane, anzi. Se ben accolto risulta essere più prezioso di un successo: dà infatti al ragazzo la possibilità di porsi delle domande, sviluppare consapevolezza rispetto ai propri limiti e interrogarsi su chi è e cosa vuole veramente. Se va sempre tutto troppo bene certe domande neanche vengono poste e il rischio allora è quello di fare le cose più per gli altri che per se stessi. Cosa che alla lunga non paga.

Quale meccanismo interviene in un ragazzo che sa che verrà rimandato in una o più materie (o che addirittura è consapevole che sarà bocciato)? E come possono aiutarlo i genitori?

In comune l’esperienza del venir rimandati e quella dell’essere bocciati hanno l’umiliazione. Il ragazzo può sperimentare dei vissuti di inferiorità  e di inadeguatezza rispetto al gruppo dei compagni.  Così come possono insorgere rabbia e frustrazione per non essere stati all’altezza delle aspettative degli adulti. Va sottolineato però che una bocciatura non ha lo stesso peso di una materia a settembre. E’ un’esperienza più forte, perchè può essere percepita come una squalifica della propria persona senza possibilità di appello. Di fronte a queste esperienze di fallimento è importante allora che i genitori non vadano a peggiorare la situazione con rimproveri o accuse ma si sforzino di cogliere il vero disagio che il ragazzo esprime attraverso l’insuccesso scolastico. Questo non significa che giustificheranno acriticamente loro figlio sminuendo la portata dell’evento. Anzi. E’ proprio a partire dal riconoscimento del problema che potranno vedere loro figlio per quello che è, limiti inclusi, al di là delle loro aspettative idealizzanti.

 

Altri articoli di attualità

Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Rispetto e amore

Il termine rispetto viene dal latino e significa letteralmente “guardare indietro”. Il verbo “respicere” sembra alludere a qualcosa di più profondo di una semplice osservanza di una regola.

Leggi l'articolo

La psicoterapia via Skype

La psicoterapia da remoto può riprodurre fedelmente quella vis a vis, sia nella dinamica che negli effetti.

Leggi l'articolo

Social network tra rischi e opportunità

I social network sono nati, almeno apparentemente, con uno scopo virtuoso: mettere in connessione sconosciuti che altrimenti non avrebbero nessun’altra opportunità di conoscersi, permettendo scambi di informazioni ed idee in tempo reale. 

Leggi l'articolo

La sindrome di Peter Pan

La  figura di Peter Pan (un personaggio letterario, ibrido fra uccello e bambino), viene comunemente evocata per indicare l’immaturità emotiva tipica di alcuni soggetti, appartenenti  soprattutto al sesso maschile.

Leggi l'articolo

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

Amori virtuali

Oggigiorno tra i giovani (ma anche tra molti adulti) sembra che il sentimento dell’amore non possa più sganciarsi dall’influsso del mondo dei social, con i quali le persone si cercano, si inquadrano e si studiano. 

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961