Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Da una parte abbiamo la componente di fatica e di dolore connessi strettamente alla compromissione del distretto corporeo interessato. Dall' altra tutti i vissuti associati alla situazione: ogni malattia di una certa rilevanza porta nella vita di chi la patisce un frammento di morte, anche quando questa non compromette direttamente le funzioni vitali. L'incisione provocata dallo stato degenerativo fa sentire direttamente sulla propria carne la caducità, la silenziosa spietatezza e ineluttabilità dell'annientamento a cui tutto su questa terra va incontro.

Affetti di natura depressiva costituiscono dunque quasi invariabilmente una costante nella psiche di chi viene toccato dall'esperienza della perdita della piena funzionalità organica. Sarà più semplice affrontarli nei casi in cui esistono delle cure. Il loro superamento in queste circostanze coincide con il ripristino della condizione di salute, a seguito di un intervento risolutivo. Certo, può permanere una certa quota di angoscia connessa alla possibilità del ripresentarsi della malattia. Di solito però questa non supera una certa soglia, ed appare molto simile alla preoccupazione che assilla tutti gli esseri umani in relazione alla possibilità di andare incontro allo sviluppo di malattie. Con la differenza che chi le ha già vissute ha sviluppato un maggior livello di consapevolezza. Uscire fuori dal tunnel di un grave accidente fisico spesso coincide con una vera e propria rinascita. Non solo perché si sta di nuovo bene. Ma anche e soprattutto perché si guarda alla vita con occhi diversi, assaporando in maniera più intensa il fatto stesso di esserci, le piccole gioie e gli insignificanti eventi del quotidiano.

Diverso e più complesso è il discorso per chi, nonostante le cure, non guarisce perché è affetto da una patologia degenerativa, incurabile. Che comporta l'arduo compito di conviverci e la necessità di adattarsi continuamente ai suoi vari stadi di avanzamento, l'ultimo dei quali coinciderà con la perdita completa della funzione dell'organo interessato. Il dolore psichico in queste circostanze diventa compagno di vita, non si lascia mai completamente alle spalle ma si rinnova, giorno dopo giorno. Purtroppo accade che alcune persone soccombano a tale dolore e sprofondino in una condizione di disperazione senza luci, senza possibilità di reazione. Si parla allora di depressione reattiva ad un evento di natura oggettivamente traumatica. In questi casi la psicoterapia unita ad un intervento farmacologico possono essere di grande sostegno perché non tutto sia perduto assieme alla salute.


Esistono però soggetti che, pur confrontandosi quotidianamente con una piccola morte, pur portando sulle spalle il pesante fardello delle innumerevoli impossibilità a cui condanna il proprio male non smettono di combattere, di rimanere attaccati alla vita. Questo non significa che non soffrano. Se sono vivi sentono fortissimamente le emozioni e dunque anche quelle negative. Ma non si fermano lì. Dopo una caduta si rialzano, sempre. In qualche maniera trovano in loro stessi le risorse per sostare nel dolore, attraversarlo e trasformarlo in altro. In opere, creazioni, attività che danno un senso perchè possono essere fruite dagli altri. Mettono cioè a disposizione del prossimo la loro esperienza conoscitiva del lato oscuro della vita. Testimoniando l'irriducibilità della felicità alle mere condizioni materiali.

Altri articoli di attualità

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Leggi l'articolo

Chi si lamenta non vuole cambiare

Lamentarsi è un ottimo modo per non confrontarsi davvero con se stessi.

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

L'essere, la mancanza e la schiavitù del possesso

L'essere umano è mancanza a essere, è cioè attraversato da una mancanza incolmabile, legata alla sua insufficienza strutturale, allo strappo patito rispetto ad un tempo mitico di pienezza. L'oggetto, insegna Freud, è da sempre perduto, può solo venir cercato all'infinito. Ogni suo ritrovamento nel reale è un inganno, un'allucinazione. La mancanza non si colma, non si può colmare, mentre la pulsione continua a spingere con forza acefala verso i suoi oggetti nonostante il niente appaia regolarmente al fondo di ogni soddisfazione puramente materiale.

Leggi l'articolo

Covid e salute mentale

In questi anni di pandemia stiamo assistendo ad un’esacerbazione di molti disagi psicologici. Lo spettro della malattia, la precarietà lavorativa, la tenuta traballante del sistema sanitario e sociale, la chiusura fra le quattro mura, la solitudine, l’aspettativa di un pieno ritorno alla normalità ciclicamente frustrata concorrono al mantenimento di stati depressivi e ansiosi (senza parlare delle ben note reazioni maniacali di negazione della realtà).

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Leggi l'articolo

Ansietà, insoddisfazione e fretta esagerata. Quando il rapporto col tempo si guasta

L’arte più difficile ma indubbiamente salvifica per l’equilibrio interiore consiste nel vivere il presente senza il pensiero continuo del domani.

Leggi l'articolo

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961