Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Il lavoro, la famiglia, le relazioni occupano tutto il nostro tempo, lasciandocene molto poco per noi stessi. Ma cosa significa averne per noi stessi? Vuol dire buttarsi a capofitto in altre attività, questa volta finalizzate a procurare diletto solo alle nostre persone e che riempiano gli interstizi rimasti liberi dalle incombenze del quotidiano? È questo che significa avere tempo? Possederlo come un bene da far fruttare?

In effetti l'idea del tempo come una risorsa preziosa che non va sprecata con l'ozio permea completamente la nostra mentalità. Oggi giorno siamo talmente orientati verso il fare, da essere diventati del tutto intolleranti nei confronti del vuoto. Da una parte sembriamo invocarlo, lagnandoci di un senso di oppressione provocato dalla routine. Dall'altra, nel momento in cui ci si palesa davanti, sia nella forma programmata di una vacanza o del riposo serale, che in quella improvvisa di un'ora libera per via di un appuntamento di lavoro annullato, immediatamente ci chiediamo: e ora cosa facciamo? La nostra mente con una certa apprensione sembra subito porsi il quesito di come fare a riempire il buco minaccioso che ci si è aperto davanti. Ci comportiamo alla stessa maniera anche con i silenzi: pure il parlare, come il fare, diventa un modo per lenire un' ansia, un'irrequietezza di fondo legata alla cessazione di stimolazione.

Fare, e perfino parlare, sotto questa luce appaiono come delle droghe che ci distolgono dall'ansia del vuoto ma che ci rendono pure dipendenti. Senza ci sentiamo persi, di nuovo preda di un malessere che vorremmo sfuggire perché non sappiamo farci i conti. In effetti il vuoto spaventa perché mette in contatto con le nostre emozioni più profonde, ci spinge verso l'interno più che verso l'esterno e ci forza ad ascoltarci, a porci degli interrogativi, a dar retta a quella voce interiore purtroppo silenziata dalla predominanza nelle nostre esistenze della stimolazione sulla riflessione. Così che il vuoto ci minaccia perché noi stessi siamo svuotati dalla superficialità a cui ci chiama la vita moderna. Ci troviamo ad essere ridotti al rango di creature che rispondono benissimo e prontamente a performance complesse ma che poi non sanno tollerare un momento di stasi, di libertà. Come piccole scimmie ammaestrate, che finiscono per amare la loro prigionia. Credendo di volere davvero ciò che invece è solo abitudine.

Come uscire dunque da questa schiavitù? Come tornare a pensare, a godere del tempo lungo del non far nulla? Come essere a proprio agio, rilassarsi in una dimensione che prevede la cessazione del fare? Come sviluppare un'attitudine contemplativa che vada a controbilanciare l'ipertrofia di quella reattiva?

Chiaramente non c'è un fare, non esiste una prassi, un manuale a cui attenersi per recuperare un po' d'autenticità perduta. Un contributo in tal senso lo può offrire un percorso psicoterapeutico, che, con la sua prossimità al silenzio e all'assenza di stimoli può riportare in contatto con le parti più profonde del proprio sè, trascurate e dimenticate nel nome di un iper adattamento alle richieste ambientali. Che, se troppo assecondate, determinano un fatale sacrificio di quegli elementi soggettivi e creativi che solo una vicinanza con la solitudine e l'assenza di attività può portare alla luce.

Altri articoli di attualità

Il culto moderno dell'apparire

Apparire è senz'altro uno dei principali diktat moderni. L'uomo contemporaneo è cioè pesantemente incalzato, fin dai banchi di scuola, ad esibire agli occhi del suo contesto sociale di appartenenza un'immagine di forza e di successo.

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

Combattere il pessimismo

In questi tempi di incertezza e angoscia sul piano sociale si assiste ad un incremento di sentimenti depressivi: le persone vedono svanire orizzonti ed opportunità, si sentono impedite, rinchiuse, costrette ad affrontare rinunce e sacrifici supplementari.

Leggi l'articolo

Azione o accettazione?

Molti malesseri psicologici oggigiorno si connettono ad una scarsa coscienza di sé stessi e delle dinamiche elementari che regolano la vita, dando luogo frequentemente a circoli viziosi di erranza e sbandamenti.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

La cura della lettura

In questi giorni di grande chiusura, in cui in molti si trovano in difficoltà perché a tu per tu con un grande vuoto di parole, un antidoto veramente potente è costituito dalla lettura.

Leggi l'articolo

Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961