Elogio del vuoto

Il lavoro, la famiglia, le relazioni occupano tutto il nostro tempo, lasciandocene molto poco per noi stessi. Ma cosa significa averne per noi stessi? Vuol dire buttarsi a capofitto in altre attività, questa volta finalizzate a procurare diletto solo alle nostre persone e che riempiano gli interstizi rimasti liberi dalle incombenze del quotidiano? È questo che significa avere tempo? Possederlo come un bene da far fruttare?

In effetti l'idea del tempo come una risorsa preziosa che non va sprecata con l'ozio permea completamente la nostra mentalità. Oggi giorno siamo talmente orientati verso il fare, da essere diventati del tutto intolleranti nei confronti del vuoto. Da una parte sembriamo invocarlo, lagnandoci di un senso di oppressione provocato dalla routine. Dall'altra, nel momento in cui ci si palesa davanti, sia nella forma programmata di una vacanza o del riposo serale, che in quella improvvisa di un'ora libera per via di un appuntamento di lavoro annullato, immediatamente ci chiediamo: e ora cosa facciamo? La nostra mente con una certa apprensione sembra subito porsi il quesito di come fare a riempire il buco minaccioso che ci si è aperto davanti. Ci comportiamo alla stessa maniera anche con i silenzi: pure il parlare, come il fare, diventa un modo per lenire un' ansia, un'irrequietezza di fondo legata alla cessazione di stimolazione.

Fare, e perfino parlare, sotto questa luce appaiono come delle droghe che ci distolgono dall'ansia del vuoto ma che ci rendono pure dipendenti. Senza ci sentiamo persi, di nuovo preda di un malessere che vorremmo sfuggire perché non sappiamo farci i conti. In effetti il vuoto spaventa perché mette in contatto con le nostre emozioni più profonde, ci spinge verso l'interno più che verso l'esterno e ci forza ad ascoltarci, a porci degli interrogativi, a dar retta a quella voce interiore purtroppo silenziata dalla predominanza nelle nostre esistenze della stimolazione sulla riflessione. Così che il vuoto ci minaccia perché noi stessi siamo svuotati dalla superficialità a cui ci chiama la vita moderna. Ci troviamo ad essere ridotti al rango di creature che rispondono benissimo e prontamente a performance complesse ma che poi non sanno tollerare un momento di stasi, di libertà. Come piccole scimmie ammaestrate, che finiscono per amare la loro prigionia. Credendo di volere davvero ciò che invece è solo abitudine.

Come uscire dunque da questa schiavitù? Come tornare a pensare, a godere del tempo lungo del non far nulla? Come essere a proprio agio, rilassarsi in una dimensione che prevede la cessazione del fare? Come sviluppare un'attitudine contemplativa che vada a controbilanciare l'ipertrofia di quella reattiva?

Chiaramente non c'è un fare, non esiste una prassi, un manuale a cui attenersi per recuperare un po' d'autenticità perduta. Un contributo in tal senso lo può offrire un percorso psicoterapeutico, che, con la sua prossimità al silenzio e all'assenza di stimoli può riportare in contatto con le parti più profonde del proprio sè, trascurate e dimenticate nel nome di un iper adattamento alle richieste ambientali. Che, se troppo assecondate, determinano un fatale sacrificio di quegli elementi soggettivi e creativi che solo una vicinanza con la solitudine e l'assenza di attività può portare alla luce.

Altri articoli di attualità

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Sapersi arrendere

La forza del carattere viene generalmente associata alla capacità di andare avanti nonostante le difficoltà, al saper insistere, al voler trovare strategie per aggirare gli ostacoli, al non demordere di fronte alla possibilità di realizzare un obiettivo importante sopportando fatica e frustrazione.

Leggi l'articolo

Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Leggi l'articolo

Impulsività e difficoltà di regolazione emotiva

In genere si pensa che le persone si dividano fra impulsive e riflessive, le prime predisposte a decisioni “di pancia”, rapide e magari rischiose, le seconde inclini all’analisi e dunque soggette alla procrastinazione.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Le virtù della mitezza

Dolcezza e animo mite vengono spesso considerate doti negative nella società competitiva in cui viviamo (anche se in questa crisi attuale e generalizzata cominciamo ad avvertire timidi segnali della possibilità che qualcosa possa muoversi in una direzione nuova, una sorta di rinascimento dopo anni oscuri di falsi miti ormai giunti al capolinea).

Leggi l'articolo

Covid e salute mentale

In questi anni di pandemia stiamo assistendo ad un’esacerbazione di molti disagi psicologici. Lo spettro della malattia, la precarietà lavorativa, la tenuta traballante del sistema sanitario e sociale, la chiusura fra le quattro mura, la solitudine, l’aspettativa di un pieno ritorno alla normalità ciclicamente frustrata concorrono al mantenimento di stati depressivi e ansiosi (senza parlare delle ben note reazioni maniacali di negazione della realtà).

Leggi l'articolo

Quando il lavoro è una prigione

Se la mancanza di lavoro costituisce un problema, nella misura in cui priva della possibilità di un’esistenza dignitosa e attiva, un impiego non pienamente in linea con la propria personalità rischia di risultare altrettanto mortificante.

Leggi l'articolo

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

Gli insegnamenti del dolore

Il dolore fisico, entro una certa soglia, ha l’effetto di intensificare anziché di diminuire la lucidità mentale degli esseri umani.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961