Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Nel momento in cui siamo preda del malessere ci sentiamo vittime, cerchiamo conforto, gridiamo il nostro dolore. Vogliamo essere riconosciuti e non siamo affatto disposti ad ammettere un nostro coinvolgimento attivo nel mantenere la nostra infelicità.
Come opera dunque un terapeuta di fronte a questa situazione?

Sicuramente all'inizio di una cura e in molti suoi snodi cruciali ogni terapeuta minimamente esperto offre un'accoglienza umana al dolore che gli viene portato. Non si può infatti portare avanti alcun lavoro di natura più profonda senza che il curante sia ricettivo e poroso nei confronti della sofferenza che viene messa in parola. Questa fase preliminare permette di mettere a fuoco la questione, frequentemente misconosciuta dall'entourage che circonda la persona che chiede aiuto, insensibile alle sue ragioni. Beneficiare di un ascolto attento di ciò che non funziona nella propria vita fa prendere consistenza al disagio, gli dà una forma, una dignità di esistere.

Esiste però un secondo momento senza il quale nessuna terapia può dirsi veramente tale. E questo coincide precisamente con una presa d'atto inedita, un senso di sorpresa e di spaesamento, legato alla visione lucida di determinati meccanismi mentali messi in atto inconsciamente, di cui non si aveva prima alcuna consapevolezza.

In quest'ottica appare chiaro come sia essenziale che qualcosa che prima rimaneva nell'oscurità venga alla luce, producendo effetti di risveglio e di vacillamento delle certezze dì sempre. Se ciò non accade, se il paziente persiste nell'idea di conoscere già tutto di sè, se non si abbandona con fiducia ad un atteggiamento curioso di ricerca, ben presto il luogo della terapia si svuota mentre il discorso finisce per avvitarsi su se stesso senza che nessuna difesa dell' io venga davvero intaccata.

Tale cambiamento di prospettiva nel guardare ai propri problemi sicuramente dipende dal singolo e dalla sua disponibilità a non dare già tutto per assodato. Il terapeuta però può facilitare l'innesco di questa curiosità, attraverso un ascolto particolare che coglie e mette in risalto quei punti nel discorso rivelatori di una verità nascosta e non immediatamente percepibile.

Il suo atteggiamento sarà per lo più ricettivo, volto ad accogliere più che ad aggiungere, a riconoscere più che a saturare. Il suo obiettivo resta quello di tenere il più possibile al centro la parola di chi viene da lui, sottoponendolo dunque ad uno sforzo, quello di dire, di dire bene, di dire ancora, di andare oltre l'ovvio, di sforzarsi di evolvere, di innalzare la propria coscienza.

Altri articoli di attualità

Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Rispetto e amore

Il termine rispetto viene dal latino e significa letteralmente “guardare indietro”. Il verbo “respicere” sembra alludere a qualcosa di più profondo di una semplice osservanza di una regola.

Leggi l'articolo

Ansietà, insoddisfazione e fretta esagerata. Quando il rapporto col tempo si guasta

L’arte più difficile ma indubbiamente salvifica per l’equilibrio interiore consiste nel vivere il presente senza il pensiero continuo del domani.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Leggi l'articolo

Vacanze e stress

Ha una poesia particolare la città in piena estate.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Leggi l'articolo

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Psicologia della disabilità

Un deficit di qualche funzione sensoriale, motoria o mentale, ha degli impatti notevoli sulla psiche di chi vive la condizione di minorazione. La sfida in questi casi è quella di non soccombere del tutto sotto il peso di tali implicazioni emotive.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961