Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

L'immediatezza dell'esposizione ad una molteplicità di individui ci interpella direttamente, elimina qualsiasi schermo protettivo, ci costringe ad essere autentici, ci mette a nudo, facendo venire a galla la stoffa di cui siamo fatti.

Si tratta di un vero e proprio smascheramento: messi alle strette dall'imprevedibilità del confronto con l'altro non possiamo barare, veniamo fuori per quello che siamo, sia sul piano delle nostre competenze reali, sia su quello più profondo, emotivo della modalità con cui le portiamo avanti. Ad esempio, incalzati da una critica ben argomentata, potremmo trovarci del tutto spiazzati: rendendoci conto della sua sensatezza potremmo risultare pesantemente inibiti nella prontezza di risposta.

La gamma di reazioni in questi casi varia da un un silenzio imbarazzato, a un farfugliamento a vuoto fino ad una reazione scomposta ed aggressiva che finisce invariabilmente per condurre dalla parte del torto. Ciò accade nella misura in cui basta una semplice critica per far vacillare la sicurezza che riponiamo in ciò che siamo e pensiamo.

Di solito questa ipersensibilità alle critiche ha origini antiche, essendo legata a ferite narcisistiche patite in età molto precoci e mai del tutto superate su un piano profondo. Spesso la reazione di chi ha subito degli scacchi sul piano del riconoscimento dell'altro è quella di accentuare il proprio valore ai propri stessi occhi attraverso delle compensazioni narcisistiche, che possono però crollare come costruzioni friabili nel momento in cui si riattualizza una situazione di critica o di non compiacenza da parte dell' altro.

Frequentemente chi vive questo tipo di empasse tende ad evitare il confronto autentico con l'altro, a sfuggirvi, proprio per il timore di rivivere quella condizione di umiliazione e inermità sperimentata in passato. Dunque dietro ad un blocco nell' affrontare situazioni pubbliche si nasconde spesso un eccessivo bisogno di piacere e di essere approvati che impedisce però una vera maturazione della persona. La maturità infatti comporta l'assunzione delle proprie fragilità, non un'allergia e un rifiuto accanito verso di esse.

Cosa significa assumere la propria imperfezione? Vuol dire smetterla di considerarla come una macchia, come un meno, significa poterla accogliere come un tratto della propria persona che certamente non riassume tutto il nostro essere ma che quantomeno rende conto del fatto che siamo umani. E in quanto tali sempre fallibili, sempre fragili. Ciascuno a proprio modo.

Non esiste qualcuno che sia esente da insicurezze e punti deboli. Ma sicuramente c'è chi, magari grazie ad un percorso di analisi, riesce a fare un salto più in là nei termini di consapevolezza, accettando di attraversare la propria vergognosa limitatezza. Questo non vuol dire che smetterà di impegnarsi per migliorare ed affinare le sue competenze. Ma lo farà in modo nuovo, non per essere il più bravo, non per essere performante, non per cancellare le sue macchie ma per un senso di responsabilità verso la vita che ci chiama tutti quanti a darci da fare per quanto possiamo, a fare del nostro meglio nel rispetto dei nostri limiti e in armonia con l'unicità che ci caratterizza.

Altri articoli di attualità

La cura della lettura

In questi giorni di grande chiusura, in cui in molti si trovano in difficoltà perché a tu per tu con un grande vuoto di parole, un antidoto veramente potente è costituito dalla lettura.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

Quando la rabbia è una cattiva abitudine

La rabbia, contenuta entro certi limiti e incanalata, diretta verso la realizzazione di qualcosa, può essere un buon alleato per la salute psichica.

Leggi l'articolo

La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

La psicoterapia via Skype

La psicoterapia da remoto può riprodurre fedelmente quella vis a vis, sia nella dinamica che negli effetti.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Rispetto e amore

Il termine rispetto viene dal latino e significa letteralmente “guardare indietro”. Il verbo “respicere” sembra alludere a qualcosa di più profondo di una semplice osservanza di una regola.

Leggi l'articolo

Amori virtuali

Oggigiorno tra i giovani (ma anche tra molti adulti) sembra che il sentimento dell’amore non possa più sganciarsi dall’influsso del mondo dei social, con i quali le persone si cercano, si inquadrano e si studiano. 

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Seconda ondata tra paura e speranza

Per affrontare la  recrudescenza della pandemia e delle limitazioni che stanno impattando pesantemente sulle nostre vite, per ritrovare un po’ di serenità pur nel disagio e nelle preoccupazioni, è necessario rendersi conto di alcune dinamiche psicologiche tossiche in cui ci andiamo inavvertitamente ad avviluppare (traendone anche delle soddisfazioni malate).

Leggi l'articolo

L'essere, la mancanza e la schiavitù del possesso

L'essere umano è mancanza a essere, è cioè attraversato da una mancanza incolmabile, legata alla sua insufficienza strutturale, allo strappo patito rispetto ad un tempo mitico di pienezza. L'oggetto, insegna Freud, è da sempre perduto, può solo venir cercato all'infinito. Ogni suo ritrovamento nel reale è un inganno, un'allucinazione. La mancanza non si colma, non si può colmare, mentre la pulsione continua a spingere con forza acefala verso i suoi oggetti nonostante il niente appaia regolarmente al fondo di ogni soddisfazione puramente materiale.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961