Il valore dei "no" del padre

L'autorità paterna si basa dunque sul divieto dell'incesto. Se da una parte ciò costituisce un inaggirabile traumatismo, dall' altra ha un valore enorme perché svincola il bambino dalla presa di un godimento che lo potrebbe schiacciare e gli insegna a differire la gratificazione delle pulsioni. Per questo i bambini che possono beneficiare di una figura paterna forte ed autorevole, in primis agli occhi della madre, crescono più sani ed equilibrati. Non sono ingombrati dalla tirannia della pulsione e possono accedere in questo modo allo spazio psichico per dedicarsi ad altro, alla scoperta del mondo. La legge del padre, togliendo qualcosa, interdicendo l'eden della simbiosi con la madre, rendendo il paradiso perduto, apre una mancanza feconda, che spinge verso il desiderio, la curiosità, la vita.

Oggi purtroppo osserviamo in maniera ormai "seriale" il declino di tale funzione. I padri sono indeboliti, non hanno più autorità, non sono più agli occhi dei loro figli coloro che comandano, che possiedono la madre e dettano le regole in famiglia. Sempre di più sono gli stessi figli i protagonisti della scena, i partner sostitutivi delle mamme, gli oggetti indiscussi attorno a cui ruotano le esistenze dei padri, ormai annullati ed appiattiti sulle loro esigenze. Questo azzeramento della funzione del limite di matrice paterna ha delle conseguenze nefaste. In primis i sintomi infantili di cui si sente così tanto parlare: iperattività, deficit di attenzione, aggressività. A questi bambini mancano non tanto delle guide, quanto degli argini solidi e fermi alla loro pulsionalità narcisistica, dei "no" che siano tali, che siano irremovibili, che per certi versi non siano giustificati e spiegati.

I padri indeboliti non tollerano l'odio dei loro figli, che inevitabilmente si attiva nel momento in cui vengono limitati nelle loro voglie. Si preoccupano di essere amati da loro, i rapporti di forza si rovesciano completamente. Ora non si tratta tanto di rimpiangere le figure di autorità del passato, il padre padrone, il padre traumatico, quello per cui "non si deve sentire volare una mosca". Qui non stiamo parlando di repressione violenta, di esercizio indiscriminato della violenza fisica o verbale. L'eccesso non va mai bene, troppa severità rischia di avere gli stessi effetti della morbidezza estrema. L' esagerata rigidità e la bontà che rasenta il servilismo hanno entrambe la pecca di non favorire un armonico sviluppo, di non allacciare la legge al desiderio. Esse al contrario li mettono in opposizione, impedendo di sperimentare un'autentica serenità. Che si raggiunge solo se ci sono delle regole, dei limiti invalicabili, delle soglie, dei veli, dei tabù, dei punti ciechi.

Una psicoanalisi può aiutare i genitori in crisi con il loro ruolo, a patto però che si interroghino autenticamente sulla loro posizione. Non si tratta di trovare delle strategie, di risolvere i problemi educativi dei figli nel reale attraverso trucchi o stratagemmi. Un lavoro psicoanalitico lavora nel profondo, punta ad un cambiamento di posizione, e lo si può intraprendere solo se si coglie che è in se stessi che c'è qualcosa che non va. Non è il figlio ad essere problematico, lui è solo il sintomo, la punta dell'iceberg di una questione ben più complessa e che lo trascende. Diventare genitori fa tornare a galla dei punti di empasse che hanno a che fare con la propria storia, ed è da lì che con coraggio si tratta di partire, se si desidera realmente cambiare.

 

Altri articoli di attualità

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Come difendersi dai manipolatori

Purtroppo viviamo in una società in cui la manipolazione a livello interpersonale è un atteggiamento diffusissimo, così pervasivo da passare inavvertito alle coscienze meno attente.

Leggi l'articolo

La psicoterapia online

Prima dell’emergenza Coronavirus una fetta importante di psicoterapeuti era piuttosto scettica sulla fattibilità ed efficacia della psicoterapia così detta “online”.

Leggi l'articolo

Combattere il pessimismo

In questi tempi di incertezza e angoscia sul piano sociale si assiste ad un incremento di sentimenti depressivi: le persone vedono svanire orizzonti ed opportunità, si sentono impedite, rinchiuse, costrette ad affrontare rinunce e sacrifici supplementari.

Leggi l'articolo

Impulsività e difficoltà di regolazione emotiva

In genere si pensa che le persone si dividano fra impulsive e riflessive, le prime predisposte a decisioni “di pancia”, rapide e magari rischiose, le seconde inclini all’analisi e dunque soggette alla procrastinazione.

Leggi l'articolo

La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Leggi l'articolo

Insegnare: quando manca la passione

È esperienza comune purtroppo imbattersi in insegnanti che non solo non amano particolarmente il proprio lavoro, ma che lo fanno anche di malavoglia, con svogliatezza e senso di frustrazione. 

Leggi l'articolo

La sindrome di Peter Pan

La  figura di Peter Pan (un personaggio letterario, ibrido fra uccello e bambino), viene comunemente evocata per indicare l’immaturità emotiva tipica di alcuni soggetti, appartenenti  soprattutto al sesso maschile.

Leggi l'articolo

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Il malessere da smartphone

Sono innegabili gli impatti dell’avvento di internet nella vita di ciascuno di noi. Dai quarant’anni in su ce ne rendiamo ben conto, noi della mezza età almeno i primi vent’anni della vita li abbiamo trascorsi nella più completa disconnessione (proprio perché non esisteva nulla a cui connettersi). 

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Gaslighting: modalità, cause e vie d’uscita

Il termine “gaslighting” sta entrando nel lessico comune, spesso le stesse persone in terapia lo utilizzano spontaneamente per descrivere dinamiche manipolatorie tossiche a cui si rendono conto di essere esposte nella loro vita affettiva.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961