Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Nella contemporaneità invece purtroppo viene indubbiamente esaltata come qualità "vincente" l'estroversione, con il rischio di sottostimare le ricchezze dell'atteggiamento contrario, spesso bollato come negativo in quanto socialmente poco appariscente.

L'estroverso è brillante, loquace, sempre al centro dell'attenzione. Tiene la scena, ha capacità di immediata persuasione e di influenza sugli altri. Inoltre appare ottimista, energico, amante della vita, pieno di risorse. Trasmette entusiasmo e simpatia, sembra che sappia sempre il fatto proprio. Dubbi e incertezze non fanno parte del suo repertorio. Va da sè che possieda le carte giuste per emergere e dominare negli ambienti sociali, da quelli lavorativi a quelli di semplice svago, conquistando potere, ammirazione e notorietà.

Spesso però questa sua immagine seducente ed accattivante nasconde qualche lato in ombra, che viene scoperto sostanzialmente da chi entra in una vera relazione di intimità con lui. Conosciuto a fondo il tipo fortemente estroverso pecca di superficialità.

Essendo poco sensibile agli stimoli esterni, non ne viene turbato e questo è anche il motivo per cui appare spavaldo e suo agio in tutte le situazioni. Ciò lo porta però ad essere scarsamente analitico e "facilone" nelle sue valutazioni. Impulsività e camaleontismo costituiscono l'altra faccia del suo modo di fare sempre risoluto. Inoltre non tollera la solitudine, per cui è più esposto ad andare in crisi nei momenti della vita in cui questa condizione appare una tappa necessaria da affrontare per crescere ed evolvere nel senso della maturità e dell'indipendenza.

L'introverso al contrario non ama esibirsi, e questo fatto lo svantaggia notevolmente nei termini di desiderabilità sociale. Tende ad ascoltare più che a parlare, soprattutto all'interno dei gruppi, dove la sua presenza è per lo più silenziosa e i suoi interventi rari e calcolati. Nelle conversazioni a due può rivelare un'inaspettata loquacità, specie se l'argomento è di suo interesse o non banale.

Sebbene sappia condurre una vita sociale soddisfacente (introversione infatti non è sinonimo di timidezza) non è un maniaco delle feste e degli eventi mondani. Per lui ritagliarsi dei momenti di solitudine costituisce una necessità irrinunciabile, per via di una ricca vita interiore, di pensieri e fantasie che lo portano a coltivare interessi e passioni di natura intellettuale e/o artistica. Quasi invariabilmente questa attitudine si associa alla creatività.

La sua natura riservata e orientata all'"essere" più che all'"apparire", non ne fanno un ambizioso. Quando si trova ad eccellere e ad ottenere un riconoscimento di prestigio ciò è sempre un effetto secondario della passione e della competenza che dimostra nel fare le cose, mai una conseguenza diretta di un magnetismo personale o di amicizie "giuste".

Pertanto, data l'enfasi che oggigiorno si dà ad un atteggiamento estroverso e grintoso, è importante che chi si situa più sul versante dell'introversione prenda consapevolezza dei propri punti di forza, senza focalizzarsi a senso unico sui propri deficit in campo relazionale. Se cercare di migliorarsi è senz'altro indice di intelligenza, è parimenti fondamentale accettare la propria natura di fondo, per mantenere la propria originalità personale e non farla scomparire dietro atteggiamenti mimetici messi in campo solo per piacere e ottenere consenso.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.