La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Ma esiste uno specifico della “psicologia dell’emergenza” che ne fa qualcosa di diverso rispetto ad un percorso classico? Oppure possiamo considerare l’impatto della morte e della malattia come una delle svariate possibilità di approdare ad un’indagine conoscitiva di se stessi che può farsi nel tempo via via sempre più profonda?

Di fatto entrambe le visioni sono corrette. L’urgenza rappresenta una fase a se stante e può restare tale fino ad un esaurimento della necessità di aiuto. Ma può anche più o meno rapidamente innescare riflessioni e prese d’atto che vanno oltre gli eventi drammatici.

In questo secondo caso il lavoro si complessifica e bisogna che chi tocca certe verità  sia anche disposto a volerle guardare, abbia cioè la forza e la disposizione d’animo per coinvolgersi in un discorso più ampio. 

L’urgenza

Chi subisce un lutto o viene esposto alla malattia entra in contatto con una dimensione dell’esistenza che normalmente resta celata. L’immagine con cui rivestiamo il nostro corpo e l’ambiente circostante improvvisamente si strappa ed emerge la brutalità della sofferenza, che cancella ogni bellezza consolatoria.

Inoltre anche le stesse abitudini, le scansioni temporali, gli interessi che costituiscono gran parte del vissuto personale usuale perdono di significato, implodono, inghiottiti da una voragine che cancella tutto.

La morte, reale, definitiva, o il suo simulacro presentito nella malattia, sconvolgono l’ordine della ripetizione automatica e  incosciente e gettano nell’angoscia, nella paralisi, nel silenzio assordante. Chi è travolto dall’onda fatica persino a chiedere aiuto, perché domandare significa già vita, vibrazione, movimento verso l’altro.

Quando costui riesce a farlo la sua parola è stentata, come spenta, oppure si fa torrenziale disperdendosi in uno sfogo che rischia di fomentare anziché di liberare il dolore. Chi parla infatti si confronta con l’inadeguatezza dell’interlocutore, verso il quale rivolge inconsapevolmente la domanda impossibile di cancellare il trauma o di conferirvi un senso.

Il terapeuta se non si muove bene e compie (sulla scia di un’angoscia speculare)  il fatale errore di voler “consolare” rischia di diventare il bersaglio di un’aggressività ancor più furiosa, comprensibile alla luce di una rabbia che non trova  nella realtà un oggetto contro cui scagliarsi. Di chi è la colpa alla base di tanta sofferenza? Di Dio? Della Natura? Degli uomini? Di nessuno e quindi del caso?

Ascoltare il patimento di chi è traumatizzato implica l’aver non solo già attraversato qualcosa di simile, ma anche esserne sopravvissuti.  Solo così si può  “stare” saldamente nella mischia insieme al paziente, senza confondimenti di ruoli e posizioni, senza tentativi di fuga o di ridimensionamento della sofferenza.

Il silenzio attonito o l’urlo disperato, il linguaggio spezzettato o il pianto irrefrenabile trovano un luogo, un contenitore dove possono esistere e basta. Nessuna interpretazione, nessuno stimolo, nessuna razionalizzazione: un ascolto rispettoso è tutto quello che serve.

Allora, dopo che lo sconvolgimento comincia ad esistere anche fuori dalla mente di chi ne è colpito e dunque ad avere dei contorni che lo circoscrivono, esso può iniziare a venir pensato, maneggiato, reinserito cioè in un ordine umano e parzialmente elaborabile. Il superamento di certi eventi dolorosi non è mai integrale, resta sempre un resto con il quale si è chiamati a convivere per tutta la vita. Ma dopo aver tirato fuori, pianto, ricordato, detto e ridetto si può via via assorbire il colpo e infine, in parte, dimenticare.

Una psicoterapia può concludersi qui, con il sollievo, con un qualche equilibrio ripristinato, con qualche conoscenza e strumento in più per convivere con il lato oscuro della vita, integrandolo nel tessuto della propria esistenza. 

Il tempo dei perché

Ma il lutto, la malattia, l’angoscia se da un lato ci fanno conoscere l’insensatezza con la quale dovremo fare i conti, dall’altro possono trasformarsi essi stessi in strumenti conoscitivi supplementari di noi stessi.

Questo passaggio non è per tutti, non è obbligatorio e non è detto che se non si compie in un dato  momento non si compierà mai. A qualcuno succede. E può allora spalancare porte restate chiuse per anni, evocare ricordi antichissimi, iniziare ad una rilettura della propria vita totalmente nuova e spiazzante.

Il dolore, anche quello traumatico, ha un potenziale rigenerativo enorme. Trasforma e non solo in un senso negativo. Mina, mette alla prova, ma se non distrugge, se non disintegra può addirittura segnare l’inizio di una rinascita, di una vita nuova.

Ciascuno di noi tende a non vedere tutta la gamma possibile dei colori esistenti, privilegiando certe tinte, certe sfumature rispetto ad altre. E questo perché l’educazione, le esperienze in famiglia, le ferite, i complessi strutturano la psiche di ognuno in maniera singolarmente condizionante. Ciascuno cioè  si porta appresso nel proprio cammino una serie di bende e di zavorre.

Il trauma, scompaginando le carte, ha il potere di far vacillare certezze ed acquisizioni, liberando un’energia fortissima in grado di far vedere fin nell’oscurità di sé stessi e di far emergere reperti sotterrati dal tempo.

Quei reperti possono rivelarsi i mattoni su cui ricostruire, dai cui ripartire, nell’orizzonte di una mutazione post bellica che deve la sua efficacia al recupero delle macerie (e non all’eliminazione di esse) in favore di un nuovo inizio saldamente intrecciato al passato.

Disagio contemporaneo

Altri articoli di attualità

La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

La psicoterapia via Skype

La psicoterapia da remoto può riprodurre fedelmente quella vis a vis, sia nella dinamica che negli effetti.

Leggi l'articolo

Le virtù della mitezza

Dolcezza e animo mite vengono spesso considerate doti negative nella società competitiva in cui viviamo (anche se in questa crisi attuale e generalizzata cominciamo ad avvertire timidi segnali della possibilità che qualcosa possa muoversi in una direzione nuova, una sorta di rinascimento dopo anni oscuri di falsi miti ormai giunti al capolinea).

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

Quando la rabbia è una cattiva abitudine

La rabbia, contenuta entro certi limiti e incanalata, diretta verso la realizzazione di qualcosa, può essere un buon alleato per la salute psichica.

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

La sospensione del giudizio

La lucidità nell’inquadrare correttamente persone e situazioni può essere offuscata da una serie di fattori che fanno interferenza con una lettura equilibrata delle cose.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961