Quando la rabbia è una cattiva abitudine

La rabbia, contenuta entro certi limiti e incanalata, diretta verso la realizzazione di qualcosa, può essere un buon alleato per la salute psichica. Essa infatti ha la funzione di segnalare  internamente  la frustrazione connessa a certe situazioni o relazioni, spingendo pertanto a non subire passivamente gli eventi e a mettere in atto reazioni anziché implosioni.

La rabbia virtuosa

Le reazioni virtuose e non distruttive innescate dalla rabbia sono dell’ordine dell’impegno e della disciplina, che si traducono in grinta e tenacia, in atteggiamenti cioè non rassegnati ma decisi verso obiettivi di sviluppo e di espressione di sé non ai danni di qualcuno o di qualcosa.

La fierezza di questo genere tiene sempre conto dell’altro e del valore del rispetto, proprio e altrui. Implica inoltre la fatica e un rapporto con il limite equilibrato, che, pur nell’orizzonte del suo rispetto, al tempo stesso ne cerca le crepe, le fessure, gli aspetti aggirabili e forzabili per andare oltre ciò che può essere cambiato.

Allora la rabbia si traduce in forza, in energia, in spinta propulsiva verso il cambiamento.

La rabbia distruttiva

Purtroppo però il volto oggigiorno  più conosciuto della rabbia è la reazione scomposta e distruttiva, frequentemente rancorosa e irrispettosa nei confronti dell’altro. Una sorta di scarica esplosiva priva di ogni finalità se non di quella di ristabilire un fittizio senso di padronanza susseguente ad una frustrazione.

Tuttavia l’effetto analgesico e ansiolitico di questo genere è, seppur lì per lì gratificante, molto volatile, destinato a durare poco e a consegnare a sensazioni di vuoto e di colpa. Un po’ come per le droghe: l’euforia lascia ben presto posto alla depressione, allargando, anziché suturando, le sottostanti ferite dell’animo.

La rabbia distruttiva provoca dunque piacere e la sua attivazione coincide con quella delle aree cerebrali e della chimica legata alla così detta “ricompensa” (dopamina, adrenalina ecc…). Meccanismi accertati in tutte le dipendenze, che, accanto alla dimensione psicologica,  vedono protagonista la biologia e le sue soverchianti leggi. 

La schiavitù del piacere

 Il dipendente è allora uno schiavo dei suoi circuiti fisici. Ma lo è perché è troppo debole sul piano mentale  per elevarsi al di sopra della chimica che universalmente tiranneggia l’essere umano, oppure perché la sua vulnerabilità in primis è di natura fisica?

La società in cui viviamo tende a spiegare tutto ricorrendo al concetto di malattia, che dunque deresponsabilizza riportando la causa di certi atteggiamenti patologici a un presunto “difetto di fabbrica”.

Se senz’altro ci sono problematiche (come le dipendenze e la rabbia patologica) che hanno alla loro base una forte componente di predisposizione genetica, è vero però che una visione del genere perde completamente di vista il valore correttivo e trasformativo dell’apprendimento e dell’esperienza, basato su una certa indipendenza del mentale dalle sue catene fisiche-biologiche.

Ai nostri giorni questo spessore psichico e mentale, si sta lentamente assottigliando anche nelle persone colte e intelligenti, perché non più culturalmente sollecitato. 

 “Tutto e subito”, lo slogan incalzante dei nostri tempi, impedisce lo sviluppo della tolleranza delle frustrazioni, consegnando alla fragilità della dipendenza, alla rincorsa del piacere come il valore massimo che dà senso alla vita. 

 Mentre la coscienza intesa nel suo senso più ampio, la consapevolezza, la visione di sé stessi e delle cose dall’alto (per certi versi spersonalizzante ma salvifica), la capacità di pensare, di elaborare, di attendere la visione lucida anziché di precipitarsi in un “lo so già” aprioristico sono tutte facoltà in via di estinzione.

Impasse terapeutica 

 La psicoterapia stessa finisce per venir  invasa da queste scariche rabbiose di adrenalina, difficilmente trasformabili in elementi pensabili. Sempre più spesso i percorsi si impantanano, al di là delle diagnosi strutturali, per via della convulsa ricerca del piacere, che acceca e riduce tutto all’iper concretezza del presente, del qui ed ora, senza il minimo investimento in un lavoro di costruzione che darà i suoi frutti in futuro. 

Si domanda come poter agguantare il godimento anelato, come poter cambiare l’altro, non come poter lavorare su se stessi. “Io sono così” è l’assunto granitico non dialettizabile di molte partenze. 

Inoltre la dimensione temporale bloccata, schiacciata sull’oggi vagheggia sì un domani,  che però resta una chimera irraggiungibile, perdendo i collegamenti con gli atti del presente.

 Così che  soprattutto i nostri giovani si trovano persi in un’erranza cieca, inconcludente e rabbiosa, perennemente alla ricerca di una chiave risolutiva nell’altro anziché in se stessi, convinti che le relazioni siano luoghi di salvezza assoluta e pertanto perennemente delusi e in fuga da rapporti collezionati come figurine di album fotografici.

 Solo quando la coscienza (intesa come occhio interiore che vigila, osserva  e coglie i punti critici di sè con il desiderio di evolvere ) si risveglia l’atto terapeutico può avere una qualche incidenza.

 Altrimenti  tutto il lavoro si riduce a suggerimenti di buon senso riguardo situazioni banali e quotidiane, volatili come gli intenti di chiede aiuto.

Disagio contemporaneo

Altri articoli di attualità

Seconda ondata tra paura e speranza

Per affrontare la  recrudescenza della pandemia e delle limitazioni che stanno impattando pesantemente sulle nostre vite, per ritrovare un po’ di serenità pur nel disagio e nelle preoccupazioni, è necessario rendersi conto di alcune dinamiche psicologiche tossiche in cui ci andiamo inavvertitamente ad avviluppare (traendone anche delle soddisfazioni malate).

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

Il difficile equilibrio tra la donna e la madre

Ogni donna che diventa madre incontra prima o poi un momento in cui sente il richiamo di un desiderio che va al di là di quello di occuparsi di suo figlio. Il suo essere semplicemente madre ad un certo punto non le basta più, la dedizione totale si allenta e riaffiora un desiderio d'altro.

Leggi l'articolo

Il desiderio di guarire

Sembra scontato, ma non lo è. Alla base di ogni guarigione che si possa dire tale esiste sempre un fortissimo desiderio di guarire, mai astratto ma concreto e reale. 

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

Il malessere da smartphone

Sono innegabili gli impatti dell’avvento di internet nella vita di ciascuno di noi. Dai quarant’anni in su ce ne rendiamo ben conto, noi della mezza età almeno i primi vent’anni della vita li abbiamo trascorsi nella più completa disconnessione (proprio perché non esisteva nulla a cui connettersi). 

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Gli insegnamenti del dolore

Il dolore fisico, entro una certa soglia, ha l’effetto di intensificare anziché di diminuire la lucidità mentale degli esseri umani.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961