Amori virtuali

Oggigiorno tra i giovani (ma anche tra molti adulti) sembra che il sentimento dell’amore non possa più sganciarsi dall’influsso del mondo dei social, con i quali le persone si cercano, si inquadrano e si studiano. 

Attraverso tale sistema si è venuta a creare da una parte la presunzione di poter capire l’altro velocemente (assemblando pezzetti della sua vita privata esibiti al pubblico), dall’altra l’illusione di poter sempre raggiungerlo  e di poter evincerne il grado di interessamento e di coinvolgimento attraverso dei fatti supposti oggettivi (foto o storie viste su Facebook, “like”, spunte blu su Whatsapp, stati, ultimi accessi ecc…)

La paranoia

Tale modalità ha delle ricadute pesanti nelle relazioni; se apparentemente le agevola e le favorisce, ciò che si osserva da vicino nella clinica ma anche nella vita è un incremento di dinamiche malate e tossiche per la serenità psichica. 

La ricerca spasmodica di “segni” che indichino incontestabilmente il livello di gradimento dell’altra persona o il tentativo di inviare messaggi “subliminali”  che l’altro dovrebbe con perizia decriptare, incistano una modalità comunicativa di natura allusiva (propria semmai dei primi tempi del corteggiamento) che in questi spazi virtuali si allarga indefinitamente, sfiorando il delirio di riferimento.

La mediazione dei social negli affari di cuore fomenta nella mente umana (anche in quella non malata) una sorta di “paranoia di controllo” , di fissazione su dettagli futili ricercati convulsamente sullo schermo di un cellulare che nulla hanno a che vedere con il reale vivo dello scambio umano.

Le persone, con i social, cercano paranoicamente delle certezze, cercano cioè di aggirare l’incertezza insita nel rapporti umani basando per altro le proprie elucubrazioni non su percezioni personali, bensì su presentazioni create ad hoc da parte dei sistemi e manipolate a piacimento dai fruitori. Ne deriva un che di artificioso e di contorto, in cui il grande assente è l’incontro.

Anche per i più avvertiti e i più senior  è facile scivolare in certi circoli viziosi; i giovani tuttavia sono i più esposti e quelli che rischiano maggiormente di venir inghiottiti nel gorgo digitale;  il rischio per loro è smarrire un qualche minimo senso di orientamento nella relazione che non sia mutuato dai social e dalle loro regole. 

L’ambiente del virtuale è così nocivo alle giovani menti anche perché le indebolisce rispetto alle frustrazioni che la realtà invece mette spietatamente di fronte. Se il ragazzo dei desideri mette dei “like”, chatta volentieri ma poi non invita mai fuori per un incontro nella vita reale non vuol dire che sia un timido cavaliere che teme di uscire dall’ombra. 

Ma le fanciulle contemporanee frequentemente interpretano così la condotta incoerente dell’agognato ragazzo, scelto spesso sulla base di criteri stereotipati, a volte nemmeno conosciuto di persona. Esse si struggono e si scervellano fino allo sfinimento creando congetture proprio a partire da quei “like”, segni inequivocabili di interesse (che in realtà non significano niente ma che per la logica del social sono invece tutto). 

Accade così che la realtà venga negata e prenda il sopravvento una pseudo realtà velatamente delirante dove tutto viene spiegato secondo una causalità distorta, avente come finalità la soppressione di un fatto semplice ma amaro: al ragazzo in questione la fanciulla resta simpatica ma nulla più.

La maturità psichica, che ha fra i suoi caposaldi  il riconoscimento e la tolleranza delle frustrazioni, viene inibita, con tutta una serie di prevedibili conseguenze. Lo “stalking” o il controllo compulsivo di stati e accessi prendono il posto dell’accettazione della delusione. Qualcosa dunque di violento, per se stessi e per gli altri, si sostituisce al dolore psichico. La rabbia rimpiazza il patimento e la possibilità di una sua integrazione e superamento.

La cura

A poco serve, davanti alla persona preda del suo delirio da social (qualsiasi esso sia), argomentare circa l’assurdità di certe teorie. Chi è dentro a determinate ossessioni non ne esce solo perché qualcuno gli mostra come stanno le cose. Il rifiuto di vedere non è trattabile.

Il paranoico che è strutturalmente tale resterà impermeabile anche dopo la debacle, e ci sarà poco da fare se non limitare gli effetti della sua convinzione errata. 

Ma esistono anche le paranoie transitorie in strutture nevrotiche, tuttavia segnate da immaturità, blocchi non superati, solitudini o eventi dolorosi. In questi casi la certezza non è granitica, e si può lavorare ai fianchi per preparare un terreno fertile ad una svolta. 

Bisogna però agganciare il vero punto di sofferenza che ha spinto all’accecamento e ha consegnato nelle trappole dei social e lavorare su quello, senza accanimento, con dolcezza ma con la fermezza di chi capisce senza giudicare.

Riconnettendosi a se stessi, trovando il coraggio di guardarsi, si può togliere la benda che offusca la presa d’atto dolorosa. Con l’esito di riuscire a tenere il telefono il più alla larga possibile, rituffandosi nella prosaica vita, magari più grigia di quella scintillante di Facebook ma sicuramente più vera. 

Rapporto uomo donna, Disagio contemporaneo

Altri articoli di attualità

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

La non accettazione del limite

Che significa rifiutare i propri e altrui limiti? Da dove origina tale attitudine? E quali ricadute ha sulla vita?

Un po' tutti gli esseri umani tendono a non voler accettare la propria castrazione, ovvero la limitatezza del proprio essere e delle sue possibilità espressive e d'azione. Anche i bravissimi, i più talentuosi hanno un punto debole, una macchia cieca che offusca in parte la loro lucidità. È un dato di struttura: la perfezione assoluta non è propria dell'umano, che è tale perché è diviso, lacerato, incompleto.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Cambiare prospettiva

Un lavoro psicoterapeutico, se portato a fondo, scolla chi lo intraprende dagli schemi con cui è solito leggere e reagire agli eventi. Spinge cioè a mettersi in discussione, a vedere parti di sè che generalmente restano in ombra e che a ben vedere sono proprio la radice della sofferenza e degli scacchi che vengono patiti nella vita. Spesso però, quando si inizia un percorso, lo si fa sulla scia della sofferenza. E quest'ultima in un certo senso acceca rispetto alle proprie responsabilità.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Il culto moderno dell'apparire

Apparire è senz'altro uno dei principali diktat moderni. L'uomo contemporaneo è cioè pesantemente incalzato, fin dai banchi di scuola, ad esibire agli occhi del suo contesto sociale di appartenenza un'immagine di forza e di successo.

Leggi l'articolo

Rispetto e amore

Il termine rispetto viene dal latino e significa letteralmente “guardare indietro”. Il verbo “respicere” sembra alludere a qualcosa di più profondo di una semplice osservanza di una regola.

Leggi l'articolo

L'essere, la mancanza e la schiavitù del possesso

L'essere umano è mancanza a essere, è cioè attraversato da una mancanza incolmabile, legata alla sua insufficienza strutturale, allo strappo patito rispetto ad un tempo mitico di pienezza. L'oggetto, insegna Freud, è da sempre perduto, può solo venir cercato all'infinito. Ogni suo ritrovamento nel reale è un inganno, un'allucinazione. La mancanza non si colma, non si può colmare, mentre la pulsione continua a spingere con forza acefala verso i suoi oggetti nonostante il niente appaia regolarmente al fondo di ogni soddisfazione puramente materiale.

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

La psicoterapia online

Prima dell’emergenza Coronavirus una fetta importante di psicoterapeuti era piuttosto scettica sulla fattibilità ed efficacia della psicoterapia così detta “online”.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961