Sapersi arrendere

La forza del carattere viene generalmente associata alla capacità di andare avanti nonostante le difficoltà, al saper insistere, al voler trovare strategie per aggirare gli ostacoli, al non demordere di fronte alla possibilità di realizzare un obiettivo importante sopportando fatica e frustrazione.

La forza di carattere è anche sapersi arrendere 

Tutte queste caratteristiche, che giustamente  mettono l’accento sulla “resistenza”, rischiano però  di disegnare un ritratto ideale. La persona forte ne viene fuori cioè come quella che non molla mai, ma proprio mai, inscalfibile, al pari di un essere inumano dotato di una corazza d’acciaio. Ogni debolezza o défaillance sembra non trovare spazio in un quadro del genere, che, se preso a modello, finisce o per fomentare idee maniacali  o per scoraggiare anziché incentivare lo sviluppo di una qualche capacità di risposta positiva da parte di chi si trova in situazioni difficili. 

La resistenza psichica infatti non esclude la resa, anzi, la comprende nel suo cerchio come momento fondamentale. Chi porta a termine delle opere o chi reagisce a delle avversità di un certo peso, apparentemente non si ferma mai ma in realtà a ben vedere subisce sempre delle battute d’arresto, vive continuamente dei momenti di bonaccia, va incontro frequentemente a crisi e messe in discussione. Ma, anziché scoraggiarsi o impantanarsi nell’incertezza, sa attingere dalla stasi una lezione importante su se stesso e sulla vita, da cui scaturisce un rilancio vitale che porta ad andare avanti.

L’incontro con il limite e il suo “attraversamento” è dunque fondamentale. Non si tratta di diventare forti come il marmo, ma di saper accogliere e integrare il limite umano senza rifiutarlo o utilizzarlo come scusa per restare immobili.

Le diverse facce del limite

Cos’è questo limite? Esso non ha una sola faccia: può essere una banale stanchezza psico fisica, un problema di salute, un dubbio, un’incertezza, un cambio di prospettiva. Il limite è cioè tutto ciò che, indipendentemente dalle circostanze esterne, fa internamente da inciampo alla capacità di incidere e trasformare le cose. È qualcosa di connaturato alla natura umana, con cui risulta fondamentale scendere a patti, pena la follia esaltata o all’opposto la depressione paralizzante. 

Ecco che arrendersi nel mentre si sta realizzando qualcosa non si traduce operativamente nel mollare tutto, nel disperdere le energie riprovando con qualcos’altro e addossando la responsabilità dell’insuccesso alla situazione. Arrendersi vuol dire mettersi in ascolto, del proprio corpo, della propria mente, dei segnali di disagio che ci vengono inviati che, se recepiti nel loro senso, possono addirittura contribuire in termini di creatività e intensità.

Questa plasticità e disponibilità ad accogliere i segnali di “stop” interiori, rende l’essere umano più pienamente umano,  vivo e alla fine autenticamente creativo. Mentre è dall’indisponibilità a far spazio all’insuccesso che sorgono molti guai, perché qualcosa si blocca a livello narcisistico. L’Io cerca di imporre interiormente una padronanza assoluta, costringendo così a mollare tutto o a portare tutto avanti come nulla fosse, sfociando nell’autolesionismo.

Le dipendenze e il rifiuto del limite 

Spesso questi meccanismi di irrigidimento dell’Io e di rifiuto del limite danno luogo a vere e proprie psicopatologie, soprattutto nel campo delle dipendenze. Un oggetto, che può essere il cibo come una sostanza stupefacente o una persona o un gadget, viene incaricato di fungere da “rafforzatore” del senso di padronanza, la cui strutturale  fragilità viene vissuta come una minaccia, un attacco mortale. 

Così vediamo come nell’anoressia proprio il  “non mangiare” abbia questa funzione di  rafforzatore dell’Io. L’anoressica  si illude, attraverso il controllo del cibo, di  poter diventare inscalfibile come una pietra, un essere in grado di elevarsi al di sopra dell’umanità schiava delle debolezze e di affrontare con volontà d’acciaio ogni prova sfinente.

La crisi bulimia segnala il fallimento dell’illusione, il venir meno dell’oggetto “niente” con conseguente abbandono alla totale sregolatezza.  A questo livello si vede bene come la mancata assunzione del limite porti il limite stesso alla condizione di vortice che inghiotte e annichilisce. 

Non molto diverso è il discorso per il tossicodipendente, soprattutto per quello che inizialmente si avvicina alle droghe con finalità prestazionali. La droga permette al suo Io di dedicarsi senza sosta  al lavoro, è la sua arma segreta che lo rende diverso dai comuni mortali.

Anche per lui arriva il momento del ritorno dell’onda, con effetti devastanti proprio su ciò che premeva di più, essere onnipotenti. Dalle ventiquattr’ore di lavoro no stop si finisce per non presentarsi in ufficio, nel non mantenere la parola, nel perdere tutta la credibilità costruita 

Anche chi si incolla ad una relazione con finalità di auto cura  finisce per vivere dinamiche simili; il partner, da rafforzatore che esalta l’Io o lo protegge dall’incontro con la frustrazione, diventa un problema, un detrattore di energia, una prigione che stritola e inibisce ogni autonomia.

Senza parlare poi delle piccole, grandi dipendenze che la nostra vita contemporanea ci offre grazie al consumismo. Non a caso per molti, non poter andare nei negozi o a cena fuori appare la peggior disgrazia legata all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo attualmente, mitigata almeno dalla presenza soccorritrice dei siti di acquisto on line. Chi sono, cos’è la mia vita  senza il supporto offerto dagli oggetti?

La resa, con relativa integrazione del limite, appare allora come un processo non banale che tocca tutti gli esseri umani,  giocandosi a vari livelli di consapevolezza e psicopatologia. 

Altri articoli di attualità

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Verso la fine dell' anno scolastico: domande e risposte

I nostri figli adolescenti stanno iniziando a mostrare segni di cedimento a scuola. Come possiamo aiutarli ad arrivare alla fine dell'anno scolastico? 

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Psicologia della disabilità

Un deficit di qualche funzione sensoriale, motoria o mentale, ha degli impatti notevoli sulla psiche di chi vive la condizione di minorazione. La sfida in questi casi è quella di non soccombere del tutto sotto il peso di tali implicazioni emotive.

Leggi l'articolo

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

Social network tra rischi e opportunità

I social network sono nati, almeno apparentemente, con uno scopo virtuoso: mettere in connessione sconosciuti che altrimenti non avrebbero nessun’altra opportunità di conoscersi, permettendo scambi di informazioni ed idee in tempo reale. 

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Leggi l'articolo

Quando la rabbia è una cattiva abitudine

La rabbia, contenuta entro certi limiti e incanalata, diretta verso la realizzazione di qualcosa, può essere un buon alleato per la salute psichica.

Leggi l'articolo

Fronteggiare la malattia

La malattia, la lesione, il deteriorarsi di un organo, una parte del corpo per gli esseri umani non sono soltanto fenomeni che investono la sfera somatica. Essi hanno un impatto enorme soprattutto sulla psiche di chi ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961