La ricerca dell’equilibrio interiore

In genere un robusto equilibrio interiore non si basa né su un approccio passivo all’esistenza né al rovescio su un eccesso di presa e di controllo sugli eventi. La modalità rinunciataria così come l’atteggiamento iper volitivo sono fonte di sofferenza cronica, perché si basano entrambe sul rifiuto dell’esperienza della frustrazione.

L’integrazione della limitatezza umana e della fatalità

Saper integrare il fallimento, lo scacco, la delusione è dunque un’abilità fondamentale per riuscire a  mantenere una centratura e una serenità di base indipendenti dalla piega che prendono le situazioni.

Un buon equilibrio emotivo permane nonostante gli alti e i bassi della vita. Si tratta di uno stato che non coincide con una difesa psichica, con il distacco emotivo tout court, con la negazione o la maniacalità.

La persona dotata di un buon equilibrio di base non è una che non si arrabbia mai, non piange mai, non soffre ed è sempre allegra (in personalità troppo imperturbabili o troppo “positive” è facile infatti che si annidi un qualche mascheramento basato su difese psichiche).

Essa, pur soffrendo, pur venendo travolta sulle prime dall’onda umanissima dell’emotività, resta capace di identificare la causa del suo problema, di analizzarla e di trovare delle strategie per proseguire con motivazione nonostante la debacle. 

Il segreto per rimanere centrati sta allora nella possibilità di identificare, accettare e infine digerire  il  negativo, eventualità che si rinnova piuttosto di frequente quando  ci si vuole mantenere aperti all’esperienza, desiderosi di fare e di vivere. Chi costruisce muri e baluardi difensivi per evitare l’incontro con la frustrazione finisce per non vivere più e per non mettersi mai davvero in gioco.

La ricerca del bilanciamento emotivo non va quindi vista come una pratica ascetica o meditativa ma molto più prosaicamente come la possibilità di concepire e di metabolizzare  l’errore, l’abbaglio, la fallibilità così come la fatalità e l’avversità (che hanno ragioni imperscrutabili).

La stabilità  di fondo permane inoltre nella misura in cui l’io non si identifica pienamente col successo o il fallimento, dimostrando una buona emancipazione da dinamiche di rispecchiamento.

L’Io di chi possiede o ambisce ad una misurata saggezza non si gonfia e non si espande quando le cose si mettono al meglio né si mortifica e demolisce quando le sue performance o le sue condizioni di vita subiscono delle battute d’arresto anche clamorose.

Con un approccio che valorizza l’essenziale la percezione di armonia interiore viene potenziata. Le passioni possono essere vissute in maniera intensa, eppure la distruttività è bandita su tutti i fronti, sia verso se stessi che nei confronti degli altri.

I nemici della serenità interiore: colpa, giudizio, invidia

Tre importanti vizi che affliggono l’umanità e che ne alterano la serenità perdono allora il loro senso e la loro forza se visti alla luce di un atteggiamento più consapevole. Essi sono l’attitudine alla colpa, al giudizio e all’invidia.

Tutti e tre condividono un ispessimento egoico difensivo nei confronti del reale in cui siamo immersi. La verità spietata che non ci piace è che ciascuno di noi, a proprio modo, è fragile e mediocre, così come l’ambiente che ci ospita è profondamente instabile, capriccioso, carico di mistero e di bellezza impenetrabili.

Riconoscere la pochezza dell’io è il cuore dell’elaborazione della frustrazione. Diventiamo capaci di tollerare noi stessi e le avversità quando ci facciamo una ragione della nostra mediocrità e anzi, riusciamo perfino ad averne compassione e rispetto.

Ciò senza scivolare in un atteggiamento rassegnato e fatalista. Anche alla luce della consapevolezza dei nostri limiti se vogliamo mantenerci in vita non possiamo sederci. Si tratta semplicemente di fare con quello che c’è, ovvero con gli strumenti che ciascuno di noi ha, e tentare di usarli al meglio per il piacere di contribuire con la nostra energia. 

La colpa sottende un ideale di perfezione, tendenzialmente mortifica e incasella nel dover essere, rovinando pesantemente il senso di leggerezza interiore là dove le cose non vanno come dovrebbero, là dove vengono compiuti degli errori.

Il giudizio parallelamente alimenta l’idea di una supposta superiorità del giudicante rispetto al giudicato. Ma che ne sa davvero il giudicante dell’altro, delle sue vicende più intime e nascoste? Cosa lo garantisce rispetto al suo essere migliore? 

Non si basa il giudizio su fatti esteriori, di nuovo su come pensiamo che dovrebbero andare le cose? Un conto sono le opinioni, un altro i giudizi senza appello. A ben vedere poi chi giudica ha così bisogno di demolire l’altro perché è terrorizzato dalla possibilità di essere proprio come lui.

L’invidia anch’essa è frutto della dinamica del confronto sfrenato basata sull’ideale di perfezione. L’invidioso sente che la felicità altrui lo diminuisce perché egli non fa davvero  i conti con sé stesso, non vuole conoscersi e piacersi per quello che è, non offre le sue energie per la soddisfazione di dare un contributo nella società ma per imporsi meramente su un piano di prestigio.

Quando si va in terapia con la domanda generica di “trovare il mio equilibrio”  bisogna sapere allora che si incontreranno questi temi esistenziali spinosi. Potranno magari essere anche aggirati da tante parole, ma essi alla fin fine resteranno lì, in attesa prima o poi di venir presi seriamente in considerazione.

Disagio contemporaneo

Altri articoli di attualità

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

La ricerca dell’equilibrio interiore

In genere un robusto equilibrio interiore non si basa né su un approccio passivo all’esistenza né al rovescio su un eccesso di presa e di controllo sugli eventi.

Leggi l'articolo

Il desiderio di guarire

Sembra scontato, ma non lo è. Alla base di ogni guarigione che si possa dire tale esiste sempre un fortissimo desiderio di guarire, mai astratto ma concreto e reale. 

Leggi l'articolo

L'essere, la mancanza e la schiavitù del possesso

L'essere umano è mancanza a essere, è cioè attraversato da una mancanza incolmabile, legata alla sua insufficienza strutturale, allo strappo patito rispetto ad un tempo mitico di pienezza. L'oggetto, insegna Freud, è da sempre perduto, può solo venir cercato all'infinito. Ogni suo ritrovamento nel reale è un inganno, un'allucinazione. La mancanza non si colma, non si può colmare, mentre la pulsione continua a spingere con forza acefala verso i suoi oggetti nonostante il niente appaia regolarmente al fondo di ogni soddisfazione puramente materiale.

Leggi l'articolo

Pandemia: la strana calma nel dramma

In molti, in questi giorni sospesi, stanno sperimentando una sensazione contro intuitiva rispetto alle attese.

Leggi l'articolo

Paura sana e paura malata ai tempi del virus

Generalmente conosciamo due tipi di paura, quella “istintiva”,  innescata direttamente dall’elemento minaccioso, e quella più “fredda”, dettata dall’esercizio della ragione.

Leggi l'articolo

La solitudine del bambino

Sguardo sfuggente, sorriso (se proprio si deve fare) appena abbozzato, spalle ricurve, andatura incerta, tic nervosi, inappetenza.

Leggi l'articolo

Elogio del vuoto

Spesso siamo portati a credere che il valore del tempo risieda nella quantità di cui ne possiamo disporre per fare delle cose. Ci lamentiamo continuamente di non averne abbastanza, nella misura in cui ci percepiamo incalzati dalla necessità del far fronte a mille impegni da cui davvero non possiamo esimerci.

Leggi l'articolo

La voglia di ripartire

La vita scalpita a dispetto di tutto, della paura, del non sapere, dei divieti. E nel caos generale spinge per “riaprire”, come un fiume in piena che rompe gli argini.

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Il malessere da smartphone

Sono innegabili gli impatti dell’avvento di internet nella vita di ciascuno di noi. Dai quarant’anni in su ce ne rendiamo ben conto, noi della mezza età almeno i primi vent’anni della vita li abbiamo trascorsi nella più completa disconnessione (proprio perché non esisteva nulla a cui connettersi). 

Leggi l'articolo

La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961