Insegnare: quando manca la passione

È esperienza comune purtroppo imbattersi in insegnanti che non solo non amano particolarmente il proprio lavoro, ma che lo fanno anche di malavoglia, con svogliatezza e senso di frustrazione. 

Queste persone spesso mettono in atto atteggiamenti inutilmente autoritari e derisori, tentando di trovare una qualche rivalsa nell’esercizio del potere sui più deboli, deboli solo perché ancora non in grado di padroneggiare scioltamente le nozioni o pratiche oggetto di studio.

Dove si insegna?

La scuola e l’università sono naturalmente gli ambiti in cui il fenomeno emerge in maniera più clamorosa, proprio perché si tratta di sistemi basati interamente sul principio dell’apprendimento. 

Ma possiamo trovare tracce di questa modalità in moltissimi contesti, i più disparati, nei quali è prevista una parte di attività di trasmissione di concetti, tecniche o semplici informazioni. 

Le aziende, i negozi, le fabbriche, gli studi professionali ecc… per esempio sono luoghi dove il passaggio di esperienze e conoscenze è cruciale. Le figure deputate all’insegnamento non sono solo i così detti “trainers”. 

A livello concreto ogni dipendente diventa un insegnante nel momento in cui arriva una persona nuova; quando poi si verifica una progressione di carriera con relativa gestione di persone i momenti di formazione sono all’ordine del giorno. 

Esiste poi tutto il campo della formazione di pratiche concrete, dei corsi e delle così dette accademie dedicate alla formazione professionale o dilettantistica. Senza parlare del mondo dello sport, agonistico o amatoriale, in cui la figura dell’istruttore svolge un ruolo cruciale.

Insomma l’insegnamento è qualcosa che non resta confinato dentro il contenitore scuola ma si ramifica e estende in moltissimi luoghi dove si produce e si fa qualcosa. 

Tutti noi, in specifiche situazioni, siamo chiamati a ricoprire più o meno temporaneamente il ruolo dell’insegnante, che ci piaccia o meno. 

Tuttavia, messe di fronte al compito di guidare qualcuno nell’apprendimento, moltissime persone, anche esperte e competenti, tendono a dare il peggio di sé stesse. Come mai? Cosa scatta nella mente del cattivo insegnante?

I perché del cattivo insegnante

L’aggressività è la causa più comune di insuccesso educativo. Esiste infatti in certi educatori (professionali e non) una strana pretesa, quella che l’altro capisca al volo un concetto o una prassi. 

Tale pretesa è destinata tuttavia fatalmente  a incontrare inevitabilmente l’intoppo delle resistenze, insicurezze o particolarità individuali della persona che nella specifica situazione ricopre il ruolo del discente. 

Essa è frutto di un’intolleranza più profonda, quella nei confronti della propria parte vulnerabile. 

L’aggressivo infatti non tollera la debolezza dell’altro (l’allievo è per l’appunto in una posizione di debolezza data dal non sapere) perché essa gli rimanda come in uno specchio la propria, che non sopporta e non integra in un’immagine a tutto tondo di sé stesso (comprendente punti di forza e di debolezza).

Alla base della psicologia dell’insegnante aggressivo troviamo sempre una problematica di natura narcisistica, una questione psicologica irrisolta sul piano dell’immagine di sé. Alla base vi è dunque una grossa quota di frustrazione; la persona si sente limitata nel dover spiegare qualcosa a qualcuno, pensa di meritare gratificazioni ben maggiori rispetto alla perdita di tempo data dall’occuparsi degli altri. 

Tipico è l’esempio dello scrittore fallito che vive la sua vita di insegnante di lettere come una condanna; lui, così bravo, meriterebbe ben altri riconoscimenti. E allora tutte le sue ambizioni mancate vengono riversate sui poveri allievi, che nella loro ignoranza gli mettono di fronte la sua miseria di scrittore velleitario e incapace. 

Non mancano esempi analoghi nel mondo dello sport: a chi non è capitato durante un corso di qualsiasi genere di imbattersi in qualche ex campione di bassa lega pieno di rabbia e di livore per le proprie ambizioni mancate? 

Nei luoghi di lavoro avviene la stessa cosa: chi ha fatto un passetto in più nella carriera, anziché nutrirsi di uno spirito positivo e trascinante, sente la necessità di mortificare il sottoposto, per sentire di valere un po’, di avere anche lui un po’ di quella fetta di torta chiamata potere. 

L’allievo vessato, adulto e  sicuro di sé non soffre particolarmente di questi atteggiamenti; tutt’al più essi gli possono ricordare dolorosamente momenti della propria infanzia, quando si trovava  in balia di insegnati malati.

Da adulti si è in grado di padroneggiare situazioni di questo genere senza subire danni psicologici gravi. Certamente venir trattati con aggressività non  predispone certo a relazioni positive. Tutto si complica sia sul piano della progressione dell’apprendimento che su quello squisitamente umano. Viene persa un’occasione, quella che da un buon incontro fa scaturire creativamente qualcosa che prima non c’era.

Al contrario durante l’età evolutiva i cattivi insegnanti possono produrre blocchi e ferite emotive molto profonde e difficili da superare. Non di rado durante le sedute di psicoterapia si sente parlare, come  fossero dei fatti recenti, di episodi avvenuti nell’infanzia, a scuola, in palestra, a lezione di musica. 

Sarebbe importante allora che ogni educatore, temporaneo o per professione, cercasse di fare ordine in sé stesso, conscio della delicatezza del suo compito.

Senza passione non si ottiene niente. Forse la mediocrità deriva proprio dall’assenza di una dose fondamentale di umiltà (a cui si lega ogni genuina spinta vitale)? Mettersi spietatamente di fronte ad uno specchio appare quanto mai necessario.

Allora si potrà capire l’importanza e la grandezza del compito educativo: occuparsi degli altri non sarà più una perdita di tempo o una sottrazione di energie, bensì una possibilità concreta di creare qualcosa, di smuovere energie positive e di evolvere come persone.

Disagio contemporaneo

Altri articoli di attualità

Covid e salute mentale

In questi anni di pandemia stiamo assistendo ad un’esacerbazione di molti disagi psicologici. Lo spettro della malattia, la precarietà lavorativa, la tenuta traballante del sistema sanitario e sociale, la chiusura fra le quattro mura, la solitudine, l’aspettativa di un pieno ritorno alla normalità ciclicamente frustrata concorrono al mantenimento di stati depressivi e ansiosi (senza parlare delle ben note reazioni maniacali di negazione della realtà).

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Amori virtuali

Oggigiorno tra i giovani (ma anche tra molti adulti) sembra che il sentimento dell’amore non possa più sganciarsi dall’influsso del mondo dei social, con i quali le persone si cercano, si inquadrano e si studiano. 

Leggi l'articolo

Insegnare: quando manca la passione

È esperienza comune purtroppo imbattersi in insegnanti che non solo non amano particolarmente il proprio lavoro, ma che lo fanno anche di malavoglia, con svogliatezza e senso di frustrazione. 

Leggi l'articolo

Quando la spinta alla performance blocca

A molti può capitare nel corso della vita di bloccarsi davanti ad un compito che comporta la presa di parola in presenza dello sguardo di altri esseri umani. Un esame, un discorso pubblico, una riunione mettono alla prova la capacità di sostenere lucidamente il nostro pensiero nel qui ed ora dell'incontro con una pluralità di punti di vista, senza possibilità di cancellature, rettifiche o ripensamenti.

Leggi l'articolo

Quando il lavoro è una prigione

Se la mancanza di lavoro costituisce un problema, nella misura in cui priva della possibilità di un’esistenza dignitosa e attiva, un impiego non pienamente in linea con la propria personalità rischia di risultare altrettanto mortificante.

Leggi l'articolo

Il bullismo visto dalla compagnia teatrale Quelli di Grock. Osservazioni sullo Spettacolo “Io me ne frego”.

Biglia e Rospo sono due ragazzini molto diversi. L’uno studioso, un po’ timido, ancora acerbo nel corpo. L’altro allergico alla scuola, chiacchierone, fisicamente prestante. Stanno bene insieme, sono amici. Tra loro c’è uno scambio spontaneo e vivace, al di là delle differenze caratteriali. La presa di giro, quando c’è, è lieve, non punta a distruggere ma esprime l’attrazione di fondo per la particolarità dell’altro.

Leggi l'articolo

L'incontro con lo straniero

Davanti al progressivo aumento nelle nostre città di soggetti provenienti da altri paesi assistiamo ad un parallelo incremento del sentimento dell’angoscia nei cittadini. Perché ci angosciamo? Siamo i soli a sentirci disorientati dal contatto con il diverso o accade anche allo straniero stesso di sentirsi insicuro e diffidente?

Leggi l'articolo

La psicoterapia online

Prima dell’emergenza Coronavirus una fetta importante di psicoterapeuti era piuttosto scettica sulla fattibilità ed efficacia della psicoterapia così detta “online”.

Leggi l'articolo

Quando la rabbia è una cattiva abitudine

La rabbia, contenuta entro certi limiti e incanalata, diretta verso la realizzazione di qualcosa, può essere un buon alleato per la salute psichica.

Leggi l'articolo

Il fascino della psicopatia

ll campo della psicologia criminale ha sempre affascinato il grande pubblico. Romanzi, film, articoli vari ispirati a grandi delitti ce ne sono sempre stati. Raramente però veniva  data la parola direttamente all’assassino, come invece sta accadendo ultimamente.

Leggi l'articolo

Natale consumistico o Natale di Gesù?

Il Natale, come si sa, nel modo di vivere occidentale ha perso qualsiasi connotazione spirituale. Ormai si può considerare a tutti gli effetti una festa “pagana”, in cui vengono adorati degli idoli più che onorato il mistero. 

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961