Quando il malessere si fa corpo

Una sofferenza emotiva intensa ma negata, un desiderio soffocato possono trovare come unica via di sfogo quella somatica. Possono cioè trasformarsi in dolori fisici di varia natura, che l'indagine medica definisce "psicosomatici" nella misura in cui non riesce a trovare una chiara eziologia organica.    

Dunque ciò che a livello psichico subisce una massiccia repressione ritorna indossando le mentite spoglie di una malattia del corpo, su cui viene concentrata tutta l'attenzione ignorando del tutto le possibili implicazioni della mente.

In effetti generalmente chi soffre di un disturbo psicosomatico arriva alla consultazione dopo aver girato una serie infinita di medici e tentato senza successo varie terapie. Lo psicologo viene suggerito di solito da un medico che riconosce il coinvolgimento della psiche nell'insorgenza e nel mantenimento del sintomo. Dunque l'approccio di chi domanda aiuto in questi casi mira alla soluzione del problema da parte dello specialista, senza contemplare l'idea di dover essere lui stesso a fare un lavoro in quanto soggetto implicato nel malessere di cui si lamenta. L'atteggiamento di non volerne sapere che ha portato a convogliare la sofferenza sul piano dell'evidenza reale lo rivediamo nella richiesta di aiuto: << è il corpo che non funziona più a dovere, io non c'entro nulla! Faccia lei qualcosa! >>.

Il trattamento sarà possibile allora solo se viene rettificata questa posizione iniziale di non coinvolgimento, ovvero se la persona riconosce che nella propria vita c'è qualcosa che non va al di lá del sintomo, una sofferenza che non trova o non ha incontrato in tempi remoti un adeguato riconoscimento. A partire dall'apertura del discorso su un piano che tocca veramente la dimensione esistenziale si possono creare le condizioni minimali per andare al fondo della questione e dunque per attraversarla davvero. Altrimenti il rischio è quello di rimanere sulla superficie, di colludere con la volontà di essere lasciati in pace tipica del paziente psicosomatico.

Certo, un terapeuta sensibile ed esperto non spingerà mai con forza verso territori di sofferenza intollerabile. Ma con maestria e pazienza condurrà la persona ad avvicinarsi piano piano al nucleo di verità incandescente da cui si è allontanato in modo così radicale chiudendo a doppia mandata la porta d'accesso alle proprie emozioni. Gli farà vedere che è possibile trovare delle parole per dire ciò che angoscia, ciò che affligge, ciò che umilia. Che è possibile affrontare anche il trauma più invadente senza esserne soverchiati.

Mettere in parola nei modi e nei tempi giusti ciò che è rimasto a lungo nell'ombra ha il potere di depotenziarne la forza e di separarsene davvero. Perciò non bastano pochi incontri ma è necessario darsi tempo, permettere al proprio inconscio di aprirsi e poi di richiudersi, in un movimento di andata e ritorno che progressivamente libera da vecchi e insoluti complessi. Allora il sintomo semplicemente non servirà più, ma dopo aver pianto, dopo aver incontrato, sopportato e attraversato la sofferenza, la verità del proprio desiderio singolare, spesso causa di disadattamento e di rovesciamento delle certezze rassicuranti ma ingabbianti in una dimensione di non autenticità.

Solo se il paziente psicosomatico riesce ad accedere alla propria verità e a farsene poi carico i suoi sintomi gli saranno superflui. La loro funzione di segnalare l'esistenza di qualcosa che non andava decadrà, essendo lui di nuovo padrone delle sue emozioni e della sua vita.

Altri articoli sul disagio esistenziale

Narcisismo "sano" o narcisismo "patologico"?


Quando si parla di narcisismo si tende a pensare immediatamente al culto esagerato per la propria immagine, all'autocelebrazione a tutti i livelli che non lascia spazio alla considerazione dell'altro. Tuttavia questa è la versione "patologica" del fenomeno, sempre frutto di una sottostante fragilità narcisistica.

Esistono infatti un narcisismo "sano" ed uno "malato". Il primo non è altro che amor proprio, coscienza di sè, rispetto e cura per se stessi. È, freudianamente parlando, un equilibrato investimento libidico sull'io, necessario alla vita. Freud parlava di un "narcisismo primario" del piccolo dell'uomo, necessariamente chiuso nel suo guscio per sopravvivere e svilupparsi, avvolto in un bozzolo di bisogni e di indifferenza rispetto al mondo esterno.

Leggi l'articolo

Limiti della psichiatria istituzionale: la voce di Eugenio Borgna

Eugenio Borgna, primario di Psichiatria dell'Ospedale Maggiore di Novara, è stato allievo di uno dei più insigni maestri di fenomenologia in Italia, Enrico Morselli.

Leggi l'articolo

Il valore del presente

Il presente solo raramente è del tutto privo di bellezza, ma spessissimo lo sfuggiamo, lo manchiamo perché distolti dalle preoccupazioni o dalle attese, dall pensiero di ciò che intravediamo all’orizzonte come possibile

Leggi l'articolo

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

Le due patologie del materno

Diventare madre non coincide con il raggiungimento di uno status che riassume tutto l'essere di una donna. La maternità di per sè non cancella tutti i desideri e le aspirazioni che esulano dal mero accudimento dei figli. Certo, durante i primissimi mesi di vita di un bambino è fondamentale che la preoccupazione primaria sia la sua cura.

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

Narcisismo patologico: cause, effetti, rimedi.

Narcisismo sano e narcisismo patologico

Il narcisismo in sé non rappresenta una patologia. Freud ci insegna come un buon investimento di energia libidica sul proprio Io (noto come amor proprio) sia fondamentale ai fini dell'equilibrio psichico.

Leggi l'articolo

Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

L’atto della scelta

Scegliere non coincide semplicemente con il pensare. Non consegue direttamente da una catena di pensieri o dalle conclusioni di un ragionamento. Comporta un salto, una discontinuità rispetto al piano della pura elaborazione mentale. E’ un momento a sé stante. Implica un atto.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961