Le due patologie del materno

Diventare madre non coincide con il raggiungimento di uno status che riassume tutto l'essere di una donna. La maternità di per sè non cancella tutti i desideri e le aspirazioni che esulano dal mero accudimento dei figli. Certo, durante i primissimi mesi di vita di un bambino è fondamentale che la preoccupazione primaria sia la sua cura.

Tale interesse esclusivo però deve via via allentarsi, in favore di un desiderio che vada al di là, che includa anche altro: l'amore per il partner, per un lavoro, per un hobby. Che tenga vive anche sul piano della femminilità, che non ne mortifichi l'esuberanza senza però trasformarsi in disinteresse e disimpegno rispetto al proprio ruolo genitoriale.

L'equilibrio fra dedizione materna e realizzazione di sè è tuttavia minacciato da due possibili derive patologiche, rivelatrici di un contrasto fra maternità e femminilità che impedisce una loro armonica saldatura. E che spessissimo ha delle ricadute importanti sulla psiche dei figli. Da una parte osserviamo madri tutte madri, donne che cioè hanno integralmente abdicato ad ogni soddisfazione che non ruoti attorno all'accudimento. Dall'altra madri totalmente concentrate su loro stesse, prese dalla propria carriera, dalla propria bellezza e più in generale dalla rincorsa di una condizione di eterna giovinezza.

Il primo caso, quello che riguarda le madri del sacrificio, era più diffuso una volta, quando la cultura predominante era di natura patriarcale. La donna, esclusa dal mondo lavorativo, veniva confinata in una dimensione squisitamente domestica, in cui riversava tutte le sue possibilità di realizzazione. Non mancano tuttavia esempi di tale impostazione anche ai giorni nostri, compatibili con il ruolo sociale della donna lavoratrice. Il punto infatti non è lavorare o meno. Cruciale è se ciò che viene fatto cattura davvero il proprio desiderio, dà una soddisfazione vera, autentica, che sgancia il figlio dall'obbligo di essere ciò che colma le mancanze materne.

Lacan parlava in proposito di "madri coccodrillo", le cui fauci, non adeguatamente tenute aperte da altro, si chiudono irrimediabilmente sul proprio bambino, arrivando a fagocitarlo. Tale presa soffocante non consente un armonico sviluppo, nella misura in cui impedisce alla soggettività del figlio di dispiegarsi in maniera libera da condizionamenti. Le ripercussioni sono spesso di una certa gravità, a seconda dei casi e delle situazioni specifiche.

I casi di rifiuto della maternità sono invece più frequenti nella contemporaneità. Le donne sono schiave dei nuovi diktat sociali: essere belle, performanti, al top. Un figlio finisce per divenire un intralcio nella corsa verso la conservazione di un'immagine vincente. Si parla spesso in proposito di " madri narcisiste", ovvero di donne molto insicure, fragili a livello narcisistico e dunque facili vittime di un sistema che spinge verso l'individualismo e l'edonismo più sfrenati.

La ricaduta sui piccoli può essere anche molto grave. Vissuti come degli ingombri, vengono di fatto trascurati, nonostante non manchi loro nulla sul piano degli oggetti materiali. Ciò che fa veramente difetto in questi casi è la percezione di avere un posto d'elezione nel desiderio dell' altro, con il rischio di sviluppare nel tempo un senso di nullità esistenziale. Senza l'innaffiamento del desiderio da parte dell'altro la vita finisce per non avere nessun senso, valore. Vissuti depressivi e chiusure ostinate nel proprio mondo possono minacciare la crescita di questi bambini.

La sfida della psicoanalisi, spesso alle prese con le crisi delle madri contemporanee, è rendere possibile, anche nella modernità, una convivenza reciprocamente arricchente fra la madre e la donna, una loro compenetrazione e non una contrapposizione generatrice di infelicità.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.