Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

In questi casi l'esito migliore per questi ultimi è lo sviluppo di una consapevolezza e di un senso critico che spingono ad una precoce autonomia e dunque ad una non omologazione, non identità nei confronti degli atteggiamenti distruttivi e disfunzionali a cui si sono trovati esposti.

Se questa è la conseguenza meno sfavorevole, dato che l'altra possibilità è uno schiacciamento soggettivo che può portare fino a delle manifestazioni francamente psicotiche, non significa che sia priva di costi per chi la sperimenta. Non è infrequente osservare, nelle storie di fratelli colpiti dal disagio psichico di un genitore, uno che ce la fa ed uno che invece soccombe, crollando sistematicamente di fronte alle vere difficoltà della vita. Ma chi "si salva" non è immune da conflitti e sofferenze. Esiste infatti una sofferenza specifica, propria di chi è stato forte, di chi non si è piegato alle logiche patologiche imperanti nel suo ambiente familiare, riconoscendone la portata distruttiva e distaccandosene in maniera decisa.

Tale disagio prende la forma di un senso di incomunicabilità e di incomprensione. Non adeguandosi alle leggi distorte dominanti nella famiglia, incontra la solitudine, l'incomprensione, il rifiuto da parte dell'altro. La ferita che queste persone si portano dentro è legata ad una carenza d'amore e di riconoscimento. Se da una parte sono molto indipendenti ed autonome, acute ed instancabili, dall'altra fanno fatica a lasciarsi andare nelle relazioni, in quanto per gran parte della loro vita sono state costrette ad essere guardinghe. Sono persone molto difese, spesso danno l'idea di portare una corazza, possono sembrare all'apparenza molto diverse rispetto a come sono veramente.

Inoltre ciò che le affligge è la responsabilità verso i loro familiari, di cui si trovano a fare i genitori, priva però di alcun senso di riconoscenza da parte loro. Se hanno successo nella vita si devono sentir dire che hanno avuto fortuna, che per loro è stato più facile. Insomma l'aiuto che forniscono è dato per scontato, considerato come dovuto. Il loro è un dare a fondo perduto, sempre all'insegna della frustrazione affettiva e della vampirizzazione da parte dei familiari, attaccati come bambini voraci ed incapaci di gratitudine.

Intensi sensi di colpa li accompagnano soprattutto negli anni giovanili. La loro vitalità, il loro bisogno di allontanarsi dalla famiglia, di vivere esperienze al di fuori del contesto ristretto delle relazioni familiari viene continuamente criticato, non trova appoggio, dato che si tratta di nuclei in cui domina la chiusura verso l'esterno e l'idea possessiva quanto asfissiante che tutto ciò che serve per crescere e stare bene risieda all'interno.

Inizialmente questi soggetti, sulla scia della responsabilità e della colpa cercheranno di "guarire" il loro ambiente malato, si prodigheranno per anni per far cambiare le cose. Verificatane l'impossibilità sperimentano l'impotenza. A volte è proprio tale vissuto a spingere verso una psicoterapia. L'incontro con un terapeuta in questi casi è di importanza decisiva per fare ordine rispetto ad un magma indistinto di sensi di colpa e pericolose spinte regressive.

La terapia aiuta a rinforzare la fiducia verso il proprio modo di essere e di leggere le situazioni. Ciò determina fin dai primi incontri un effetto di riconoscimento e impedisce l'auto sabotaggio, il sacrificio estremo di sè per l'altro, attenuando la colpa e risituandola correttamente nel luogo dell'altro. La liberazione dalla colpa può ingenerare intensi sentimenti di rabbia, che, metabolizzati nel tempo, possono preludere ad una possibile pacificazione. Ad una riconciliazione ed accettazione che non coincide nè con l'odio dell'altro nè con quello verso se stessi.

Altri articoli sul disagio esistenziale

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

Il valore del presente

Il presente solo raramente è del tutto privo di bellezza, ma spessissimo lo sfuggiamo, lo manchiamo perché distolti dalle preoccupazioni o dalle attese, dall pensiero di ciò che intravediamo all’orizzonte come possibile

Leggi l'articolo

Il lutto

Quando subiamo una perdita di solito attraversiamo un periodo in cui siamo tristi, svogliati, chiusi in noi stessi e non a nostro agio con gli altri. Può capitare di sentirsi ansiosi, posseduti dall’attesa di un pericolo imminente.

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

Leggi l'articolo

La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Leggi l'articolo

La persona è sempre altro rispetto al suo disagio

Per la psicoanalisi, al pari di ogni vero e interessante approccio all'umano, ogni soggetto sintomatico resta sempre altro rispetto alla sua malattia. La diagnosi è uno strumento utile, di cui il clinico si avvale per classificare, riconoscere e dunque dare un nome al disagio che affligge una persona.

Leggi l'articolo

La vecchiaia è un fenomeno culturale: parla Simone de Beauvoir

"La terza età" di Simone de Beauvoir è un ricchissimo saggio sulla vecchiaia che, benché redatto negli anni settanta, risulta ancora oggi estremamente attuale per cogliere la complessità di una condizione umana divenuta oggetto di un tabù persistente.

Leggi l'articolo

Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Leggi l'articolo

I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano: il malessere nelle grandi città

Che tipo di malessere tratta uno psicologo a Milano? Sicuramente incontra una varietà di sintomi, oggi in aumento: attacchi di panico, depressione, ansia, problemi con il cibo… Ma esiste una radice comune ai vari modi con cui si esprime la sofferenza? E se sì, questa è ricollegabile al contesto sociale? In psicoanalisi osserviamo come la sofferenza si manifesti in modi diversi a seconda delle epoche e dei luoghi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961