Sopportare la frustrazione

È esperienza comune incontrare nel corso della vita almeno un punto che costringe al confronto con la propria insufficienza. È cioè ineluttabile per l'essere umano il verificare con dolore lo scarto tra la propria immagine ideale e ciò che è nel reale.

Questo divario può saltare agli occhi in varie situazioni, le più diverse fra di loro, tutte quante accomunate però dal loro essere passibili di suscitare la sgradevole sensazione di non coincidenza con ciò che percepiamo di essere e di meritare nel profondo di noi stessi. Dunque da questo punto di vista una malattia può equivalere ad una delusione sentimentale o ad un insuccesso lavorativo nella misura in cui essa, al pari delle altre condizioni citate, fa sperimentare un'incrinatura tra ciò che desidereremmo ardentemente incarnare e ciò che invece ci rimanda lo specchio dello sguardo dell'Altro.

Nella malattia lo specchio delle indagini mediche ci svela un lato "fallato" di noi stessi, in contrapposizione con l'aspirazione, tutta umana, alla "buona forma". Ci fa sentire "diversi" , in primis rispetto alle nostre aspirazioni ed inclinazioni più proprie. Apre una ferita nell'illusione di poter realizzare su questa terra un' armonia senza macchie, scevra da limitazioni.

Nella delusione sentimentale lo specchio questa volta è l'amato stesso. Davanti al suo sguardo non siamo nulla, niente di prezioso quanto meno, niente di unico. Tutte le nostre qualità, magari da lui apprezzate sinceramente, non bastano per conquistare una posizione d'elezione nel suo cuore.

L'insuccesso lavorativo può farci sperimentare dei vissuti di non adeguatezza che possiamo magari aver provato davanti ai nostri genitori in età infantile. Ai loro occhi ci siamo sentiti insufficienti, e tali percezioni possono riattualizzarsi verso un capo o in generale nei confronti di una figura d'autorità.

Naturalmente questi tre esempi non esauriscono la gamma delle situazioni in grado di suscitare l'esperienza dolorosa della propria inadeguatezza. Sono tuttavia paradigmatiche di ciò che anche nel linguaggio comune viene denominato con il termine "frustrazione". Siamo frustrati non solo e non sempre quando non possiamo possedere ciò che vorremmo, ma soprattutto nel momento in cui ciò che vorremmo ( la salute, l'amore, il successo professionale ecc...) assume una valenza ben specifica. Quella di farci sentire speciali, grandi, potenti nel nostro essere.

Ora la forza di un individuo non sta nel non essere toccati da questi dolori, ma nel sopportarli. Nel farsene carico, nell'assumerseli su di sè, senza rifiutarli attraverso meccanismi difensivi troppo rigidi e senza perdercisi dentro in una deriva di disperazione senza prospettiva.

Un percorso psicoanaliticamente orientato può fare molto in questa prospettiva. Nel nominare ciò che non va si può aprire la via per un suo attraversamento ed un accesso ad un livello superiore di consapevolezza. Che coincide con l'abbandono di una posizione narcisistica in favore del riconoscimento di una bellezza nell'esistenza che va oltre il possesso di una pienezza senza sbavature e che forse può essere vista proprio in virtù della povertà, dello svuotamento a cui quest'ultima conduce. Tutto ciò può tradursi in un atteggiamento autenticamente ricettivo ad aperto verso ciò che è altro da sè, finalmente dimentichi o quantomeno alleggeriti dal nostro ego.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.