Christmas Blues: la tristezza delle feste

Chi lavora con il disagio emotivo lo sa bene: il Natale è in grado, più che di allietare i cuori, di aprire vecchie ferite o di acuire lacerazioni non ancora rimarginate. 

Ma quale Natale induce tutto ciò, quello della speranza (che festeggia frugalmente la ricorrenza della nascita del Salvatore) o quello consumistico (che esalta il potere d’acquisto di oggetti, il buonismo a tutti i costi, i lustrini e il falso calore di rapporti familiari logori ma apparentemente scintillanti?)

La costrizione del Natale ideale

È chiaro come sia il correlato di lucine, di retorica e di spinta al consumo a imprimere sentimenti di tristezza e di vuoto, soprattutto in chi vive situazioni di disagio. 

La rappresentazione sociale della lietezza, dell’agiatezza e dell’armonia familiare ingenera un forte senso di frustrazione nelle persone la cui difficoltà è di natura economica o familiare, mentre può indurre indifferenza o fastidio in chi osserva lucidamente il puntuale rinnovarsi della fredda pantomima di dicembre.

La grande rimozione del reale dei rapporti umani incarnata dall’atmosfera da bomboniera tipica del Natale viene ben percepita dagli operatori nel campo della salute mentale, che conoscono dal dentro i risvolti tristi di tante felicità esibite o la disperazione di chi visibilmente non ce la fa.

Sentirsi esclusi dalla supposta “festa collettiva” può essere molto doloroso, se tutto l’anno si combatte per il lavoro che scarseggia o si è alle prese con situazioni familiari complesse, in cui i legami risultano sfilacciati, ridotti al minimo o profondamente ambivalenti (se non addirittura tossici). 

Resistere alla pressione del Natale non è semplice, sottrarsi alle riunioni familiari sembra persino un reato. Il Covid paradossalmente aiuta, il distanziamento che ha imposto ha anche regolato e temperato molti contesti incandescenti, promuovendo una qualche benefica separazione e autorizzando a prese di distanza prima impensabili.

Ma, Covid a parte, il famigerato cenone o pranzo di Natale resta per molti un appuntamento angosciante, in grado di incupire l’umore già dai primi del mese. Il solo pensare di dover ricongiungersi ai parenti stretti, là dove l’equilibrio psichico si basa proprio sulla lontananza da certe dinamiche, funge da dentonatore di stati mentali simil depressivi.

Infatti in gioco in questi casi non c’è semplicemente la prospettiva di una riunione più o meno sgradevole da sopportare. Ciò che fa stare male è soprattuto il riemergere di una moltitudine di ricordi e di sensazioni anche fisiche legate a problematiche familiari irrisolte, i cui effetti sono contenuti ma non azzerati dalla maturità o da anni di terapia. 

Qualcuno tenta di difendersi da un disagio strisciante coltivando delle aspettative, buttandosi a capofitto nello shopping e nella cura della bellezza, confidando nel potere dell’immagine per fare una sorta di maquillage delle magagne emotive, più o meno volutamente rimosse. Il rischio di una colossale delusione non è scongiurato per questa via, anzi, le peggiori scenate nel giorno di Natale nascono proprio sotto la stella del camuffamento scintillante.

Spesso durante le feste c’è poi chi torna a casa, nel paese di origine, e  si ritrova catapultato in un mondo che credeva di essersi lasciato definitivamente alle spalle. La sensazione di estraneità è ancora più forte, ma infondo non dissimile da quella di chi si sposta solo di qualche chilometro. In entrambi i casi emerge un tornare indietro nel tempo, nostalgico e pieno di amarezza. 

La prospettiva del Natale in questo senso porta alla ribalta il tema esistenziale degli anni che passano, della sofferenza in seno alla famiglia e più in generale della solitudine patita proprio là dove il Natale imporrebbe il quadretto ideale. 

La sospensione delle normali attività, del lavoro e degli impegni sociali inchioda alla verità delle proprie esistenze, alle scelte compiute e non compiute, ai perché e ai percome. Il tempo per pensare è troppo, la routine post natalizia è attesa come un balsamo vitalizzante.

Come sopravvivere al Christmas Blues?

Come sempre il primo step per non farsi travolgere da sentimenti depressivi è razionalizzare bene il tema. Se si è in terapia si può cogliere l’occasione (spesso accade spontaneamente), di trattare il tema, sviscerandolo bene.  Il materiale psichico sgradevole che viene visto e riconosciuto perde parte del suo potenziale patogeno, perché la coscienza è una delle grandi armi che abbiamo contro i mali che ci affliggono. 

Una volta isolato bene il nodo problematico viene da sé riuscire a mettere in atto dei comportamenti atti a limitare i danni. Se si riduce il carico di aspettative idealizzanti si è già sulla buona strada per non farsi travolgere dalla delusione. Importante è anche lavorare sull’angoscia quando essa non è mascherata dai riti compulsivi di acquisti e autoinganni.

Il fine è evitare di guastarsi troppo l’animo e sviluppare anticorpi al solito virus familiare. Se tutto l’anno viene svolto un lavoro su se stessi il Natale non coglie impreparati, non illude, non deprime e non sorprende come un momento di cupi bilanci.

Il Natale al fondo è una festa cristiana, per chi crede, una magia per i bambini e un’occasione per gli adulti di un tempo tutto per sé, ben al di là dei rapporti di sangue. Dunque cose positive, portatrici di speranza, forse da approfondire nel loro significato sostanziale in questi tempi così cupi.

Disagio contemporaneo

Altri articoli sul disagio esistenziale

I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

Leggi l'articolo

Ripartire dopo scelte sbagliate

Come riprendere in mano la propria vita a seguito delle conseguenze nefaste di scelte sbagliate? Come non soccombere alla tentazione di rifugiarsi nel diniego della realtà o nella disperazione? Come non sommare altri errori a quelli già fatti? In altre parole: come arrestare l' "effetto domino" di negatività spesso innescato da un atto impulsivo?

Leggi l'articolo

Ambizione o desiderio autentico?

Spesso si utilizza genericamente il termine ambizione per indicare l'attitudine di un individuo a far emergere la propria individualità in un determinato campo di interesse. Essa si accompagna solitamente al raggiungimento di un riconoscimento da parte dell'ambiente di riferimento, in termini di notorietà, prestigio e valorizzazione economica.

Leggi l'articolo

Femminilità e apertura al desiderio dell'Altro: quando diventa masochismo

La femminilità comporta strutturalmente una sensibilità speciale al desiderio dell'Altro. Questo significa che una donna, nel momento in cui sperimenta una delusione affettiva o amorosa, può facilmente andare incontro a sentimenti di svalorizzazione, di caduta depressiva ai limiti della depersonalizzazione.

Leggi l'articolo

Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano: il malessere nelle grandi città

Che tipo di malessere tratta uno psicologo a Milano? Sicuramente incontra una varietà di sintomi, oggi in aumento: attacchi di panico, depressione, ansia, problemi con il cibo… Ma esiste una radice comune ai vari modi con cui si esprime la sofferenza? E se sì, questa è ricollegabile al contesto sociale? In psicoanalisi osserviamo come la sofferenza si manifesti in modi diversi a seconda delle epoche e dei luoghi.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Non arrendersi, mai

La resa di fronte alle difficoltà è la porta di ingresso principale al malessere psichico. Senza parlare dei cali del tono dell’umore quando all’orizzonte non c’è nessuna nuvola, quando tutto è fin troppo perfetto e sereno. 

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

L’atto della scelta

Scegliere non coincide semplicemente con il pensare. Non consegue direttamente da una catena di pensieri o dalle conclusioni di un ragionamento. Comporta un salto, una discontinuità rispetto al piano della pura elaborazione mentale. E’ un momento a sé stante. Implica un atto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961