Non arrendersi, mai

La resa di fronte alle difficoltà è la porta di ingresso principale al malessere psichico. Senza parlare dei cali del tono dell’umore quando all’orizzonte non c’è nessuna nuvola, quando tutto è fin troppo perfetto e sereno.

La cattiva abitudine al lamento

Se le problematiche che affliggono sono pesanti e quotidiane esiste comunque una via per affrontarle a testa alta, con un atteggiamento coraggioso e combattivo. La malinconia può occasionalmente prendere il sopravvento, è umano, ma essa va assolutamente arginata e non lasciata dilagare, pena un grande, inutile, dispendio di energie. 

Molta sofferenza psichica potrebbe essere definita come una “cattiva abitudine”,  una propensione verso il negativismo appresa per il conto proprio o in famiglia  nel corso dello sviluppo. 

Il compiacimento del malessere è al fondo l’assenso, il sì dell’individuo alle sensazioni negative che lo pervadono, che si concretizza in un lasciarsi andare, un abbandonarsi alla noia, alla chiusura, al lamento, ad un grigio senso di vuoto. 

Questa reazione è tipica quando i problemi si accavallano o quando al contrario fila tutto liscio, senza sbavature. La persona si chiude nel suo guscio di “dramma esistenziale” , restando completamente cieca di fronte alla bellezza che resta nonostante le turbolenze o la noiosa bonaccia del quotidiano. 

Forse il vizio di farsi coinvolgere dal negativismo è connesso al tipo di vita che si fa oggi, in cui sostanzialmente i bisogni primari sono soddisfatti e la frustrazione origina dalla percezione di non vivere a pieno uno stato continuo di felicità inebriante, promessa del sistema capitalistico e del suo mito del “self made man”.

I falsi miti contemporanei

Gli imperativi moderni, salute, bellezza, amore, successo, denaro, tiranneggiano le coscienze. Da una parte le persone diventano infelici e si incattiviscono se non ce la fanno, dall’altra si instupidiscono in maniera clamorosa se arrivano ad agguantare qualche fetta di torta (e alla fine non è mai abbastanza).

Il predominio dei valori materiali su quelli spirituali causa un indebolimento della capacità di resistere alle avversità o di godere a pieno di ciò che c’è. L’insoddisfazione, l’inquietudine, la noia, l’umor nero e l’ansia bruciano sotto pelle, placate temporaneamente dall’acquisto compulsivo di oggetti, da qualche distrazione inconcludente e ripetitiva. 

Il rapporto con gli altri si svuota di profondità e di possibilità di scambio vivo e partecipe; la competizione inquina ogni situazione, gli altri vengono misurati sulla base del grado di successo personale. Le donne puntano in primis sulla magrezza (che non è mai abbastanza), gli uomini sull’atteggiarsi da così detto “maschio alfa” (spesso spaccone, narciso e maleducato).

Tutti cercano di piacere, anziché di essere semplicemente se stessi.

Fuori, in società, brillanti e “arrivati”. Dentro, fra le pareti domestiche, musi lunghi, ricatti emotivi, silenzi e rivendicazioni a non finire. L’amore, che potrebbe ancora esistere, soffoca sotto un cumulo di negatività costituita dai reciproci nodi irrisolti non elaborati.

Che valore ha la psicoterapia?

In molti scatta la ricerca di una soluzione rapida. Viene consultato il guru di turno nella speranza che dispensi consigli e pillole di saggezza. Quando il malcapitato psicologo o sedicente tale  si presta ad un uso del genere viene regolarmente scartato, perché non capisce che dietro ad una richiesta superficiale si annida sempre una questione profonda, che si tratta di intercettare al di là della domanda concreta. 

La psicoterapia, proprio perché incentrata sulla verità dell’individuo e non sull’apparenza, è un luogo che naturalmente si oppone alla deriva del bipolarismo contemporaneo. Se la gente soffre di stati esagerati di euforia e di down,  è perché il discorso sociale incentiva questi vissuti della mente, proponendo l’oggetto come soluzione mondana all’angoscia strutturale dell’uomo.

Gli psicoterapeuti non propongono pratiche spirituali, non sono uomini di chiesa, non aiutano a trovare sollievo nella fede e nella preghiera. La loro è una pratica laica, che si fonda però sulla fiducia incrollabile nelle capacità “positive” dell’uomo, che includono resistenza alle pressioni esterne, adattamento, relativizzazione dei problemi, indipendenza dal possesso, libertà interiore, passione e creatività. 

L’essere umano non sa perché è al mondo ma è cosciente del suo progressivo decadimento e della certezza della morte. La sua inquietudine inaggirabile viene da qui. Siamo esseri razionali ma della razionalità non ce ne facciamo niente di fronte al grande problema dell’esistenza che ci angoscia . Ora che “Dio è morto” abbiamo una serie di “cose” che ne hanno preso il posto e che hanno finito per drogarci, renderci dipendenti e farci ammalare. 

Non siamo tuttavia solo razionalità. Tutti noi abbiamo percepito meraviglia e gratitudine pur non capendo il perché. E salvo poche eccezioni la maggior parte di noi fa tutti i giorni, che se ne accorga o meno, esperienza di una spinta irragionevole fortissima alla vita.

Allora bisogna capire che  possiamo avere la forza di non farci infiacchire da falsi miti e stupidaggini di ogni tipo. Abbiamo in noi tutto il potenziale per affrancarci dal vizio del lamento, dobbiamo però prima rinunciare a ideali assurdi di onnipotenza, rimboccarci le maniche e fare con quello che c’è. Restando aperti ad imparare possiamo rendere le nostre vite ricche e piene, capire chi siamo e  liberarci da schiavitù inebetenti. 

Il discorso resta valido per le questioni complesse, problemi di salute o economici, forse ancora di più. Perché non esiste condizione che non possa, una volta integrata ed accettata, darci la possibilità di nascere una seconda volta, di svegliarci dal torpore e di farci vivere a pieno fino in fondo, con i mezzi che abbiamo e per il tempo che ci è dato.

Male oscuro, Aiuto psicoterapeutico , Ansia patologica

Altri articoli sul disagio esistenziale

I vari volti della solitudine

La solitudine è uno stato a cui non si associa invariabilmente un unico modo di sentire. Esistono infatti vari tipi di solitudine, accompagnati da vissuti anche molto diversi, addirittura diametralmente contrapposti.

Leggi l'articolo

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

La malattia "normotica"

Quando si pensa a problematiche di ordine psicologico viene quasi immediato riferirsi a situazioni di disadattamento rispetto alla realtà. Nell'immaginario collettivo cioè la persona sofferente di disturbi psichici è quella che incontra, in maniera più o meno marcata, delle difficoltà nel fronteggiare i compiti e le sfide della vita, preferendo il rifugio nel mondo della fantasia. Questa visione può per certi versi essere condivisibile, benché tenda a ridurre la complessità della questione.

Leggi l'articolo

Narcisismo patologico: cause, effetti, rimedi.

Narcisismo sano e narcisismo patologico

Il narcisismo in sé non rappresenta una patologia. Freud ci insegna come un buon investimento di energia libidica sul proprio Io (noto come amor proprio) sia fondamentale ai fini dell'equilibrio psichico.

Leggi l'articolo

Ripartire dopo scelte sbagliate

Come riprendere in mano la propria vita a seguito delle conseguenze nefaste di scelte sbagliate? Come non soccombere alla tentazione di rifugiarsi nel diniego della realtà o nella disperazione? Come non sommare altri errori a quelli già fatti? In altre parole: come arrestare l' "effetto domino" di negatività spesso innescato da un atto impulsivo?

Leggi l'articolo

Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Leggi l'articolo

Creatività o compiacenza?

In psicoanalisi utilizziamo il termine creatività non solo per indicare la capacità di dare vita ad opere d’arte. Sulla scia dell’insegnamento di Donald W. Winnicott, per noi acquista un significato più ampio, nella misura in cui la intendiamo come quell’atteggiamento di fondo nei confronti della realtà esterna che sta alla base dell’impressione che la vita valga la pena di essere vissuta.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano: il malessere nelle grandi città

Che tipo di malessere tratta uno psicologo a Milano? Sicuramente incontra una varietà di sintomi, oggi in aumento: attacchi di panico, depressione, ansia, problemi con il cibo… Ma esiste una radice comune ai vari modi con cui si esprime la sofferenza? E se sì, questa è ricollegabile al contesto sociale? In psicoanalisi osserviamo come la sofferenza si manifesti in modi diversi a seconda delle epoche e dei luoghi.

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Cosa ci impedisce di realizzare davvero le nostre vite? Perché rimaniamo così facilmente impigliati nelle aspettative degli altri a tal punto da smarrire la bussola interiore dei nostri desideri più profondi? Cosa ci trattiene in realtà? Perché siamo sempre insoddisfatti o inibiti?

Leggi l'articolo

Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Leggi l'articolo

Quando il malessere si fa corpo

Una sofferenza emotiva intensa ma negata, un desiderio soffocato possono trovare come unica via di sfogo quella somatica. Possono cioè trasformarsi in dolori fisici di varia natura, che l'indagine medica definisce "psicosomatici" nella misura in cui non riesce a trovare una chiara eziologia organica.    

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961