Angoscia: cos'è e come fronteggiarla

Tutti gli esseri umani, con le dovute differenze di intensità e frequenza, si trovano esposti all'esperienza dell'angoscia. C'è unanimità nel considerarla una delle sensazioni più sgradevoli e penose che si possano provare. Infatti, quando si è presi nello stato angoscioso, si percepisce un disagio difficile da localizzare perché tutto il nostro essere sembra in qualche modo venirne catturato.

Si vive la spiacevole impressione di essere trascinati fuori da noi stessi, perdiamo l'abituale senso di padronanza e ci troviamo come paralizzati, coartati, inibiti, offuscati nella nostra capacità di giudizio. Il tutto in un vago sottofondo di attesa, come se da un momento all'altro dovesse succedere qualcosa che vada a ledere la nostra integrità. Ci sentiamo in pericolo, ma spesso non ci è assolutamente chiaro cosa ci spaventi davvero, dato che l'angoscia di solito ci prende in situazioni che non mettono realmente a rischio la vita.

Quali sono le situazioni che tipicamente scatenano una reazione angosciosa? Quelle più classiche sono gli esami, le visite mediche, il parlare in pubblico, l' approcciare una persona che ci piace, tutte circostanze accomunate dalla presenza di uno sguardo attento su di noi, che può restituirci un' immagine positiva oppure al contrario squalificante.

Cosa vuole l'altro da me, cosa rappresento per lui, sono desiderabile ai suoi occhi o mi vuole "mangiare" costituiscono degli interrogativi che inconsciamente la nostra mente solleva quando ci troviamo esposti al desiderio dell'altro, qualsiasi forma esso prenda. In tali congiunture l'angoscia può essere minima e dare così una lieve colorazione ansiosa al nostro stato d'animo, oppure al contrario montare fino a paralizzarci del tutto. In ogni caso in primo piano vi e' il vacillamento della sicurezza che normalmente ci sostiene nella vita, una sorta di spaesamento, di perdita delle coordinate abituali. L' immagine rassicurante che abbiamo del mondo e di noi stessi si incrina e ci sentiamo ridotti al rango di oggetti in balia degli eventi.

Per la psicoanalisi l'angoscia riveste un indubbio valore conoscitivo sulla natura umana perché getta luce sulla nostra fragilità di fondo, ci fa vedere che povere cose siamo se non veniamo annaffiati dal riconoscimento dei nostri simili. Tutte le nostre costruzioni immaginarie di potere, controllo e prestigio sono in realtà posticce e a rischio di crollare miseramente se ci viene meno il consenso dell'altro. Di fronte al desiderio dell'altro siamo nudi, tremiamo come foglie al vento.

Questo passaggio risulta importante e cruciale da metabolizzare per non farsi schiacciare dall'angoscia, per non esserne completamente travolti. Posto che è impossibile aggirarla del tutto, proprio perché ci appartiene strutturalmente, può essere fronteggiata. Ma non a partire da tecniche, da attacchi frontali, da trucchi per neutralizzarla. Si può convivere con l'angoscia e non soccombere alla sua violenza se si ha la consapevolezza di non poterla estirpare. E se in qualche modo abbiamo portato avanti un lavoro di accettazione dei nostri limiti e fragilità.

Quanto più saremo in grado di integrare i nostri punti deboli, tanto più riusciremo a non farci ingabbiare dalle aspettative altrui, dalle sue attese su di noi. In una parola se aspireremo meno a essere perfetti per l'altro, se rinunceremo a falsi e irraggiungibili ideali di perfezione e bravura universale avremo delle chance di fronteggiare prove, esami, amori con il cuore sempre un po' ballerino ma in ogni caso mai in arresto cardiaco.

Se liberarsi dallo sguardo dell'altro non è in alcun modo realizzabile, risulta però possibile offrirvisi con abbandono, a partire dalla serena coscienza di non essere perfetti ma, anche proprio per le nostre incrinature, dei pezzi unici.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.