Angoscia o attacco di panico?

L’angoscia colpisce tutti gli esseri umani, nessuno escluso. Non va confusa con il panico, in cui predomina la sensazione del completo fuori controllo. Nell’angoscia non siamo pienamente vinti, soverchiati dalla paura di impazzire come invece accade nel panico. Ci sentiamo piuttosto in attesa, nelle vicinanze di un pericolo imminente dai caratteri non ben definiti.

L’angoscia ci inquieta perché mina il senso di certezza su cui normalmente facciamo affidamento. Introduce un vacillamento nel modo in cui di solito leggiamo la realtà e vi ci accostiamo. Ci confronta con un’estraneità, che può persino assumere le sembianze di un non riconoscimento di noi stessi. Durante lo stato angoscioso può capitare di vedersi da fuori, di percepire un senso di distacco rispetto alla nostra identità. Di avvertire uno spossessamento da noi stessi.

Cosa provoca questo stato di cose? Si tratta davvero di un’esperienza così negativa sebbene indubbiamente spiacevole?

Tipicamente ci angosciamo in situazioni che ci mettono alla prova. Un esame, un discorso pubblico, lo sguardo di una persona che ci piace. Ma anche la scoperta di una malattia, un intervento chirurgico, una brutta notizia, un incubo notturno. Il tratto comune a tutte queste circostanze è l’emergere di un elemento inconsueto, con cui non abbiamo dimestichezza nella vita di tutti i giorni. E che riguarda la possibilità della morte o della sessualità.

L’irruzione di questi due elementi sulla scena provoca spaesamento, perdita di riferimenti. Mostra il carattere illusorio dell’immagine di noi stessi e del nostro mondo. Squarcia il velo con cui ci difendiamo dall’incontro con quello che Lacan chiama Reale. Il Reale è fatto per l’appunto di sessualità e morte. Due forze che non possiamo controllare ma che ci illudiamo non esistano, che teniamo fuori dalla porta del nostro universo di immagini lisce e senza sbavature.

Vista così allora l’angoscia non è del tutto negativa. Chi vuole davvero conoscere se stesso è bene che provi un po’ di angoscia. Che sperimenti la perdita di controllo che implica. Che viva la perdita di identità che porta con sé. Infondo scoprire di essere altro rispetto all’idea che ci siamo fatti di noi stessi comporta un passo avanti verso l’autorealizzazione. Si tratta di un rovesciamento di prospettiva che può avere degli effetti di risveglio. Farci focalizzare meglio ciò che vogliamo davvero dalla vita, farci avanzare nella conoscenza radicale di noi stessi e dell’esistenza.

Il problema dunque non risiede tanto nell’angoscia quanto nella sua non accettazione come evento che sbalestra le nostre certezze. E’ dal rifiuto dell’eventualità di poter essere disarcionati dal nostro cavallo che si sviluppano le fobie, le ansie da prestazione, le preoccupazioni su cosa può pensare l’altro di noi.

L’angoscia ci ricorda che siamo una ben misera cosa. Ci fa vivere una condizione di inermità che ci siamo lasciati alle spalle con l’infanzia e che vorremmo non incontrare più. Ma nello stesso tempo ci apre gli occhi sul Reale. Offrendoci così la possibilità di imparare a farci i conti.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.