Dagli errori si impara...

Uno dei poteri trasformativi della psicoanalisi risiede nella valorizzazione dell’errore, dell’inciampo, come fonte di crescita e di maturazione personale. Questo punto può sembrare contro intuitivo, dal momento che nello stesso tempo un lavoro psicoterapeutico punta a far emergere la responsabilità personale, dunque in un certo senso non assolve l’individuo, spingendolo a confrontarsi con se stesso.

Questa contraddizione però se andiamo a ben vedere è solo apparente. Non drammatizzare l’errore, non vederlo come una catastrofe, non precipitarsi a correggere un soggetto allo sbando con consigli e incitazioni non significa assolutamente incentivarne condotte sconsiderate né tanto meno sgravarlo dalla responsabilità dei suoi atti.

Una differenza importante che spesso viene sottovalutata o misconosciuta è infatti quella fra colpa e responsabilità. La colpa tendenzialmente assume una valenza negativa, nella misura in cui rimanda all’idea dell’espiazione di un peccato, ad una sorta di macchia indelebile che porta con sé sentimenti di autosvalutazione e di rovina. Vista così dunque l’auto colpevolizzazione non appare certo come qualcosa che può portare verso il nuovo o il cambiamento. Tutto sembra tranne che un principio propulsivo verso la realizzazione di sé. Assume piuttosto la forma di un peso che trascina verso il basso, e dunque magari per liberarsene lo si scarica volentieri sull’altro, considerandolo alla fine impropriamente l’origine di tutti i mali che affliggono.

Diverso invece è il discorso per la responsabilità. Questa si pone infatti in tutta un’altra logica. Non mira tanto a squalificare il soggetto, a mortificarlo, ad annientarlo con l’ombra dell’errore commesso, con il macigno delle conseguenze nefaste che ne conseguiranno. Al contrario induce a rivolgersi delle domande interessanti su se stessi, che se ben poste, portano ad una evoluzione personale ed infine ad un incremento dell’armonia percepita fra sè e il mondo.

Perché sono caduto così rovinosamente quando avevo davanti agli occhi tutte le avvisaglie di un possibile errore? Perché ho sottovalutato certi segnali? Perché non ho considerato attentamente la situazione? Perché ho voluto vedere ciò che desideravo piuttosto che la realtà nuda e cruda? Questi sono solo alcuni degli interrogativi possibili che possiamo formulare a seguito di uno sbaglio, a volte clamoroso anche ai nostri stessi occhi. Così facendo scopriremo che esiste una dimensione inconscia dentro di noi, che non sempre (o forse quasi mai) agisce all’unisono con il nostro Io e che ci fa fare cose che non vorremmo affatto, talvolta sabotando i nostri intenti coscienti. Naturalmente è interessante capire che cosa ci vuol dire effettivamente l'inconscio in questa manieria. Dargli ascolto, credito ripaga in termini di conoscenza dei nostri desideri più profondi.

L’analisi ci conduce allora verso un gioco sorprendente e alla lunga anche divertente: provare a ritenersi responsabili ( e non colpevoli) del nostro inconscio. Compito apparentemente paradossale, dato che su tale dimensione non abbiamo per definizione controllo. Dobbiamo però nuovamente stare attenti. A non confondere la responsabilità con la padronanza, con il controllo. E’ chiaro che sull’inconscio non abbiamo direttamente un’influenza ma ce ne possiamo comunque ritenere responsabili nella misura in cui è qualcosa che fa parte di noi e che influisce pesantemente sul modo in cui ci comportiamo. In una parola possiamo decidere di assumerci il nostro inconscio, farcene qualcosa, permettergli di parlare, ascoltarlo, dargli cittadinanza. Piuttosto che precipitarci a imbavagliarlo sotterrandoci sotto cumuli di inconcludente auto denigrazione e sterile lamento.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.