L’accoglienza in psicoanalisi

Il trattamento psicoanalitico differisce profondamente da tutte quelle tecniche psicoterapeutiche che hanno di mira la modificazione diretta di comportamenti così detti “disfunzionali” (quali ad esempio depressione, attacchi di panico, ansia, anoressia ecc…).La psicoanalisi infatti considera questi sintomi come la punta di un iceberg, ovvero come delle manifestazioni visibili di un disagio più profondo.

Di solito le cause che portano ad un certo tipo di “atteggiamento non adattivo” affondano nel passato individuale, nella storia personale, in quanto tale diversa per ogni individuo.

Avendo quindi ben chiara la differenza fra causa ed effetto, in psicoanalisi riteniamo inutile (se non a volte addirittura dannoso) incaponirsi in tentativi di aggressione diretta di una depressione o di un attacco di panico. Dare delle prescrizioni, dei compiti a casa, insistere su procedure di controllo del comportamento, secondo il nostro modo di vedere le cose rischia di rivelarsi una pratica coercitiva, basata su un ingenuo buon senso che non riconosce adeguatamente la carica di sofferenza che sta dietro, che causa il disagio osservabile.

Ecco perché secondo noi in primis è importante l’accoglienza della persona sofferente. Non si tratta di buonismo o assistenzialismo. Accoglienza significa dare un posto, un diritto di cittadinanza ai comportamenti strambi e sintomatici di chi chiede aiuto. Significa riconoscere il valore che hanno, in quanto spie, tentativi di espressione di qualcosa che non va. Non precipitandoci a voler riadattare, raddrizzare, correggere, motivare, incitare. Nella convinzione che non esista nessuno standard al quale si debba riadattare un soggetto, che per definizione è unico, particolare, irriducibile a schemi precostituiti.

In psicoanalisi il nome dell’accoglienza si chiama ascolto. Noi curiamo con l’ascolto e con il transfert, ovvero la relazione che si instaura fra curante e paziente. Diamo spazio a quello che la persona ha da dire su di sé, ascoltiamo le sue ragioni. Lavoriamo nella direzione di facilitare una progressiva interrogazione personale, che, a partire proprio da quello che non va, che non funziona, conduce verso una sempre crescente consapevolezza. Rispetto a quello che è stato e che è.

Un percorso così naturalmente richiede tempo. Pazienza. Comporta andare a vedere cose dolorose, spiacevoli. Ma se ne esce trasformati. Con una marcia in più rispetto al sonno rassicurante ma soffocante delle certezze senza crepe.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.