L’accoglienza in psicoanalisi

Il trattamento psicoanalitico differisce profondamente da tutte quelle tecniche psicoterapeutiche che hanno di mira la modificazione diretta di comportamenti così detti “disfunzionali” (quali ad esempio depressione, attacchi di panico, ansia, anoressia ecc…).La psicoanalisi infatti considera questi sintomi come la punta di un iceberg, ovvero come delle manifestazioni visibili di un disagio più profondo.

Di solito le cause che portano ad un certo tipo di “atteggiamento non adattivo” affondano nel passato individuale, nella storia personale, in quanto tale diversa per ogni individuo.

Avendo quindi ben chiara la differenza fra causa ed effetto, in psicoanalisi riteniamo inutile (se non a volte addirittura dannoso) incaponirsi in tentativi di aggressione diretta di una depressione o di un attacco di panico. Dare delle prescrizioni, dei compiti a casa, insistere su procedure di controllo del comportamento, secondo il nostro modo di vedere le cose rischia di rivelarsi una pratica coercitiva, basata su un ingenuo buon senso che non riconosce adeguatamente la carica di sofferenza che sta dietro, che causa il disagio osservabile.

Ecco perché secondo noi in primis è importante l’accoglienza della persona sofferente. Non si tratta di buonismo o assistenzialismo. Accoglienza significa dare un posto, un diritto di cittadinanza ai comportamenti strambi e sintomatici di chi chiede aiuto. Significa riconoscere il valore che hanno, in quanto spie, tentativi di espressione di qualcosa che non va. Non precipitandoci a voler riadattare, raddrizzare, correggere, motivare, incitare. Nella convinzione che non esista nessuno standard al quale si debba riadattare un soggetto, che per definizione è unico, particolare, irriducibile a schemi precostituiti.

In psicoanalisi il nome dell’accoglienza si chiama ascolto. Noi curiamo con l’ascolto e con il transfert, ovvero la relazione che si instaura fra curante e paziente. Diamo spazio a quello che la persona ha da dire su di sé, ascoltiamo le sue ragioni. Lavoriamo nella direzione di facilitare una progressiva interrogazione personale, che, a partire proprio da quello che non va, che non funziona, conduce verso una sempre crescente consapevolezza. Rispetto a quello che è stato e che è.

Un percorso così naturalmente richiede tempo. Pazienza. Comporta andare a vedere cose dolorose, spiacevoli. Ma se ne esce trasformati. Con una marcia in più rispetto al sonno rassicurante ma soffocante delle certezze senza crepe.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.