Fragilità narcisistica. Cos'è e che impatto ha in amore

Cosa intendiamo in psicoanalisi quando ci riferiamo a una fragilità narcisistica? Quando diciamo che la tal persona e' affetta da narcisismo? Innanzitutto bisogna chiarire come il narcisismo non sia in se' qualcosa che concerne solo determinate categorie di persone.

Tutti noi in un certo senso siamo dei narcisi, nella misura in cui per affrontare la vita abbiamo bisogno di contare su una stima e un apprezzamento verso noi stessi che non crollino alla prima critica o difficoltà. Una quota di egoismo e' necessaria per non soccombere alle richieste e aspettative altrui, per condurre un' esistenza gratificante, in linea con le proprie passioni e desideri più profondi.

Il problema nasce quando questo investimento nei confronti di noi stessi si traduce o in totale impermeabilità ai punti di vista e attese dell'altro, in rigidità e indifferenza, o al contrario in estrema sensibilità e vulnerabilità. In entrambi i casi il sano amor proprio viene a mancare. Da una parte osserviamo una linea di demarcazione rispetto all'esterno per nulla flessibile, priva di porosità, che assume i caratteri di una vera e propria corazza. Dall'altra percepiamo la situazione opposta, ovvero la mancanza totale di pelle, che lascia scoperti e in balia dell'altro.

Queste due situazioni possono caratterizzare due tipologie diverse di soggetti, oppure ancora più spesso convivere nella stessa persona ed emergere alternativamente. Chi soffre di una fragilità narcisistica infatti in primis, originariamente per così dire, patisce di un deficit di narcisismo, di investimento amoroso nei propri confronti. È afflitto da un dubbio rispetto alla sua amabilità.

Alla radice vi sono problematiche precoci in rapporto alle figure genitoriali di riferimento. L'amore di se', il sano narcisismo, la così detta autostima si instaurano infatti grazie alla percezione che il bambino ha di essere unico, insostituibile agli occhi dell'altro. All'inizio della nostra vita tutti noi per un periodo abbiamo bisogno di credere che l'altro non possa perderci, non possa vivere senza di noi. In un momento successivo avviene la disillusione, si capisce che l'altro pur amandoci vive e si nutre anche di altro. Ma quell'illusione, se brutalmente infranta o mai suscitata, può dare luogo a un inconscio e radicato senso di non valere nulla, al di la di qualsiasi gratificazione che passi per la soddisfazione dei bisogni.

Dunque la corazza, l'indifferenza emotiva, la freddezza, l' egoismo più sfrenato, non sono attributi di pertinenza di soggetti duri, forti, che non hanno davvero bisogno di nessuno. Costituiscono di fatto difese secondarie rispetto a una ferita primitiva. Un modo per negare la profonda dipendenza dall'altro, un tentativo di proteggersi dai suoi possibili capricci, che potrebbero riattivare antichi vissuti di rifiuto.

La consapevolezza rispetto alla fragilità che sta dietro ad atteggiamenti di arroganza, presunzione e distacco emotivo così tipici del narciso non deve però far pensare che sia semplice averci a che fare, che sia facile far emergere i suoi bisogni profondi e rendere superflui i suoi meccanismi difensivi. Questo soprattutto in campo amoroso, l' ambito che per eccellenza espone al rischio di bruciature sia il narciso, che ne è terrorizzato, sia colui o colei che gli si accosta, a sua volta vulnerabile nei suoi confronti.

Spesso queste persone fanno fatica o non riescono per nulla ad amare, proprio per una paura inconscia e radicata di ricadere in una condizione di sbandamento ingestibile. E' come se inconsapevolmente dicessero a se stessi:<< se mi mantengo sufficientemente lontano dall'altro non soffrirò>>. Dunque non si abbandonano all' amore, il timore di dare troppo potere all'altro li paralizza.

Ciò può tradursi nella scelta di partner poco impegnativi, non autenticamente e profondamente desiderati ma scelti sulla base di un rinforzo alla propria immagine. Oppure in aspre critiche verso il compagno, lo si svaluta nel tentativo di ridurne l'importanza e dunque la pericolosità. Può capitare che si verifichi un tradimento, anche qui come prova di affermazione di indipendenza dal legame. L'amante sulle prime interessa per l'iniezione di autostima che può dare la sua conquista, ma finisce poi nella serie anonima di partner oggetti, distrazioni che non cimentano a un vero livello di intimità. 

Che fare dunque se si ama una persona che patisce di problematiche di tal genere?

Innanzitutto non si può pensare di guarirla. Ma nemmeno di portare avanti un legame in una superficiale e inautentica routine basta su un falso adattamento reciproco di facciata. Detto ciò, ogni situazione rimane a se stante. Anche in questi casi appare più che mai valida una delle leggi fondamentali della psicoanalisi: non vi può essere alcun cambiamento senza una vero sguardo critico verso se stessi. Nel tempo ciò può portare ciascuno dei partner della relazione a scollarsi dalle comode identificazioni vittima-carnefice.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.