La misura individuale della felicità

Tutte le domande di aiuto nelle loro varie forme sono accomunate da un'interrogazione di fondo, più o meno sofferta, rispetto al senso del proprio stare al mondo. Cosa mi rende davvero felice al di là dell'avere, delle aspettative sociali, di un certo rassicurante conformismo?

Che cosa voglio nel profondo? Dove convogliare le mie energie? Come fare a sostenere la mia particolarità, a renderla generativa senza doverla mortificare? Come trovare cioè una via che sia in accordo e non in opposizione al mio essere pur restando all'interno del legame sociale? Dove reperire la forza di deludere e contravvenire ai piani che qualcun altro aveva già tracciato per me?

Essere autenticamente, pienamente se stessi sembrerebbe la cosa più semplice che ci sia al mondo, eppure per tutti è la più difficile. Anche perché non significa fare tutto ciò che ci pare, non avere regole, filtri, limiti. Questi esistono e siamo chiamati a rispettarli, a farci i conti senza però che diventino degli alibi per rinunciare, non fare nulla ed adattarci ad un comodo vivacchiare. Vivere in accordo con i propri desideri e aspirazioni, rimanere in contatto con la propria verità comporta sempre la forzatura di un limite, l'aggirare un ostacolo, il ricercare tenacemente una strada praticabile ma alternativa rispetto a quella solcata da tutti.

Solitudine, isolamento, smarrimento sono dei compagni di viaggio non eludibili da parte di chi sceglie di provare a trovare una propria misura individuale di felicità. Dunque affrontare il rischio, l'ignoto, la possibilità di fallire, lo scetticismo se non addirittura la disapprovazione a volte proprio delle persone più care costituisce la quota di fatica che sempre accompagna ogni ricerca di libertà.

Nel seguire una nostra passione non possiamo non mettere in conto di perdere qualcosa. Innamorarsi, provare a vivere della propria arte, intraprendere un progetto imprenditoriale ma anche semplicemente ridimensionare lo stile di vita per dedicarsi ad altro equivalgono ad un lasciarsi alle spalle la terra ferma delle certezze condivise per affrontare un viaggio in solitudine il cui approdo è invisibile in primis a noi stessi.

La paura spesso può bloccare per anni all'interno di situazioni anche molto confortevoli che però non danno alcun senso di pienezza. Andare a vedere da dove scaturisce questa paura è una delle possibilità offerte da un percorso psicoterapeutico. Essa può avere a che fare con un distacco ancora non pienamente avvenuto nei confronti delle figure genitoriali, il cui giudizio o la cui visione del mondo inconsciamente condizionano desideri e scelte.

Prendere atto di certe dinamiche psichiche che sfuggono alla consapevolezza è solo il primo passo nella direzione di un cambiamento. È l'istante del vedere, il momento in cui l'ignoto prende improvvisamente forma. Perché esso si traduca in atto ci vuole però un tempo per comprendere, per far maturare dentro di sè ciò che si è visto in un lampo. Dunque pazienza e fiducia appaiono due ingredienti necessari per un lavoro anche minimo su se stessi il cui esito può tradursi in una radicale trasformazione esistenziale, in un riprendere in mano il timone della propria vita.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.