La misura individuale della felicità

Tutte le domande di aiuto nelle loro varie forme sono accomunate da un'interrogazione di fondo, più o meno sofferta, rispetto al senso del proprio stare al mondo. Cosa mi rende davvero felice al di là dell'avere, delle aspettative sociali, di un certo rassicurante conformismo?

Che cosa voglio nel profondo? Dove convogliare le mie energie? Come fare a sostenere la mia particolarità, a renderla generativa senza doverla mortificare? Come trovare cioè una via che sia in accordo e non in opposizione al mio essere pur restando all'interno del legame sociale? Dove reperire la forza di deludere e contravvenire ai piani che qualcun altro aveva già tracciato per me?

Essere autenticamente, pienamente se stessi sembrerebbe la cosa più semplice che ci sia al mondo, eppure per tutti è la più difficile. Anche perché non significa fare tutto ciò che ci pare, non avere regole, filtri, limiti. Questi esistono e siamo chiamati a rispettarli, a farci i conti senza però che diventino degli alibi per rinunciare, non fare nulla ed adattarci ad un comodo vivacchiare. Vivere in accordo con i propri desideri e aspirazioni, rimanere in contatto con la propria verità comporta sempre la forzatura di un limite, l'aggirare un ostacolo, il ricercare tenacemente una strada praticabile ma alternativa rispetto a quella solcata da tutti.

Solitudine, isolamento, smarrimento sono dei compagni di viaggio non eludibili da parte di chi sceglie di provare a trovare una propria misura individuale di felicità. Dunque affrontare il rischio, l'ignoto, la possibilità di fallire, lo scetticismo se non addirittura la disapprovazione a volte proprio delle persone più care costituisce la quota di fatica che sempre accompagna ogni ricerca di libertà.

Nel seguire una nostra passione non possiamo non mettere in conto di perdere qualcosa. Innamorarsi, provare a vivere della propria arte, intraprendere un progetto imprenditoriale ma anche semplicemente ridimensionare lo stile di vita per dedicarsi ad altro equivalgono ad un lasciarsi alle spalle la terra ferma delle certezze condivise per affrontare un viaggio in solitudine il cui approdo è invisibile in primis a noi stessi.

La paura spesso può bloccare per anni all'interno di situazioni anche molto confortevoli che però non danno alcun senso di pienezza. Andare a vedere da dove scaturisce questa paura è una delle possibilità offerte da un percorso psicoterapeutico. Essa può avere a che fare con un distacco ancora non pienamente avvenuto nei confronti delle figure genitoriali, il cui giudizio o la cui visione del mondo inconsciamente condizionano desideri e scelte.

Prendere atto di certe dinamiche psichiche che sfuggono alla consapevolezza è solo il primo passo nella direzione di un cambiamento. È l'istante del vedere, il momento in cui l'ignoto prende improvvisamente forma. Perché esso si traduca in atto ci vuole però un tempo per comprendere, per far maturare dentro di sè ciò che si è visto in un lampo. Dunque pazienza e fiducia appaiono due ingredienti necessari per un lavoro anche minimo su se stessi il cui esito può tradursi in una radicale trasformazione esistenziale, in un riprendere in mano il timone della propria vita.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.