Metamorfosi o trasformazione?

Una psicoanalisi punta a favorire in un soggetto un cambiamento profondo, mira cioè a promuovere in lui la ripresa di un contatto con ciò che davvero desidera, al di là delle aspettative degli altri. Le persone infatti spesso si ammalano quando restano schiave delle attese altrui, quando si rinchiudono in atteggiamenti rinunciatari e conformisti, bollando le loro legittime aspirazioni come impossibili da realizzare.

Bion, a proposito dei mutamenti attivati da un percorso terapeutico, parlava di "trasformazione", intendendo con questo termine la possibilità di prendere finalmente le distanze dai condizionamenti esterni (tipicamente quelli familiari) per ascoltare la voce del proprio desiderio. Ciò a partire non da un netto rifiuto dell'eredità familiare, ma da un suo riconoscimento. Solo riconoscendo le proprie radici si può diventare se stessi. La liberazione dalle catene del passato avviene sempre sullo sfondo di una rivisitazione critica della propria storia, che non mira a negarla, rifiutarla, cancellarla, bensì ad accettarla come parte fondante di sè e che tuttavia non riassume, non riassorbe tutto il nostro essere.

L'autentica trasformazione va però distinta da una figura in apparenza simile, ma che a ben vedere non vi ha proprio nulla a che vedere. Si tratta della " metamorfosi", ovvero di una serie di cambiamenti continui, solo superficiali, inconcludenti. Qui manca del tutto la dimensione dell'autenticità, della scoperta del proprio desiderio e della dedizione necessaria perché si realizzi.

La metamorfosi è di facciata, non ha sostanza. È un falso movimento, assomiglia ad un capriccio, come viene se ne va. Di fatto non riflette un movimento di vera separazione dall'altro, bensì il permanere di una certa dipendenza nei suoi confronti. Non comporta la scelta per ciò che riflette un'aspirazione intima e personale ma rimane nella logica mimetica del fare le cose che fanno gli altri, che possono piacere agli altri, camaleonticamente. E, come tutte le azioni portate avanti per pura seduzione o compiacenza, porta presto o tardi all'insoddisfazione.

Un percorso psicoanaliticamente orientato può dunque aiutare chi si trova impigliato nella rete dell'insoddisfazione cronica e della noia ad inoltrarsi in un processo di trasformazione. Che in quanto tale richiede tempo, fatica, costanza e disponibilità a guardare indietro nel tempo. Non tanto per sostare nella nostalgia del passato, nel rimpianto o nella rabbia, ma per recuperare il contatto con ciò che si è stati in vista di quello che si vuole diventare.

Conoscere a fondo il "potere di ieri" fa sì che se ne possa prendere le distanze e depotenziare la forza. Recuperando così la libertà di dedicarsi a qualcosa di originale, di veramente singolare ed inimitabile. A partire magari proprio da un inciampo, da un fallimento, da un errore, dalla consapevolezza dei propri limiti, fondamentale per convogliare le proprie energie nella direzione che più ci appartiene.

 

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Il complesso della “madre morta”: prima parte

In “Narcisismo di vita, narcisismo di morte”, testo di Andrè Green pubblicato nel 1983, troviamo una descrizione approfondita della figura della così detta “madre morta”, frutto delle riflessioni dell’autore intorno a quei pazienti nevrotici  le cui analisi (anziché dare centralità ai sintomi nevrotici) girano sostanzialmente intorno alla depressione e alle tematiche narcisistiche connesse.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

"Il depresso"

Nella poesia di Alda Merini " Il depresso" troviamo una magistrale descrizione di alcuni tratti tipici della psiche di soggetti che soffrono di depressione, nonché del tipo di relazione che li lega a persone che sono affettivamente coinvolte con loro.

Riconoscere la depressione

Come si riconosce una depressione? Cosa la distingue dalla semplice tristezza? Sicuramente la sua durata nel tempo e il suo grado di interferenza sulla capacità di azione. Una certa variabilità dell'umore fa parte della natura umana, per cui esistono delle oscillazioni assolutamente normali che sono semplicemente conseguenza di accadimenti esterni.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.