Metamorfosi o trasformazione?

Una psicoanalisi punta a favorire in un soggetto un cambiamento profondo, mira cioè a promuovere in lui la ripresa di un contatto con ciò che davvero desidera, al di là delle aspettative degli altri. Le persone infatti spesso si ammalano quando restano schiave delle attese altrui, quando si rinchiudono in atteggiamenti rinunciatari e conformisti, bollando le loro legittime aspirazioni come impossibili da realizzare.

Bion, a proposito dei mutamenti attivati da un percorso terapeutico, parlava di "trasformazione", intendendo con questo termine la possibilità di prendere finalmente le distanze dai condizionamenti esterni (tipicamente quelli familiari) per ascoltare la voce del proprio desiderio. Ciò a partire non da un netto rifiuto dell'eredità familiare, ma da un suo riconoscimento. Solo riconoscendo le proprie radici si può diventare se stessi. La liberazione dalle catene del passato avviene sempre sullo sfondo di una rivisitazione critica della propria storia, che non mira a negarla, rifiutarla, cancellarla, bensì ad accettarla come parte fondante di sè e che tuttavia non riassume, non riassorbe tutto il nostro essere.

L'autentica trasformazione va però distinta da una figura in apparenza simile, ma che a ben vedere non vi ha proprio nulla a che vedere. Si tratta della " metamorfosi", ovvero di una serie di cambiamenti continui, solo superficiali, inconcludenti. Qui manca del tutto la dimensione dell'autenticità, della scoperta del proprio desiderio e della dedizione necessaria perché si realizzi.

La metamorfosi è di facciata, non ha sostanza. È un falso movimento, assomiglia ad un capriccio, come viene se ne va. Di fatto non riflette un movimento di vera separazione dall'altro, bensì il permanere di una certa dipendenza nei suoi confronti. Non comporta la scelta per ciò che riflette un'aspirazione intima e personale ma rimane nella logica mimetica del fare le cose che fanno gli altri, che possono piacere agli altri, camaleonticamente. E, come tutte le azioni portate avanti per pura seduzione o compiacenza, porta presto o tardi all'insoddisfazione.

Un percorso psicoanaliticamente orientato può dunque aiutare chi si trova impigliato nella rete dell'insoddisfazione cronica e della noia ad inoltrarsi in un processo di trasformazione. Che in quanto tale richiede tempo, fatica, costanza e disponibilità a guardare indietro nel tempo. Non tanto per sostare nella nostalgia del passato, nel rimpianto o nella rabbia, ma per recuperare il contatto con ciò che si è stati in vista di quello che si vuole diventare.

Conoscere a fondo il "potere di ieri" fa sì che se ne possa prendere le distanze e depotenziare la forza. Recuperando così la libertà di dedicarsi a qualcosa di originale, di veramente singolare ed inimitabile. A partire magari proprio da un inciampo, da un fallimento, da un errore, dalla consapevolezza dei propri limiti, fondamentale per convogliare le proprie energie nella direzione che più ci appartiene.

 

Altri articoli sull'amore

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Quando in amore "no" nasconde "sì"

Il "no" di una donna che nasconde la sottostante volontà di dire "si" non è più un fenomeno comunissimo ai nostri giorni, sebbene in alcuni casi non del tutto estinto. Il suo declino come ingrediente tipico del rituale di corteggiamento lo si deve all'emancipazione della donna, non più legata a vecchi cliché di difesa della propria virtù minacciata dalle avances del maschio di turno.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Tradimento e fedeltà in amore

Le cause alla base di un tradimento non sono mai sempre le stesse in tutti i casi, così come le conseguenze che ingenera all'interno della relazione di coppia. Non solo, nessuno se ne può ritenere del tutto immune, si tratta di un evento che può colpire anche i rapporti più solidi, le unioni meglio riuscite.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961