Ricominciare grazie ad un'analisi

Una delle grandi potenzialità insite nella psicoterapia è la possibilità che offre a chi la intraprende di riprendere in mano la propria vita. Ma che significa nel concreto? Cosa vuol dire ricominciare a vivere pienamente? E perché parlare a chi sa ascoltare ha degli effetti così dirompenti?

Partiamo da quest'ultima questione: parlare a qualcuno che sa ascoltare. L'accento non è volutamente messo sul terapeuta ma sul soggetto stesso. Una terapia funziona solo se è chi parla che lavora, che fa lo sforzo di analizzarsi e di capirsi. Aspettarsi che sia l'altro a mettere in atto delle tecniche per guarirci dal nostro disagio è semplicemente sterile e fallimentare, nella misura in cui quando stiamo male siamo a livello inconscio profondamente implicati nel mantenere e perpetuare lo stato in cui ci troviamo. La ricerca delle cause e dei perché sta quindi dal lato di chi domanda, mentre dall'altra parte c'è qualcuno che tramite il suo ascolto e la sua mirata interpretazione permette a sua volta di ascoltarsi davvero, di vedere dentro a punti ciechi, di prendere la parola appena pronunciata per qualcosa che ha un peso, un valore, una verità. Solo così parlare acquista un valore trasformativo, incide, buca, non cade nel vuoto come semplice parola vuota o come inutile lamento.

Ora le parole dette in analisi sono sempre connesse ad una definizione di sè basata su quella formulata da un Altro, l'Altro primordiale, un genitore, la famiglia, il contesto d'origine. Si tratta di identificazioni alienanti, che via via nel corso del lavoro emergono, appaiono in piena luce e si disfano. Sciogliendosi liberano dalla loro presa, con un effetto di separazione che restituisce margine di manovra, capacità espressiva, slancio desiderante. In virtù di questo processo si può ricominciare a vivere. Di fatto si tratta di una nuova nascita, che può avvenire a qualsiasi età ed indipendentemente dagli accadimenti esterni, proprio perché in gioco c'è il recupero della parte più autentica e insieme più sconosciuta di se stessi.

Ma il lavoro non finisce qui. Se da una parte molte errate definizioni di sè possono essere evocate, attraversate ed infine superate, dall'altra qualcosa resiste, non si fa piegare, incidere. Il discorso inciampa ripetutamente su un nucleo di fondo che appare imperturbabile alla parola e pertanto inscalfibile. Le parole e le formulazioni per dirlo variano, ma lui resta sempre lì, con il suo potere di determinazione sul proprio destino. Si tratta di quella che in psicoanalisi chiamiamo "identificazione costituente", costituente perché racchiude una definizione di sè che inconsciamente condiziona tutto il modo di vivere e di vedere la realtà di una persona. "Essere una merda", " essere il migliore", "essere l'esclusa" sono solo alcuni esempi di tale nucleo resistente al lavoro analitico e alla base di tutta la logica di una vita.

Se l'analisi non lo può disfare, sciogliere, neutralizzare, eliminare può però produrre degli effetti potentissimi nella direzione di un suo oltrepassamento. Si tratta di una trasformazione di questa ripetizione cattiva in una chance, in una possibilità inedita, in qualcosa di creativo. "Essere una merda" può così dare linfa ad un'attività, un progetto, una vocazione che non potrebbero sostenersi su un fantasma di onnipotenza. Una fragilità può cioè convertirsi in forza creativa, aver sofferto diventare in questo modo un motore anziché solo un buco in cui cadere ogni volta.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.