Ricominciare grazie ad un'analisi

Una delle grandi potenzialità insite nella psicoterapia è la possibilità che offre a chi la intraprende di riprendere in mano la propria vita. Ma che significa nel concreto? Cosa vuol dire ricominciare a vivere pienamente? E perché parlare a chi sa ascoltare ha degli effetti così dirompenti?

Partiamo da quest'ultima questione: parlare a qualcuno che sa ascoltare. L'accento non è volutamente messo sul terapeuta ma sul soggetto stesso. Una terapia funziona solo se è chi parla che lavora, che fa lo sforzo di analizzarsi e di capirsi. Aspettarsi che sia l'altro a mettere in atto delle tecniche per guarirci dal nostro disagio è semplicemente sterile e fallimentare, nella misura in cui quando stiamo male siamo a livello inconscio profondamente implicati nel mantenere e perpetuare lo stato in cui ci troviamo. La ricerca delle cause e dei perché sta quindi dal lato di chi domanda, mentre dall'altra parte c'è qualcuno che tramite il suo ascolto e la sua mirata interpretazione permette a sua volta di ascoltarsi davvero, di vedere dentro a punti ciechi, di prendere la parola appena pronunciata per qualcosa che ha un peso, un valore, una verità. Solo così parlare acquista un valore trasformativo, incide, buca, non cade nel vuoto come semplice parola vuota o come inutile lamento.

Ora le parole dette in analisi sono sempre connesse ad una definizione di sè basata su quella formulata da un Altro, l'Altro primordiale, un genitore, la famiglia, il contesto d'origine. Si tratta di identificazioni alienanti, che via via nel corso del lavoro emergono, appaiono in piena luce e si disfano. Sciogliendosi liberano dalla loro presa, con un effetto di separazione che restituisce margine di manovra, capacità espressiva, slancio desiderante. In virtù di questo processo si può ricominciare a vivere. Di fatto si tratta di una nuova nascita, che può avvenire a qualsiasi età ed indipendentemente dagli accadimenti esterni, proprio perché in gioco c'è il recupero della parte più autentica e insieme più sconosciuta di se stessi.

Ma il lavoro non finisce qui. Se da una parte molte errate definizioni di sè possono essere evocate, attraversate ed infine superate, dall'altra qualcosa resiste, non si fa piegare, incidere. Il discorso inciampa ripetutamente su un nucleo di fondo che appare imperturbabile alla parola e pertanto inscalfibile. Le parole e le formulazioni per dirlo variano, ma lui resta sempre lì, con il suo potere di determinazione sul proprio destino. Si tratta di quella che in psicoanalisi chiamiamo "identificazione costituente", costituente perché racchiude una definizione di sè che inconsciamente condiziona tutto il modo di vivere e di vedere la realtà di una persona. "Essere una merda", " essere il migliore", "essere l'esclusa" sono solo alcuni esempi di tale nucleo resistente al lavoro analitico e alla base di tutta la logica di una vita.

Se l'analisi non lo può disfare, sciogliere, neutralizzare, eliminare può però produrre degli effetti potentissimi nella direzione di un suo oltrepassamento. Si tratta di una trasformazione di questa ripetizione cattiva in una chance, in una possibilità inedita, in qualcosa di creativo. "Essere una merda" può così dare linfa ad un'attività, un progetto, una vocazione che non potrebbero sostenersi su un fantasma di onnipotenza. Una fragilità può cioè convertirsi in forza creativa, aver sofferto diventare in questo modo un motore anziché solo un buco in cui cadere ogni volta.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.