Disturbo borderline: il riposo impossibile

Antonello Correale, nel suo "Area traumatica e campo istituzionale", sostiene una tesi largamente condivisa dai clinici: il disturbo borderline si associerebbe invariabilmente ad un trauma indotto da un oggetto genitoriale percepito come frustrante, indisponibile e umiliante.

Tale deficit di presenza rassicurante impedirebbe lo sviluppo di quello che Correale chiama "riposo", inteso non semplicemente come cessazione dello sforzo, ma come disposizione mentale a creare nuove connessioni di pensiero, punti di vista allargati, riflessioni ad ampio spettro.

Si tratta di una capacità propria di tutti gli esseri umani. Essa si connette al concetto freudiano di “attenzione liberamente fluttuante”: la mente è libera di spaziare, di ricercare, di inventare, di connettere elementi sparsi e ricondurli a qualcosa di nuovo, a dei nuclei di verità.

Al contrario una presenza genitoriale instabile, rumorosa, confusiva provoca un corto circuito in tale possibilità di "riposo", gettando nella disperazione piatta e desolante, la cui unica via di uscita sembra essere il passaggio all'atto. L'agire impulsivamente, la rabbia sono tentativi di mettere fine al tumulto interiore, che però finiscono per accrescerlo per via delle conseguenze negative degli agiti. Il caos, l'agitazione irrequieta vengono così rinforzate anziché alleviate.

Il trauma del passato

La rappresentazione interiorizzata del genitore del borderline è traumatizzante nella misura in cui fa mancare sistematicamente un senso di sicurezza e di gioia per la vita del figlio. Questo non perché sia intrinsecamente cattivo, ma perché è a sua volta vittima di vicende di vita drammatiche. Ne deriva che il bambino futuro borderline vive l'esperienza traumatica di sentirsi come un oggetto sballottato sulle onde, qualcosa di sradicato, di inutile, senza appoggi e senza prospettive: prevale un vissuto catastrofico di perdita totale e irreparabile.

Secondo Correale, se nello scompenso psicotico osserviamo una rottura con la realtà e lo sprofondamento in un mondo solitario e inafferrabile a cui segue la creazione di una neo realtà (delirio), nel borderline le cose vanno diversamente. Non c'è entrata in un mondo parallelo, egli resta solo con il suo terrore, senza nemmeno la consolazione di diventare psicotico. Può vivere delle esperienze dissociative (stati alterati di coscienza, disturbi dell'attenzione, restringimento della memoria e disturbi percettivi) ma non giunge mai in un mondo parallelo, al massimo mette in scena un personaggio teatrale, tormentato e tormentante.

La crisi nel presente

Nel momento della crisi il borderline rivive, in relazione a nuovi partner (anche quelli amorevoli), l'esperienza traumatica frustrante. Dietro le facce consuete compaiono di colpo sembianze odiose e indifferenti. Irrompe allora improvvisamente una disperazione dolente, una rabbia violenta, finalizzata in maniera distorta a ristabilire il legame.

L'urlo, l'imprecazione o l'aggressione puntano in realtà a suscitare convulsamente l'interesse e la cura da parte dell'altro, ma finiscono ovviamente per allontanarlo. Queste dinamiche sono repentine e imprevedibili, perché tutto si gioca nella testa del borderline. Il partner o semplicemente l'interlocutore può dire o fare qualcosa senza nessuna intenzione abbandonica o svalutante, ed essere però interpretato a partire dalla rappresentazione traumatica interiorizzata. Spesso rimane con la sensazione di aver fatto un danno, senza capire perché e di quale danno si tratti.

La ferita del passato spinge il borderline ad una sorta di iper vigilanza, che lo rende sensibilissimo e attentissimo a ciò che l'altro è o fa. Lo tiene sotto una costante lente di ingrandimento, senza potersi mai fidare definitivamente. La sua ricerca di presenze vive, non ipocrite e di prove di vero interesse nei propri confronti, non si arresta mai, non sfocia mai in fiducia tranquilla e incrollabile. Il partner viene così sfibrato dai continui attacchi del compagno, che da vittima si trasforma così in persecutore..

La terapia

La sensibilità esasperata di questi pazienti li rende acutissimi nel cogliere se il curante capisce davvero l'intensità del loro disagio o se mostra soltanto un generico senso di disponibilità umana. La loro ricerca di persone "vere", davvero interessate, li porta a sottoporre chi hanno di fronte a continui test. Non solo, nella relazione terapeutica rivivranno proprio le dinamiche legate all'altro traumatico.

La sfida di un approccio terapeutico sarà allora quella di aiutare il borderline a sviluppare la capacità alterata di "riposo" della mente, per contrastare impulsività e distruttività. È importante innescare un "gioco" di pensieri attivo e orientato, ricco di aspetti metaforici, proponendo idee, ampliamenti, spiegazioni e chiarimenti.

Il terapeuta è chiamato a esserci, instancabilmente. Secondo Correale la sua forza il curante la attinge da un "nucleo di solitudine creativa e dolente" che in lui è circoscritto, mentre nel paziente si sviluppa in maniera tumultuosa e totalizzante, inibendo ogni sviluppo fecondo.

Una notazione importante riguarda la rabbia. Ad essa è bene non reagire specularmente certo, però il terapeuta che viene attaccato non deve nemmeno comportarsi come se non ne fosse toccato minimamente. In entrambi i casi, reagendo o facendo finta di nulla, riprodurrebbe la freddezza e inaccessibilità dell'altro traumatico. Può dunque sì mostrare stanchezza, ma a partire dalla consapevolezza dell’appello disperato insito nella rabbia.

Tags: Borderline

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.