Psicoanalisi della risposta e psicoanalisi interrogante

In “Che cosa chiede Edipo alla Sfinge”, testo contenuto nella raccolta “Il bambino dalle uova d’oro” e redatto agli albori degli anni settanta, Elvio Fachinelli interroga con preveggenza il fenomeno della “psicoanalisi della risposta”, intuendone l’ineluttabilità del declino e auspicandosi l’avvento di una “psicoanalisi interrogante”.

L’Edipo e la Sfinge

La metafora che propone è quella dell’incontro fra Edipo e la Sfinge, intendendo per Edipo un soggetto inconsapevolmente in cammino verso il proprio destino (come ogni essere umano) e la Sfinge come incarnazione della funzione dell’analista.

Come si sa, nel mito ad Edipo viene sbarrata la strada verso Tebe da una Sfinge, un’ambigua creatura dal corpo di leone e la testa di donna, che lo mette di fronte ad un interrogativo che di fatto riguarda il suo statuto esistenziale di uomo.

La domanda << qual é l’animale che al mattino si muove su quattro gambe, al mezzogiorno con due e al tramonto con tre>> a cui egli risponde correttamente (menzionando l’uomo), sottende infatti una consapevolezza da parte di Edipo del suo destino di individuo mortale.

Attraverso l’interrogativo della Sfinge si sviluppa dunque un atteggiamento meditativo, che porta ad una conquista, ovvero la decifrazione dell’umano. Cosa che rimanda al senso del lavoro analitico. Le risposte sono prodotte dal soggetto, (non dall’analista), è lui il vero detentore della verità.

Psicoanalisi della risposta

Fachinelli nota però come la psicoanalisi sia andata incontro negli anni ad un progressivo allontanamento dalla figura della Sfinge leonina che Edipo incontra sulla via di Tebe, l’immagine di quest’ultima degradata piuttosto a quella di macchietta di colui “che ti aspetta al varco”, immobile, impenetrabile, parco di parole.

Se, una volta, con Freud (e alcuni altri) la psicoanalisi aveva veramente posto all’uomo delle domande, delle domande essenziali, al momento in cui lo psicoanalista scrive (precisamente nel ‘69) essa dà quasi esclusivamente delle risposte. Essa è diventata, a causa del suo stesso isolamento rispetto all’esterno, una sorta di “nebulosa” in continua espansione, sollecitata a fornire risposte psicologizzanti, a razionalizzare le irrazionalità, a prevenire le difficoltà, a tamponare i conflitti.

La psicoanalisi negli anni settanta è dunque una sorta di depositaria di un sapere verità: entra nelle università (“nelle fortezze ufficiali del sapere”) secondo schemi di indottrinamento psicoanalitico , viene consultata nell’ambito del controllo della devianza ecc...Una sorta di super-pedagogia, super-psichiatria, super-criminologia asservita al vigente progetto tecnocratico di sorveglianza, controllo e direzione di individui e organizzazioni.

Crisi della psicoanalisi al potere

Ora, ed è questo il punto visionario dell’analisi di Fachinelli, è proprio tale dimensione pedagogizzante e correttiva a decretare la crisi della psicoanalisi (e, diremmo noi oggi, il suo successivo declino negli anni novanta e duemila a cui abbiamo assistito nella contemporaneità).

La “psicoanalisi al potere”, in uno scenario di contestazione e dissidenza come quello dei primi anni settanta, viene di fatto tagliata fuori, esclusa dal movimento giovanile. Il problema della discontinuità, del distacco, della crisi dell’istituto familiare nell’epoca dell’industrializzazione capitalistica in ascesa (che si preannuncia attraverso i giovani) non trova luogo nella psicoanalisi, ancorata all’esperienza freudiana.

Se l’esperienza freudiana è quella di un soggetto in lotta con il padre e la psicoanalisi è divenuta un luogo di risposte intorno al sistema parentale tradizionalmente inteso, quali risposte può ancora (e potrà) dare a problematiche esterne a tale sistema?

Psicoanalisi interrogante

Gli psicoanalisti si trovano dunque di fronte a fenomeni non più pensabili in chiave psicoanalitica; c’è qualcosa in gioco della forclusione lacaniana dice Fachinelli, una esclusione radicale, un’assenza dall’inconscio di un significante fondamentale, il simbolo paterno.

Non si tratta si chiede Fachinelli, dell’estremo limite del campo concettuale psicoanalitico, oltre il quale cominciare lo sforzo di una nuova strutturazione? Evitando sia nostalgie dell’Edipo con valutazioni catastrofiche del futuro che al rovescio esaltazioni di una nuova “società di fratelli” (vedasi i fenomeni di autodistruzione, autocombustione e tendenza al ripristino dell’autorità proprie di molti movimenti giovanili e quelli di massificazione conformistica, atomizzazione sociale ecc.. )

Per incontrare nuovamente Edipo in quanto Sfingi senza maschera, ovvero per incontrare un soggetto con cui potremo forse scambiare domande, bisogna allora per Fachinelli trovarsi sulla strada di Tebe, dunque uscire dalla posizione chiusa di detentori della verità.

Se la crisi della psicoanalisi della risposta è cominciata a livello della secessione giovanile, una psicoanalisi interrogante e senza fissa dimora dovrà partire proprio dal luogo delle giovani generazioni. Gli asili, i nidi d’infanzia, ma anche i cortili, le strade, le periferie ecc...Non per indottrinare, ma per mettersi in ascolto dei mutamenti sociali e antropologici. Per interrogare fino in fondo i propri strumenti, metterli in discussione ed elaborarne eventualmente altri, secondo lo spirito pionieristico di ricerca del padre della psicoanalisi.

 

Tags: Disagio contemporaneo

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Depressione lucida o inconsapevole?

L’affetto depressivo tendenzialmente mal si concilia con l’esercizio della parola, inteso quest’ultimo come possibilità di espressione ed elaborazione di questioni relative a verità soggettive. La depressione blocca la parola sia nella sua dimensione di ponte nei confronti dell’Altro, sia nella sua potenzialità dinamica di scoperta del nuovo.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.