Ipersensibilità al rifiuto

Il rifiuto da parte del proprio simile è lo spettro che molti si trovano a temere più o meno coscientemente. In ogni contesto e gioco relazionale si aspettano di venir esclusi, emarginati, presi in giro. È più forte di loro: si sentono diversi e vivono la loro diversità come una colpa, un difetto anziché come una ricchezza (magari ingombrante) da saper portare con una buona dose di sano orgoglio ed autoironia.

La paura del rifiuto genera rifiuto  

Generalmente la paura del rifiuto è indipendente dal grado di accoglienza manifestata da parte dell’ambiente. Chi ne soffre se da un lato gioisce di un sorriso o di una parola gentile e aborrisce più di qualsiasi altra cosa al mondo un ambiente ostile e competitivo, dall’altro anche quando riceve manifestazioni di interesse interiormente continua a tremare, aspettando il momento della doccia fredda che prima o poi inevitabilmente arriverà.

La frustrazione infatti non è aggirabile, è conseguenza, oltre che della concorrenza aggressiva, patetica  ma ahimè profondamente umana fra simili, anche del puro fatto  che gli uomini, pur aperti alla relazione, vivono nella separatezza del proprio corpo e della propria mente. Dunque non possono essere sempre “connessi” all’altro, anche volendolo. La vita di ognuno di noi impone momenti di assenza, di distrazione, di concentrazione su altro o altri. Chi teme l’esclusione interpreta (per lo più inconsciamente)  ogni sguardo dell’altro rivolto altrove come segno inequivocabile di antipatia, disinteresse o superficialità.

Accade quindi che, nell’attesa di una siffatta emarginazione, vengano messi in campo degli atteggiamenti di difesa “preventiva”,  che però finiscono poi col realizzare (anziché scongiurare)  l’eventualità temuta.

Tipicamente essi comprendono  la chiusura, lo stare sulle proprie, il non cercare un contatto esibendo una falsa autosufficienza. La decodifica  sul versante dell’altro è  “disinteresse alla relazione”, a cui segue un rivolgersi altrove. La profezia del rigetto  si auto avvera.

Abbiamo poi un'altra modalità difensiva ma altrettanto fallimentare, ossia quella della forzatura: “se ti costringo a vedermi non potrai certo ignorarmi!”. Allora ecco tutta una serie di provocazioni, scene buffe, istrionismi di vario genere finalizzati a colpire, a catturare lo sguardo dell’altro. Destinati anch’essi allo scacco, alla mala interpretazione, all’equivoco e ovviamente, infine, al tanto paventato ripudio.

Le cause della paura

Ma perché tanto orrore? Da dove deriva quella che in taluni casi si delinea come una vera e propria fobia se non addirittura una sorta di delirio transitorio di persecuzione?

Alla base, come abbiamo accennato, troviamo profondi sentimenti di auto svalutazione, originati dalla percezione protratta nel tempo dell’infanzia di una qualche diversità rispetto alla norma. Non sono infrequenti fenomeni di bullismo in età scolare, così come rimproveri e più o meno sottili denigrazioni reiterate  in famiglia.

Ma non è patogena  soltanto la sensazione “negativa” di sé mutuata da esperienze precoci. Lo è anche quella troppo “positiva”, ovvero l’esaltazione continua delle proprie presunte qualità avvenuta da parte di un genitore e magari  parallelamente anche dal contesto scolastico. Il bambino “prodigio”, schiacciato dalle attese dell’altro, sarà condizionato da adulto dal plauso dell’ambiente; se esso viene meno, per qualsiasi inezia, si apre il baratro già vissuto in passato, letto nella delusione negli occhi di mamma o papà quella volta che la propria soggettività fanciullesca veniva a cozzare con il loro ideale.

Sia al bambino “rifiuto” che a quello “gioiello” (può anche accadere anche che dall’uno si passi all’altro a seconda del capriccio dell’adulto) viene negata la possibilità di un amore che tenga conto del loro “reale”, ovvero della loro vitale imperfezione, del loro essere semplicemente bambini.

È infatti dallo specchio di quell’amore che deriva il così detto amor proprio, quella fiducia in sé che limita le oscillazioni fra sentirsi una “merda” o credersi un “dio”. E che, di riflesso, impedisce di vedere nel volto dell’altro un mostro che fa del male, che umilierà e abbandonerà  o al contrario un salvatore sempre amorevole e costantemente disponibile.

L’adulto che si porta nell’animo questi vissuti avrà delle difficoltà non solo a livello sociale ma anche in amore. Potrà scegliere un partner perché rassicurante, perché buono e sicuro, rinunciando magari al suo desiderio (che lo espone maggiormente al pericolo del rifiuto), oppure potrà finire nella morsa di un legame totalmente ambivalente, come lo era stato il rapporto con i suoi genitori.

Approccio terapeutico

Un lavoro di analisi in queste situazioni aiuta notevolmente, non tanto perché possa ripristinare una fiducia di base a cui non si arriverà mai, quanto perché renderà progressivamente consapevoli del fenomeno e impedirà in parte di scivolare pesantemente nei citati circoli viziosi e nelle profezie auto avveranti.

L’amore di transfert non può sostituirsi all’amore malato dei genitori, però, mobilitando intense cariche affettive, può far vivere qualcosa di diverso, può far incontrare una risposta da parte dell’Altro del tutto inattesa, in ogni caso in contro tendenza rispetto alle aspettative e ai fantasmi in gioco.

L’analista non è riduttivamente uno specchio che restituisce un’immagine positiva di “bravo bambino”. Anzi, se sulla sua figura vengono proiettati tutti i timori e le angosce infantili la sua risposta divergerà da quella attesa nella misura in cui saprà essere “vero”, non falso, non artificioso, quindi  nemmeno pacificante a tutti i costi.

Si produrrà così una progressiva tolleranza della frustrazione insita in ogni rapporto, data dalla non coincidenza collosa fra simili che poi tanto simili non sono. Nella parola che incontra un ascolto neutrale benché vivo  ci sono tutti i germi di una futura ripresa nel domandare, nell’andare verso l’altro tollerando l’angoscia, senza aspettarsi troppo,  né rifiuto né protezione. Cogliendo quelle rare, fortunate circostanze in cui si produce la scintilla della simpatia gratuita e dell’amore.

Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

L'odio ossessivo

Soggetti a struttura ossessiva, per lo più di sesso maschile, nutrono un odio inconscio a tratti francamente crudele nei confronti del desiderio. Ma di quale desiderio, quello proprio o altrui? Se consideriamo che il desiderio è sempre desiderio dell'Altro, in gioco abbiamo entrambi. L'Altro infatti, per la psicoanalisi lacaniana, non è solo il luogo delle regole, del codice, del linguaggio, della Legge, ma anche il posto tout court del desiderio.

Leggi l'articolo

Donne che amano troppo

“Donne che amano troppo”, titolo di un famoso best seller americano degli anni ottanta, è stato ed è ancora (soprattutto fra le non più giovanissime) una sorta di mantra relativo alla sofferenza femminile in campo amoroso.

Leggi l'articolo

Quando il rifiuto è una domanda d’amore

Il rifiuto, anche quello più ostinato, freddo o rancoroso spessissimo nasconde una domanda disperata d’amore. Chi utilizza tale modalità all’interno dei rapporti amorosi ne è come soverchiato, sa che non porterà nulla di buono eppure non ne può fare a meno.

Leggi l'articolo

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Amore fraterno o passionale?

E’ ormai luogo comune e del tutto assodata la non esistenza di una sola forma d’amore. Spesso nelle convinzioni e nei detti popolari si ripropone in vario modo un dualismo della vita amorosa sul quale la psicoanalisi si è interrogata fin dalla sua nascita, senza parlare della ricerca che da sempre ha messo a lavoro filosofi, letterati e poeti.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961