Perseveranza o ostinazione?

Ostinazione e perseveranza sono sinonimi. C’è però a guardare bene una differenza enorme tra le due tendenze, che ne svela le nature opposte. 

La stessa definizione della parola “ostinazione” nel vocabolario tiene conto della duplicità del termine, presentando prima l’accezione negativa (irrigidimento caparbio di un’idea o di un comportamento) e in secondo luogo quella positiva  (perseveranza, fermezza in ciò che è bene).

Molte persone ritengono la loro testardaggine un punto di forza, confondendola con la tenacia; in psicoterapia possono finalmente realizzare i limiti di tale atteggiamento, cogliendo  tutta una serie di sfumature che infine aiutano a vivere meglio.

Il limite dell’ostinazione

A prima vista dunque l’ostinazione può essere confusa con un atteggiamento virtuoso, quello di chi non molla in vista di obiettivi importanti. L’ostinato in effetti non cede, tuttavia nella sua insistenza egli è accecato dall’egocentrismo e non di rado da un po’ esibizionismo, che lo portano verso una certa inconcludenza e vanagloria. 

La figura dell’ostinazione si accompagna infatti alla rigidità di pensiero e alla scarsa capacità di autocritica. Senza la bussola della flessibilità e dell’umiltà è facile scivolare nella sterilità e vacuità, proprio perché la concezione di sé e delle proprie azioni si scolla dalla realtà dei fatti.

Vengono quindi perpetrate azioni che non portano da nessuna parte, con la presunzione però che siano modalità  prestigiose  e significative quando invece alla resa dei conti sono del tutto infruttuose.

 L’impatto negativo dell’atteggiamento ostinato non lo si vede solo nella vita del singolo, nei suoi vizi, nelle sue manovre autodistruttive e nelle sue debacle personali. 

Molte problematiche in seno a contesti aziendali e comunitari sono riconducibili a tale miopia, tipica delle sfere manageriali  ma anche dei gruppi di lavoro più allargato, incapaci di dialogare proficuamente con l’esterno, con cambiamenti e stimoli nuovi. L’ostinazione porta all’arroccamento su posizioni inefficaci e vane, nella più totale inconsapevolezza o rimozione dell’insuccesso incombente.

La virtù della perseveranza 

Colui che persevera nel bene invece, come dice il vocabolario, è in grado di esercitare la virtù della “fermezza”. La fermezza è qualcosa di diverso rispetto alla cieca tirannia dell’Io che celebra e vede solo se stesso.  

Essa presuppone una forza che non si basa sull’illusione di grandezza bensì sulla coscienza profonda della fragilità e fallibilità. Essere fermi vuol dire “tenere” nonostante le avversità e le difficoltà, senza negazionismi o sottovalutazioni. 

Se nell’ostinazione vediamo lo zampino della maniacalità, ovvero di un’ipertrofia dell’Io chiaramente compensatoria di una sua crepa profonda, nella perseveranza i risultati arrivano non in assenza di problemi, ma grazie alla capacità di tollerare le frustrazioni e di stringere i denti in funzione di una passione che non attinge il suo fuoco dalla volontà di apparire e di venir riconosciuti. 

Spesso nell’ostinazione si vede la volontà bramosa di piacere a chicchessia, la smania di dimostrarsi che “io valgo”.

Mentre nelle storie di coloro che hanno perseverato virtuosamente, sia che siano persone divenute effettivamente famose nel campo dell’arte o della scienza che di uomini comuni dediti a qualcosa che ha un valore, vediamo al centro sempre un grande interesse, un vivo desiderio perseguiti indipendentemente dal prestigio.

Se nell’ostinazione si ricerca la grandezza dell’Io, spesso inseguendo  conferme superficiali ed esteriori e perdendo di vista la sostanza, nella tenacia vera l’Io è come dimentico di sé stesso, perché ha il sopravvento su di lui la cosa che appassiona. 

Tale predominanza dell’oggetto impone sacrifici, ma essi sono sopportati in nome della creazione di qualcosa che fa sentire appagati e realizzati. La disciplina non è solo sacrificale a questo livello, ma diventa un’esperienza bella in sé, un tutt’uno con la cosa che piace, un affinarsi, un piacere quasi infantile di imparare.

Il successo e la visibilità sono l’esito del talento e della fortuna, difficilmente l’obiettivo finale. Chi ama suonare, o fare sport, o fare impresa o chissà che altro non smette perché il successo planetario non arriva, va avanti lo stesso, nel corso di tutta la vita. Ciascuno nel suo piccolo può realizzare imprese e obiettivi  importanti, nel lavoro, negli studi, nel quotidiano più prosaico, anche nell’anonimato. 

L’importante è capire cosa fa stare bene, cosa conta davvero e poi non mollare, non mollare mai, anche quando la fatica è tanta, gli ostacoli sono innumerevoli e la sfiducia porta a inciampare e cadere. 

È banale, ma si impara a camminare proprio cadendo. Così dall’errore e dalla sconfitta si può imparare, sempre. Se non si ha paura di fallire ci si può rialzare e fare; se si resta ostaggio del prestigio si finisce per non fare nulla o intestardirsi in vie sterili che non portano da nessuna parte.

Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

È l'amore

Una poesia di Borges mostra, contro ogni ingenuo romanticismo, cos'è quell'angoscia strutturalmente connessa ad un autentico desiderio amoroso.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Passione e conflitto fra uomo e donna

È risaputo: gli opposti si attraggano. La diversità fra uomo e donna, in amore, è una calamita fortissima, esercita un potere invincibile persino sulle menti più razionali. E tuttavia, nonostante la sua attrattiva, è spesso motivo di frizione, contrasto, fraintendimento se non addirittura causa di rottura. Ma di che diversità si tratta? È puramente una differenza di natura biologica e sessuale o c'è in gioco altro?

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

La famiglia incestuosa

Esistono famiglie che in psicoanalisi definiamo “incestuose”, sebbene nel reale non avvenga nessun abuso sessuale. L’incesto si consuma per così dire a livello inconscio, nella misura in cui il legame fra i genitori e i figli (soprattutto quello con la madre) resta troppo stretto, non si ridimensiona cioè con il tempo.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Masochismo femminile e amore

Cosa spinge alcune donne a ricercare nella vita sempre le stesse tipologie di uomini che fanno soffrire? Perché sono irresistibilmente attratte dal tormento in una relazione? E perché solo nel dolore riescono a sentirsi vive, ad avere cioè il senso non tanto di essere amate ma di amare?

Leggi l'articolo

Amore incondizionato

Amore incondizionato significa letteralmente amore senza condizioni. È la forma più alta dell'amore, nella misura in cui rispetta la libertà dell'amato senza soffocarlo e senza scadere al rovescio in disinteresse. "Ti amo a condizione che tu faccia questo, che tu sia così come vorrei" è invece un'assunzione non verbalizzata ma implicita all'interno di moltissime relazioni, siano esse fra genitori e figli o di coppia. Si tratta di una modalità profondamente nevrotizzante, perché inchioda il partner a sforzarsi di essere ciò che non è, ad un "dover essere" che schiaccia la sua autenticità e le sue possibilità di realizzazione piena.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

L'uomo che sa amare

Amare una donna, una sola, profondamente, può non essere semplice e immediato per un uomo. Questi può vivere un intenso sentimento di attrazione verso la compagna, può sperimentare delle emozioni intensissime al suo fianco e tuttavia non riuscire ad amarla.

Leggi l'articolo

Crisi di coppia: l'abbaglio dello specchio

L'incontro era stato semplicemente magico. Intesa, mutuo riconoscimento, affinità a tutto campo. Dunque amore, progetti ed infine coppia. Ma poi, apparentemente all'improvviso, tutto cambia. Qualcosa incrina lo specchio liscio in cui entrambi si riconoscevano in un'unica, buona forma. L'immagine si sdoppia, emerge l'ombra di un volto estraneo, non previsto, non voluto, non desiderato. È il tempo della delusione. Della freddezza, della distanza. Talvolta della lacerazione del patto, del tradimento. Compare un terzo, con il quale si cerca di ricucire l'illusione narcisistica andata in pezzi. Spesso in un turbinio di insoddisfazione e sconforto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961