Una metafora del desiderio in purezza: “Eungyo”

“Eungyo” (“A Muse”), un film del noto regista coreano Jung Ji-Woo tratto dall’omonimo romanzo di Park Beom-shin, al di là degli slittamenti stilistici, delle cadute di tono e delle conseguenti stroncature della critica di settore, resta una valida rappresentazione della sintonia che si può stabilire tra due sensibilità affini, nonostante le abissali differenze di età.

Se apparentemente il film tratta il tema della passione impossibile di un riconosciuto poeta settantenne per una studentessa diciassettenne, ad un’osservazione attenta l’indagine non verte meramente sulla questione scabrosa della persistenza del desiderio sessuale e amoroso nella terza età.

E nemmeno, come affermato da molti, semplicemente sul rimpianto bruciante della giovinezza andata, sullo scarto fra la freschezza dello spirito che resta inalterata e il decadimento della materia-corpo, che taglia fuori ogni chance di poter essere ancora oggetto di desiderio per l’altro.

Non che tutto questo non abbia una sua centralità, e che per certi versi non sia messo in scena in maniera un po’ naive, attingendo da un repertorio di banalità e di già visto.

Tuttavia, in alcuni frammenti della rappresentazione, è racchiusa dell’autentica poesia. Ed essa è precisamente la poesia che si irradia dal mutuo riconoscimento fra anime che sentono certe cose allo stesso modo, che si comprendono, che condividono la medesima ferita, anche se provengono da epoche lontanissime e da ambienti differenti.

La sintonia fra il vecchio e l’adolescente va ben al di là dei cliché del risveglio del sesso nella senilità e della ricerca della figura paterna nel tumulto dello sviluppo psico-sessuale. Non a caso tra i due personaggi non accade nulla di sessuale, benché sia innegabile l’atmosfera di erotismo che li avvolge.

È per lo più un erotismo sublimato il loro, che non domanda necessariamente un soddisfacimento, che scaturisce come un sovrappiù e non come il fine del rapporto. Ecco perché l’incontro è da stimolo per la creatività del poeta e per la maturazione emotiva della ragazza. In gioco non c’è l’appetito carnale ma, diremmo in psicoanalisi, il desiderio.

Se il desiderio è qualcosa che affonda nel pulsionale, è allo stesso tempo una fiamma che trascende la materia, che va oltre, che abita altri luoghi. Questo desiderio è davvero indistruttibile, persiste nell’essere umano indipendentemente dall’età anagrafica ed è il motore di ogni soggettività, del suo svelarsi e dispiegarsi in pienezza, del suo produrre forme e bellezza, qualsiasi ne siano le modalità espressive.

L’incontro con qualcuno che faccia da miccia per il risveglio del desiderio dormiente è una contingenza essenziale (benché non sufficiente), nella misura in cui in questo incontro accade qualcosa, un riconoscimento, un contatto, una sintonia non di facciata ma di sostanza che amplificano esponenzialmente la conoscenza e la coscienza di sè.

È la ferita comune a costituire il terreno del riconoscimento, non perché ci sia stato nella vita dei personaggi lo stesso accadimento biografico. Vite diversissime in termini di esperienze, vite giunte al termine e vite appena sbocciate possono condividere la stessa divisione, lo stesso trauma sperimentati in modalità e forme molto lontane fra di loro.

Così il poeta protagonista, in virtù degli accadimenti che hanno segnato la sua storia, associa la tristezza alle matite appuntite, cosa che la ragazza non fatica a cogliere pensando alla propria di storia.

La bellezza dell’incontro si misura dunque sulla coesistenza di similarità e di divergenze incolmabili. Sono queste ultime che impediscono il miraggio di una corrispondenza e di un rispecchiamento reciproco senza scarti.

Il desiderio, se nasce dal riconoscimento, sopravvive in eterno grazie alla differenza, al permanere di individualità che restano mondi irraggiungibili ed inassimilabili in nessuna unità.

Il pregio del film allora si profila proprio in questo, nel suo costituirsi come metafora del desiderio, del desiderio indistruttibile e al tempo stesso irriducibile ad ogni soddisfacimento nella specularitá.

Un vecchio ed un’adolescente si toccano profondamente pur senza raggiungersi mai, incarnando in purezza la potenza creatrice e non addomesticabile dell’autentica pulsazione vitale.

Tags: Forza del Desiderio

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Lutto e depressione: somiglianze e differenze

 

Uno stato luttuoso successivo ad una perdita, sia essa di una persona, di un lavoro o di una condizione esistenziale, spesso ad un occhio non esperto non appare distinguibile dalla depressione. In comune vi sono infatti alcune manifestazioni tipiche: un profondo e doloroso scoramento, una perdita di interesse per il mondo esterno e per la maggior parte delle attività quotidiane e un affievolimento della capacità di amare.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.