Il desiderio di vita accanto alla morte

Il lungometraggio di Robin Campillo “Centoventi battiti al minuto” , presentato a Cannes nel 2017, ci fa entrare contemporaneamente nella vita associativa di Act Up (un’associazione di attivisti nata alla fine degli anni ottanta all’interno della comunità omosessuale parigina con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica alle problematiche dei malati di AIDS) e in quella privata di una giovane coppia omosessuale facente parte del gruppo.

L’ambientazione è quella della Francia di Mitterrand dei primi anni novanta, sostanzialmente sorda alla piaga sociale che affligge soprattutto omosessuali, prostitute, tossicodipendenti ed emofiliaci. Il collettivo di Act Up alterna confronti e dibattiti interni ad azioni direttamente sul campo, sempre non violente, ma certamente d’impatto, ispirate dal desiderio di un confronto senza filtri con la politica, la medicina, gli ambienti religiosi.

Anche le istituzioni scolastiche sono approcciate in maniera brusca e non programmata, per preservare l’immediatezza e la forza del messaggio che i militanti si impegnano a diffondere. L’obiettivo è informare, far circolare verità scabrose senza filtri, portare all’attenzione dell’opinione pubblica, dei giovani e delle sedi del potere lo scandalo della malattia, i rischi connessi alla sessualità non protetta nonché i bisogni dei malati, individui spesso (ma non sempre) facenti parte di minoranze sociali e non per questo indegni di pari dignità rispetto ai non malati..

Fanno parte del gruppo soprattutto giovani omosessuali sieropositivi, che hanno accidentalmente contratto il virus prima che l’epidemia esplodesse in tutta la sua portata devastatrice, prima cioè che si sviluppasse una consapevolezza collettiva rispetto alla malattia. La vocazione di molti di questi giovani è altruistica, far sapere, fare qualcosa, impedire l’avanzata del virus, opporre al muro di silenzio e di inerzia del sistema azioni, slogan, manifestazioni che colpiscano le coscienze e le rendano più accorte.

Di questi ragazzi su cui pesa una pesante condanna a morte (lo spettro dell’ AIDS) colpisce il fermo attaccamento alla vita, che si esprime sia nei confronti infiammati dei collettivi in cui si tenta di tenere a freno l’aggressività verbale in virtù di una pluralità di visioni e di pareri, che in questa loro lotta in campo sociale, diretta, colorata spesso di sangue finto, irriverente ma tuttavia sempre votata alla non violenza e al rispetto dell’altro.

Tuttavia la massima espressione della vitalità che resiste ad ogni insidia e che anzi, ne viene paradossalmente potenziata, la ritroviamo nelle vite private, nelle relazioni, nei rapporti d’amore che ancora sono possibili.

La paura è certamente una dimensione presente, palpabile, lo spettatore ne ha quasi una sensazione fisica. Ma accanto ad essa lo stesso spettatore sente la pulsazione vitale, l’incanto della tensione desiderante dei bei corpi giovani assurdamente minati dai primi segni della malattia, l’erotismo che resiste alla depressione e che si allaccia alla parola, ai racconti, alla complicità, all’amore.

Il godimento messo in scena non è meramente dissipativo, distruttivo e consumistico. La notte i ragazzi ballano a ritmo di musica, si lasciano estaticamente trasportare dalla magia dell’istante, dimentichi del pensiero assillante della morte. Come giovani qualunque nella normalità del loro tempo libero. C’è della poesia nell’incontro fra il protagonista sieropositivo e il suo amante sano, “siero negativo”. La schietta comunicazione della sieropositività, il sesso protetto, le confidenze, le carezze, di nuovo il sesso. Sesso che viene ritratto come scambio appassionato, al di là delle differenze e della minaccia di morte e di contagio.

Il compagno accompagnerà l’amico malato in tutte le fasi della malattia, con una ferma delicatezza scevra da incrinature, fino alla morte. L’amore per l’altro è ritratto in tutta la sua radicalità: massima esposizione al rischio, in questo caso quello non solo di perdere l’altro e di soffrire ma pure di contagiarsi a propria volta.

Cura, pietà scevra da pietismo, ironia, forza, intesa a tutto tondo costituiscono gli ingredienti di un rapporto su cui pesa la brutalità della decadenza, del dolore ed infine del distacco assoluto e che non si piega al nichilismo, alla disperazione senza luce, alla disumanizzazione feroce verso cui sospinge ogni malattia degenerativa e mortale.

Un bell’esempio per tante coppie normali, etero, sane e belle che si distruggono quotidianamente gli animi in sterili ripicche, ancora più mortali di qualsiasi disgrazia o anomalia possa accadere ai corpi.

Tags: Male oscuro, Disagio contemporaneo

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Ansia e depressione: pluralità di forme ed intrecci

Non esiste depressione clinica che non abbia l'ansia come componente significativa ci insegna Eugenio Borgna nel suo "Le figure dell'ansia".

Le invisibili catene della depressione

L'umore depresso si associa sempre alla percezione di un'impotenza, al venir meno della fiducia nella possibilità di un cambiamento, alla sensazione di trovarsi "incastrati" e di non avere via di uscita. Esistono situazioni che effettivamente per loro natura evocano tali vissuti: la morte di una persona cara, una malattia invalidante, una violenza subita.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.