Covid e salute mentale

In questi anni di pandemia stiamo assistendo ad un’esacerbazione di molti disagi psicologici. Lo spettro della malattia, la precarietà lavorativa, la tenuta traballante del sistema sanitario e sociale, la chiusura fra le quattro mura, la solitudine, l’aspettativa di un pieno ritorno alla normalità ciclicamente frustrata concorrono al mantenimento di stati depressivi e ansiosi (senza parlare delle ben note reazioni maniacali di negazione della realtà).

Malattia sociale?

Ciò che sta accadendo, se inizialmente aveva le caratteristiche di un trauma collettivo, oggi sta assumendo le forme di una vera e propria malattia cronica del tessuto sociale. Essa impatta sulla vita di ciascuno di noi, nessuno può ritenersi indenne pur nella variabilità delle condizioni individuali.

Si sta infatti profilando davanti a noi un tempo potenzialmente “infinito” di convivenza con il male, fatto di periodi di remissione che si alternano con altri di recrudescenza, caratterizzato da momenti di “quasi normalità” a cui seguono chiusure e regole comportamentali da stato di emergenza. 

Si capisce come una situazione del genere, che non ha più le caratteristiche di eccezionalità ma diventa la normalità, richieda capacità di elaborazione della perdita, di gestione dello stress e di adattamento non comuni. Ci vuole molta forza per andare avanti con equilibrio, mantenendo uno sguardo lucido e al tempo stesso non lasciandosi sopraffare dallo sconforto. 

La tendenza negazionista di fronte a un problema di cui non si hanno gli strumenti per conoscerne a fondo la portata e la vera entità  è molto umana. È il meccanismo di difesa più frequente che infondo l’umanità adotta e ha sempre adottato per sopravvivere. Se ci pensiamo ogni giorno, per vivere, ignoriamo i pericoli e i problemi a cui siamo esposti, pur di preservare un (fittizio) senso di controllo. 

Basarsi però esclusivamente sulla spinta cieca alla vita  non può essere l’unica ed esclusiva arma di difesa di esseri evoluti che vivono in società, perché essa porta inevitabilmente con sé un individualismo sfrenato, regressivo rispetto ai valori del vivere civile. L’aggressività cresce a dismisura, imbarbarendo i costumi, la comunicazione e il rapporto con l’altro, fomentando il rischio del dilagare dell’odio.

La lucidità rispetto al guaio in cui siamo è dunque essenziale, così come è essenziale capire la ratio delle regole e adeguarsi senza alimentare egoistiche resistenze. Bisogna fare uno sforzo introspettivo e riconoscere in noi la spinta irrazionale a “fare finta di niente”, riuscire a vederla per quella che è, ovvero una difesa dall’angoscia ingenerata dal vacillamento del nostro mondo così come lo conoscevamo. 

Il problema dunque c’è, esiste. Possiamo, cooperando il più possibile, mettere qualche fragile argine alla violenza della natura. Ma come preservare in noi la “speranza”, quando lo sguardo liberato dalla tentazione del paraocchi ci fa vedere tutta la complessità che stiamo vivendo? 

Se l’angoscia deriva dalla percezione di uno sconvolgimento della nostra “normalità”, la depressione spesso è il risultato dell’estrema lucidità. Il senso di impotenza e di disperazione possono prendere il sopravvento sulla ricerca di sane strategie di adattamento. Per non parlare dello sviluppo di forme fobiche di evitamento.

Il ruolo della psicoterapia 

La psicoterapia può aiutare proprio in relazione a questo delicato snodo, l’insidioso crinale del passaggio alla presa d’atto della serietà della situazione.  Il lavoro analitico spesso porta a confrontarsi, dopo  l’incontro con la realtà che non si riusciva a vedere perché offuscati da mille fantasmi, con il senso della perdita. 

Si può dire che lo svuotamento di natura simil depressiva che segue una presa d’atto dolorosa sia uno dei passaggi più delicati di una cura. La tentazione di tornare indietro e accomodarsi su difese immediate, comode benché limitanti per la crescita e il benessere emotivo, è sempre molto forte. 

Attraversare il lutto, ovvero accettare fino in fondo la perdita (forse fino in fondo non è mai possibile perché nel nostro cuore qualcosa si oppone sempre tenacemente  alla frustrazione dei nostri desideri) è la base per limitare lo scoramento e iniziare a lavorare per gettare le fondamenta di una nuova vita. 

In questo tempi così difficili abbiamo bisogno di riconoscere l’angoscia e la depressione, inquadrarle nella giusta maniera e non permettere alle modalità primitive di reazione di guidarci nell’azione, sia in un senso debordante (negazione) che inibente (panico, fobie, depressione).

Possiamo così sviluppare una buona “resilienza”, che non si sostanzia in atteggiamenti spavaldi o opportunistici. Essere resilienti vuol dire anche mettere in conto di rinunciare a qualcosa senza pensare che tutto è perduto. Significa infondo accettare che siamo strutturalmente limitati, legati gli uni agli altri, pur potendo mantenere ampi margini di libertà. 

Coltivare la libertà interiore è sempre possibile, anche quando siamo afflitti da mille limitazioni. Reperirsi intimamente liberi porta a sviluppare quella creatività indispensabile per sopravvivere alle brutture. Ogni giorno ha il suo carico di lotta ma anche la sua bellezza nonostante tutto.

Riuscire a coniugare realismo, razionalità, lucidità, cooperazione, rispetto delle regole con adattamento, creatività, speranza e senso della vita che continua è la grande sfida a cui siamo chiamati oggi più che mai. 

Male oscuro, Ansia patologica

Altri articoli di attualità

Sapersi arrendere

La forza del carattere viene generalmente associata alla capacità di andare avanti nonostante le difficoltà, al saper insistere, al voler trovare strategie per aggirare gli ostacoli, al non demordere di fronte alla possibilità di realizzare un obiettivo importante sopportando fatica e frustrazione.

Leggi l'articolo

La sindrome di Peter Pan

La  figura di Peter Pan (un personaggio letterario, ibrido fra uccello e bambino), viene comunemente evocata per indicare l’immaturità emotiva tipica di alcuni soggetti, appartenenti  soprattutto al sesso maschile.

Leggi l'articolo

La psicologia dell’emergenza

L’emergenza, in questo delicato periodo storico, può costituire ancora di più la porta di ingresso ad un trattamento psicoterapeutico.

Leggi l'articolo

Il culto moderno dell'apparire

Apparire è senz'altro uno dei principali diktat moderni. L'uomo contemporaneo è cioè pesantemente incalzato, fin dai banchi di scuola, ad esibire agli occhi del suo contesto sociale di appartenenza un'immagine di forza e di successo.

Leggi l'articolo

Quando il lavoro è una prigione

Se la mancanza di lavoro costituisce un problema, nella misura in cui priva della possibilità di un’esistenza dignitosa e attiva, un impiego non pienamente in linea con la propria personalità rischia di risultare altrettanto mortificante.

Leggi l'articolo

Il valore dei "no" del padre

La più importante e strutturante forma di limite che un essere umano normalmente dovrebbe incontrare agli albori della sua esistenza è quella incarnata dalla figura paterna. Alla necessaria fusionalità con la madre sarebbe cioè auspicabile che seguisse una "castrazione simbolica" operata dal padre, il quale, riattirando su di sè il desiderio della donna, staccherebbe così il bambino da quel godimento assoluto.

Leggi l'articolo

Il disagio della giovinezza

La giovinezza è quel lasso di tempo nella vita di una persona che segue l'adolescenza e prelude all'età adulta. È di durata variabile, generalmente si situa fra i venti ed i trent'anni circa. A differenza dell'adolescenza, connotata per lo più dalla ribellione e dalla spinta violenta alla differenziazione dal contesto di origine, implica la ricerca di una dimensione personale che non sia però più in opposizione netta all'Altro, ma a cui sia permesso un inserimento e una possibilità di realizzazione concreta nella societá.

Leggi l'articolo

Lo psicologo a Milano

È possibile isolare un denominatore comune rispetto alle domande di aiuto che si trova a gestire uno psicologo in una grande città come Milano? Si può cioè ipotizzare una sofferenza psichica legata specificatamente ad un contesto metropolitano?

Se le problematiche individuali sono tutte diverse (ciascuno è portatore di una questione unica e irripetibile proprio perché unica è la sua storia personale), un elemento che quasi invariabilmente connota tutte le situazioni è la solitudine, non tanto intesa come mancanza reale di un partner, di un amico o di una famiglia. Si tratta per lo più di una solitudine che si insinua nelle pieghe del legame con l'Altro, indebolito, reso precario e fragile dall'individualismo che permea il contesto sociale.

Leggi l'articolo

Le virtù della mitezza

Dolcezza e animo mite vengono spesso considerate doti negative nella società competitiva in cui viviamo (anche se in questa crisi attuale e generalizzata cominciamo ad avvertire timidi segnali della possibilità che qualcosa possa muoversi in una direzione nuova, una sorta di rinascimento dopo anni oscuri di falsi miti ormai giunti al capolinea).

Leggi l'articolo

Tipi estroversi ed introversi: luci e ombre

Posto che non esiste il tipo estroverso puro così come l'introverso tout court, proprio perché ogni essere è una miscela unica di tratti che rendono impossibile qualsiasi sua riduzione ad uno stereotipo, possiamo però tratteggiare per comodità il ritratto delle due personalità estreme. Ciò per mostrare come ciascuna delle due tendenze dell'animo umano possegga luci ed ombre.

Leggi l'articolo

La grande incognita

La prima metà di agosto è alle spalle; il mese di settembre, come ogni anno, non sembra più così lontano.

Leggi l'articolo

Natale consumistico o Natale di Gesù?

Il Natale, come si sa, nel modo di vivere occidentale ha perso qualsiasi connotazione spirituale. Ormai si può considerare a tutti gli effetti una festa “pagana”, in cui vengono adorati degli idoli più che onorato il mistero. 

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961