Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione. Di colpo non riconoscono più il loro amato, sono disorientate dal suo rifiuto, dalla sua assenza, dal suo eclissarsi dal mondo.

Si sentono impotenti, messi da parte, investiti da accuse irragionevoli, impauriti da discorsi deliranti e sbalzi d’umore immotivati. Ogni loro tentativo di “tirare su” l’altro con frasi di buon senso o con incitazioni sostenute fallisce miseramente, alimentando la spirale di impotenza.

Le difficoltà del partner

L’impatto con la depressione grave è destabilizzante  per qualsiasi persona abbia a che fare con chi ne è colpito, perchè ogni tentativo di incidervi attivamente è fatalmente destinato allo scacco. Ma chi è implicato in un rapporto d’amore vive uno spaesamento doppio rispetto ad un amico, un genitore o un fratello. Chi ama si vede venir meno l’assunto  su cui si fonda ogni rapporto autenticamente amoroso: senza di te la mia vita non ha senso. Com’è possibile, si chiede con angoscia l’amante, che lui,  pur con me accanto, sia così disperato, così senza speranza, così chiuso nel suo guscio? Allora non mi ama davvero! Il pensiero si fa martellante.

Dunque il compagno  perde la fiducia nell’essere contraccambiato. La depressione dà luogo a questo equivoco: se ti allontani, se mi escludi dalla tua vita significa che non valgo abbastanza per te. In questa maniera  purtroppo accade che chi soffre del così detto “male oscuro”, già gravato dal suo peso, venga lasciato, perché non in grado di veicolare al partner un senso di sicurezza e di stabilità affettiva.

Oppure non viene abbandonato ma ripetutamente colpevolizzato per non essere più ciò che era prima, o che sembrava, o che si supponeva essere. Succede in molte famiglie: il coniuge resta ma si carica di un’aggressività permanente, di un risentimento per le aspettative deluse. Allora tenta  di cambiare l’altro, non lo accetta, lo vuole guarire, sanare.

Furore terapeutico o semplice accoglienza?

Nulla è più pericoloso nell’amore dell’ “io ti salverò”. Il furore terapeutico del partner cela sempre una non accoglienza, un non voler fare i conti con la diversità spigolosa ed inassimilabile dell’altro, conferita  in questi casi dal disagio psichico. Una fragilità spesso non eliminabile, curabile certo, migliorabile, soggetta ad attraversamenti ma non cancellabile in un’utopica “restitutio ad integrum” .

Ci sono situazioni che vanno incontro a remissioni anche lunghe, ma le ricadute non si possono escludere. La depressione, aggredendo la psiche, abita un territorio che non può essere definito “tout court” come malattia ma nemmeno può delinearsi come un semplice modo d’essere fra tanti. Esistono molti tipi di depressione, alcune misteriosamente “endogene”, altre “reattive” a fattori di stress, altre ancora legate ad un atteggiamento di rinuncia esistenziale.

I casi più fortunati sono quelli in cui il compagno riesce a capire che il rifiuto non è un vero rifiuto, anche quando esso sembra radicalizzarsi in una impenetrabilità pressoché totale. In queste situazioni la capacità di amare è massima, perché è disinteressata, si spoglia di tutte le aspettative e accoglie l’esistenza dell’altro per quella che è, anche nella sua imperfezione più dolente e più mortificante. L’amore vero può accogliere l’impensabile, può sopportare tutto. Senza asfissiare con le aspettative di guarigione o con il sacrificio ostentato. Esso abbraccia l’altro in quanto creatura particolare, unica, anche quando strutturalmente minata dalla sofferenza mentale. C’è sempre una parte sana, l’anima, la persona, l’essere (si può chiamarlo come si vuole)  che è e resta altro rispetto alle aggressioni che subisce.

Amori così esistono, se ne vedono ancora pur nella loro rarità e possono costituire  un esempio per chi va in crisi, per chi non riconosce più il volto dell’amato. Non sono nè la cultura nè la conoscenza dei disturbi mentali a fare la differenza. Certo, sono cose utili. Ma ciò che permette di stare nella tempesta che inevitabilmente si abbatte sul legame è la disposizione ad accogliere tutto, ad amare senza condizioni.

Chi ha ricevuto il dono dell’amore incondizionato forse è proprio colui che più riesce a destreggiarsi nelle situazioni più complesse, senza appesantirle e drammatizzarle ulteriormente. La sua fiducia in sé non dipende da cosa dice o fa l’altro, regge nonostante le inevitabili ferite inflitte dal compagno sprofondato nel vortice della tristezza più profonda. Ma qualcosa possono imparare anche gli altri, i più insicuri.

È chiaro che vivere accanto a qualcuno che tocca vertici di sofferenza mentale produce a sua volta dolore. Ma assorbirlo e lasciarlo fluire si può, pur  mantenendo un distacco ed una coscienza della propria individualità,  la giusta lucidità per affrontare coraggiosamente la cosa. La sofferenza non viene negata ma non si porta via tutto, lascia spazio alla speranza.

Quando rifiuto e domanda si intrecciano

Se il depresso  patisce proprio dell’eclissi della speranza, la sua sopravvivenza nel  partner è di grande aiuto ai fini di un attraversamento della condizione luttuosa. La cura tuttavia non sarà assolutamente nelle sue mani, spetterà ad un professionista, (sia esso uno psicoterapeuta o uno psichiatra) pienamente consapevole di ciò che spesso sfugge ad un compagno o ad un amico: la melanconia implica una contraddizione fortissima.

Da una parte essa dà  luogo a un netto rifiuto della relazione, dall’altra affina antenne sensibilissime e captanti il minimo segnale di stanchezza nell’altro. Anche quando i volti si chiudono agli sguardi altrui questo non significa che non colgano, che non percepiscano. Che non sentano acutamente la radicale disponibilità umana dell’interlocutore o la sua desolante assenza.

La depressione si sottrae agli scambi interpersonali ma nello stesso tempo è divorata dalla nostalgia struggente della comunicazione perduta. Nella chiusura assoluta resta uno spazio aperto alla speranza, e questo ogni terapeuta sufficientemente esperto lo sa. Sa che non può travalicare certi confini, ma sa che il silenzio e l’ascolto vero, il semplice esserci hanno una risonanza flebile anche nel paziente più ritirato (cosa confermata spesso dai racconti nel momento in cui la depressione si dilegua).

Limiti e chance terapeutiche

Gli strumenti tecnici utilizzati dalla psicoterapia e dalla psichiatria hanno dei limiti, data la complessità della materia che tentano di trattare. Ma un terapeuta che ne sia conscio può a maggior ragione offrire ciò che non può mai mancare, ovvero l’umana solidarietà e la disponibilità ad ascoltare e a comprendere.

La consapevolezza della persistenza dell’umanità e della sensibilità nel soggetto più disperato e più chiuso nel suo mondo, il bisogno di comunicare che si agita dietro al mutismo e alla pietrificazione della parola può essere allora  da bussola per tutti coloro che si trovano a confrontarsi con le incomprensibili metamorfosi dei loro cari.

A volte bastano pochi colloqui con un terapeuta perché certe dinamiche si illuminino e acquistino senso. Allora i risentimenti, le delusioni e perfino gli sforzi diretti di modificare il compagno  potranno essere lasciati alle spalle per far spazio ad una presenza che nulla chiede e nulla offre. Che così  va oltre quel circuito del dare e del ricevere che tanto inquina i rapporti fra le persone e li riduce a puri rafforzatori del narcisismo dei singoli.

Rapporto uomo donna, Male oscuro

Altri articoli sulla depressione

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Leggi l'articolo

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Leggi l'articolo

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Leggi l'articolo

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Leggi l'articolo

Ansia, depressione e sintomi psichici:possibili ricadute sulle relazioni affettive

Spesso chi soffre di un qualche sintomo psichico, sia esso di ansia o di depressione, si trova confrontato con un senso di incomunicabilità in relazione a chi gli sta accanto. I parenti e gli amici frequentemente faticano a comprendere che cosa gli stia accadendo.

Leggi l'articolo

Psicoterapia e depressione

Esistono forme depressive che rispondono bene ad un lavoro con la parola ed altre che restano impenetrabili a qualsiasi tentativo dialettico.

Leggi l'articolo

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Leggi l'articolo

Trattamenti “self made” della depressione

Spesso si fa riferimento alla depressione come ad un affetto trasversale a molte espressioni sintomatiche. Da un certo punto di vista la potremmo addirittura considerare come primaria, nella misura in cui alcuni comportamenti patologici ben conosciuti che la accompagnano non si rivelano altro che un tentativo inconscio di trattarla.

Leggi l'articolo

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Leggi l'articolo

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Leggi l'articolo

Affrontare la morte di una persona amata. Domande e risposte.

Cosa ci accade quando perdiamo una persona cara?

Dopo la morte di qualcuno che amiamo non sempre avvertiamo subito il dolore. Possono passare dei giorni o anche dei mesi prima che l’ondata di sofferenza ci travolga. Nei momenti immediatamente successivi alla perdita, in particolar modo se questa è improvvisa, siamo di fatto sotto shock.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961