Competere con sé stessi o con gli altri?

L’argomento è particolarmente sentito dai più giovani, alle prese con l’ansia di trovare la propria strada e spesso in dubbio rispetto alla propria adeguatezza, ma anche da persone più in là con gli anni,  ancora impelagate con fragilità rimaste irrisolte.

Competitività e disagio

Il disagio legato alla competitività  in genere  si esprime sintomaticamente in forme ansiose, con un particolare accento sul senso di compressione e di inibizione soggettiva (scarsa lucidità, tendenza  all’errore e alla prestazione scadente). Tale auto sabotaggio si scatena e si esacerba quando entra in gioco l’esposizione diretta allo sguardo dell’altro, di cui viene avvertito il giudizio se non addirittura lo scherno. 

Il problema nella stragrande maggioranza dei casi deriva da una carenza a livello narcisistico. L’Io della persona che si auto limita quando è chiamata a performare è per vari motivi troppo dipendente dallo sguardo dell’altro, ovvero dalla conferma che arriva dall’esterno. 

Quando il tasso di competitività di un ambiente è elevato tipicamente si verificano cadute del genere, proprio perché le persone in tali contesti non sono inclini a elargire rinforzi positivi, a mettere a proprio agio o a esercitare una cura essendo la logica imperante quella del “mors tua vita mea”. 

A prima vista chi patisce così tanto la competizione può apparire come un’innocua vittima di un sistema spietato, iper sensibile e delicata. Ma non è sempre così. Spesso la vittima in questione si comporta a parti invertite esattamente come il carnefice. Se le viene data la possibilità,  si dimostra sprezzante e feroce verso il più debole, finendo per godere della caduta e dell’insuccesso altrui. 

Il fragile che si diminuisce e soffre della propria misera mediocrità è dunque lo stesso che trae piacere dalla scivolata dell’altro. Le due figure della vittima e del carnefice  si sovrappongono, nella misura in cui entrambe sono l’espressione di un concetto di competitività diffusissimo ma malato. 

Tutte e due infatti sposano l’idea per cui per “essere” bisogna per forza  che qualcuno muoia (se stessi o l’altro), non riuscendo ad elevarsi dal piano elementare della rivalità (o io o tu) a quello più evoluto della coltivazione di sé e dell’arricchimento reciproco dato dal confronto fra esseri compiutamente sviluppati.

La competizione sana

Per questo la competizione “sana” è sempre e solo quella con sé stessi, perché essa non punta a uccidere nessuno, non ha una forza negativa ma è fautrice di fatti, di crescita, di accoglienza e di eventuale superamento di limiti personali. 

A ben vedere chi ha davvero un qualche talento è difficile che resti ancorato a vita alla stupidità delle dinamiche competitive di natura infantile. Ad un certo punto, tramite intuizioni personali o esperienze significative, si sveglia e acquista consapevolezza di sé, superando insicurezze e trovando piano piano la propria strada indipendentemente dalle attese dell’altro ma senza nemmeno inutili auto celebrazioni. 

Di solito colui che resta perennemente agganciato al “sarei tanto bravo se solo non sentissi così tanto la competizione” è qualcuno che  ha preso la cattiva abitudine di mascherare una propria inettitudine con l’immagine della vittima, anziché assumersi i propri limiti e sviluppare una visione lucida di sé stesso.

La chiave per uscire dal tunnel della sintomaticità da eccesso di competizione sta allora nel classico “conosci te stesso”, spietatamente, senza filtri protettivi. 

Gli obiettivi cambiano radicalmente una volta che ci si vede, ci si accetta e ci si valorizza per ciò che si è. Il talento in un certo ambito può essere del tutto assente, oppure restare ad un livello di mediocrità che non porterà al successo senza che tale constatazione debba essere vissuta come una sentenza di morte o un annientamento personale. 

L’intelligenza e la maturità di una persona la si vedono nella capacità di non perseverare là dove l’attitudine di base manca. Insistere sull’ideale condanna solo all’infelicità, all’amarezza, all’invidia, all’odio gelido verso chi è più capace e dunque ad una modalità  competitiva sleale e malsana. 

Al contrario competere con sé stessi è la via da seguire, non nell’accezione dell’auto fustigazione mortificante  ma in quella più semplice del confronto con la realtà senza i paraocchi di ideali compensatori. 

La psicoterapia in tal senso può aiutare molto, a patto che il luogo della terapia non venga visto solo come una discarica in cui svuotare le proprie pene e da cui attendere la soluzione magica alle lacune personali.

Le problematiche narcisistiche di questa natura sono le più dure a morire, proprio perché si va a lavorare su un piano dell’essere per certi versi strutturante. Non è da tutti riuscire a “reggere” all’incontro con la propria miseria, così come non tutti riescono a ridimensionare aspettative o a cambiare umilmente rotta quando i fatti restituiscono prove e riprove frustranti. I più preferiscono soffrire tutta la vita, farsi e fare del male pur di mantenere vivo il fantasma grandioso.

In alcuni c’è persino in ballo una questione di sopravvivenza: spingere verso un radicale ridimensionamento narcisistico può far affondare ancora di più nel baratro, per cui mantenere certe protesi può avere il suo senso (magari un po’ meno per chi si trova costretto a star intorno a certe personalità). Molte compensazioni di psicosi latenti si basano su fantasie e fissazioni grandiose. 

Chi invece riesce a mobilitare le risorse psichiche per integrare la propria insufficienza può finalmente sperimentare una vita più positiva e appagante. Le sue energie, dirottate  su ciò che lo rende felice e produttivo in concreto e non in astratto, sono finalmente libere di creare qualcosa di utile per se è per la comunità.

Male oscuro, Aiuto psicoterapeutico

Altri articoli sul disagio contemporaneo

Narcisismo patologico: cause, effetti, rimedi.

Narcisismo sano e narcisismo patologico

Il narcisismo in sé non rappresenta una patologia. Freud ci insegna come un buon investimento di energia libidica sul proprio Io (noto come amor proprio) sia fondamentale ai fini dell'equilibrio psichico.

Leggi l'articolo

Quando il desiderio si eclissa

Moltissime situazioni di sofferenza psicologica, sia nei giovani che negli adulti, hanno alla base la percezione di essersi persi, di brancolare nel buio, di non sapere più bene che cosa si vuole veramente. Un’insonnia, una certa apatia, un’ansia prima sconosciute ad un certo punto della vita compaiono sulla scena.

Leggi l'articolo

La vecchiaia è un fenomeno culturale: parla Simone de Beauvoir

"La terza età" di Simone de Beauvoir è un ricchissimo saggio sulla vecchiaia che, benché redatto negli anni settanta, risulta ancora oggi estremamente attuale per cogliere la complessità di una condizione umana divenuta oggetto di un tabù persistente.

Leggi l'articolo

Femminilità e apertura al desiderio dell'Altro: quando diventa masochismo

La femminilità comporta strutturalmente una sensibilità speciale al desiderio dell'Altro. Questo significa che una donna, nel momento in cui sperimenta una delusione affettiva o amorosa, può facilmente andare incontro a sentimenti di svalorizzazione, di caduta depressiva ai limiti della depersonalizzazione.

Leggi l'articolo

La giovinezza nella contemporaneità: parla Alain Badiou

Alain Badiou, uno dei massimi filosofi viventi, con il suo "La vera vita. Appello alla corruzione dei giovani" ci regala un'originale lettura della condizione giovanile nella contemporaneità. 

Leggi l'articolo

Esistere o sentirsi reali?

Sentirsi "reali" è più che semplicemente esistere. Significa parlare, muoversi, rapportarsi ed agire a partire da un accordo profondo con se stessi. Vuol dire conoscenza ed accettazione del proprio tratto singolare, accoglienza ed abbandono verso ciò che si è. Senza svalutazioni severe o sciocche vanità.

Leggi l'articolo

Ipocondria e rapporto con l'Altro

Il termine ipocondria si riferisce ad un disturbo psichico in cui al centro prevale la preoccupazione di aver contratto una grave malattia, in assenza di vere ed oggettive evidenze a riguardo. Sintomi comuni come un mal di pancia o un'eruzione cutanea vengono immediatamente presi come segni di una patologia invalidante, ingenerando un vortice di pensieri catastrofici ed un'intensificazione conseguente di ricerche e visite mediche. L'ossessione circa la possibilità di essere malati non si smorza a seguito di indagini mediche e controlli anche approfonditi, mostrando un certo grado di indipendenza rispetto ai dati di realtà.

Leggi l'articolo

Il trauma

Spesso il malessere che ci assale può essere riconducibile ad un trauma che abbiamo subito nel nostro passato. Ma cosa si intende per trauma? In un certo senso l’esistenza stessa è traumatica. Perché confronta tutti, prima o poi, con il sentimento di impotenza.

Leggi l'articolo

Genitori e figli: quando i ruoli si invertono

Purtroppo esistono numerose situazioni in cui i figli di una coppia, già ai tempi dell'infanzia, si trovano costretti a crescere in fretta, ad assumere cioè un ruolo adulto prima del tempo. Quasi invariabilmente si tratta di famiglie segnate da un profondo disadattamento di un genitore o di entrambi, che li porta ad essere percepiti dai loro figli come instabili e non in grado di assicurare aiuto, guida e protezione. 

Leggi l'articolo

Vedere ascoltando

Ascoltare è il mestiere dello psicoanalista. A lui non servono occhi per "vedere" i suoi pazienti, il suo approccio all'umano mette fra parentesi lo sguardo, inteso come catalogazione, giudizio, misura, conoscenza a priori. A pensarci bene infatti la vista espone all'abbaglio, alla fascinazione così come alla repulsione perché coglie dell'altro caratteristiche meramente esteriori e superficiali.

Leggi l'articolo

Christmas Blues: la tristezza delle feste

Chi lavora con il disagio emotivo lo sa bene: il Natale è in grado, più che di allietare i cuori, di aprire vecchie ferite o di acuire lacerazioni non ancora rimarginate. 

Leggi l'articolo

Le ricchezze della timidezza

Nella società contemporanea essere introversi, riservati, di fondo timidi può sembrare a prima vista un handicap. Il modello culturale dominante tende infatti a incentivare chi si esibisce, chi è abile cioè, sul lavoro, nelle situazioni sociali o nei confronti dell'altro sesso, a catalizzare l'attenzione degli altri su di se', attraverso un certo uso del linguaggio e del corpo.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961