Panico e depressione. Perchè spesso vanno a braccetto?

Tra panico e depressione c’è un legame molto stretto. La forma depressiva che colpisce chi soffre di panico si caratterizza per la predominanza di un senso di rinuncia alla vita, a cui seguono apatia e demoralizzazione. Anche quando il panico è trattato farmacologicamente allo stesso modo osserviamo il presentarsi della depressione.

Che senso ha dunque tale ripiegamento nella tristezza?

Da una parte lo possiamo spiegare come una reazione all’intensità e all’imprevedibilità della crisi di panico. Trattandosi di un’esperienza terrorizzante chi l’ha sperimentata tenta in ogni modo di non riviverla, a maggior ragione non sapendo esattamente quando e dove si potrà ripresentare (soprattutto nei casi in cui non si sia già stabilizzata una fobia, ovvero una paura specifica). L’evitamento di tutte le situazioni potenzialmente pericolose porta via via un impoverimento della vita sociale e di relazione, dunque delle possibilità di incontro e di realizzazione personale. La vita progressivamente si impoverisce, fino a scivolare nella stasi inaridente dell’isolamento. Il rifugio nella rinuncia e nella solitudine inizialmente ha una funzione protettiva e tranquillizzante che però alla lunga finisce con il rinforzare la paura stessa, in un circolo vizioso difficile da sciogliere.

D’altra parte osserviamo l’instaurarsi di condotte depressive anche quando le crisi di panico sono tenute sotto controllo farmacologico. Quindi non possiamo spiegare l’esistenza della depressione correlata al panico solo a partire dalla paura e dal ritiro di fronte alla possibilità di nuove crisi. Ci deve essere una ragione più profonda, legata ad un atteggiamento di fondo che il soggetto sofferente di panico condivide con il depresso. Entrambi non vogliono sapere nulla rispetto alle cause reali del loro malessere. Entrambi cercano preferibilmente delle spiegazioni “neutre”, “scientifiche”, “uguali per tutti”, che non li mettano in discussione direttamente come soggetti.

C’è una verità nei sintomi che ci mettono in scacco, non fanno irruzione nelle nostre vite per caso. Ma questa verità spesso non la si vuole vedere, non ci si vuole fermare a pensare, a chiederci che senso abbiano le nostre crisi di panico. Corriamo a prendere farmaci, a cercare di liberarci velocemente di un sintomo che intralcia i nostri programmi. Ecco che, fatalmente, anche una volta debellato il panico con il farmaco, emerge la depressione. Al panico, che voleva dirci qualcosa, viene chiusa la bocca, non viene data retta. E allora arriva la depressione, la figura che per eccellenza rappresenta la condizione esistenziale di chi rinuncia a voler vedere cosa veramente vuole nella vita. E si tira indietro di fronte al peso che questa visione comporta nei termini di darsi da fare concretamente, sopportando frustrazioni e difficoltà. Non a caso lo psicoanalista francese Jacques Lacan parlava di “viltà morale” a proposito del depresso. Lo riteneva responsabile della colpa di aver rinunciato alla realizzazione del proprio desiderio.

Ascoltare il panico, non precipitarsi a schiacciarlo con i farmaci o con la ricerca di soluzioni magiche è il primo passo da fare per la sua cura. Certo, chi ha vissuto il terrore di un attacco di panico sa quanto sia penoso e quanto forte sia la paura. La spinta a non volerlo più vivere è comprensibile. Ad ogni modo però dobbiamo tener conto del fatto che, lasciar predominare l’evitamento o al contrario rifugiarsi in un attivismo terapeutico finalizzato al suo debellamento, finiscono solo per rafforzarlo. Sono le ragioni profonde di cui un po’ enigmaticamente il panico si fa portavoce a dover essere cercate. Si può trattare di un messaggio che, se decifrato correttamente, dà indicazioni preziose rispetto a come impostare la propria vita. A volte il panico denuncia una situazione letteralmente soffocante: una relazione, un lavoro, una scelta forzata…Ci impone una pausa, un momento di riflessione a cui è bene accordare tutta la nostra attenzione.

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.