Psicoanalisi e lettura di Lacan: rovesciamento di prospettiva

Funzione e campo della parola e del linguaggio in psicoanalisi è un testo pubblicato negli Scritti che risale al 1953, una sorta di manifesto dell'insegnamento del primo Lacan. Centrale è la messa in valore della parola come riferimento imprescindibile e orientante lo psicoanalista nella sua pratica: la psicoanalisi non ha che un medium: la parola del paziente, unica e irripetibile nello stile.

Parola vuota e parola piena nella realizzazione psicoanalitica del soggetto

Ma quale parola? Nel suo lavoro di ascolto l'analista discerne con sicurezza la parola vuota dalla parola piena, regolando così il flusso delle sue orecchie. Alla prima presterà poca attenzione, mentre la seconda sarà meritevole di interesse e punteggiatura. Tutta la tecnica, l'arte del silenzio, l'ascolto, l'interpretazione e la sospensione della seduta derivano da questa distinzione fondamentale.

La parola vuota

Essa non è altro che una seduzione dell'Ego tentata sull'altro con i mezzi nei quali il soggetto ripone il suo compiacimento e nei quali impegnerà il monumento del suo narcisismo. A questo livello il discorso non è autentico, anche se pretende di esserlo. Il soggetto è preso dal desiderio di piacere, di fare bella figura, di essere cioè all'altezza della propria immagine ideale. L'Io per Lacan è una finzione, non rivela il soggetto ma lo ingabbia in un'alienazione narcisistica, in un "dover essere" per l'altro. È per essenza una frustrazione. Per questo chi si impegna per un po' nell'analisi si accorge che piano piano svaniscono tutte le belle cose che credeva di avere in serbo. Al loro posto ne appaiono altre abbastanza inattese, da lasciarlo senza fiato al momento buono.

L'arte del silenzio

Alla parola vuota l'analista risponde con il silenzio. Tace. Rispondere sarebbe più frustrante del silenzio, perché la frustrazione è inerente al discorso stesso del soggetto: nonostante le sue pitture sincere l'incoerenza spunta fuori lo stesso, i puntelli e le difese non impediscono alla sua statua di vacillare. E tale vacillamento è un bene, è una crepa che può preludere al venir fuori di qualcosa di vero. Per questo Lacan non approva i trattamenti di matrice psicoanalitica che puntano al rinforzo dell'Ego. Per lo più si tratta di nevrosi che patiscono proprio di una struttura egoica troppo forte...Al contrario l'arte dell'analista deve essere quella di sospendere le certezze del soggetto, finché se ne consumino gli ultimi miraggi.

La parola piena

La parola piena è quella non voluta, è la parola penosa, che buca la coerenza del monologo portando a galla una qualche verità. L'inciampo nel discorso razionale si condensa in una parola, in una frase che supera il controllo cosciente. È un'irruzione di un elemento inconscio. E l'inconscio è precisamente quel capitolo della mia storia che è marcato da un bianco od occupato da una menzogna: è il capitolo censurato. Ma la verità può essere ritrovata; il più spesso è già scritta altrove. Cioè la verità non la si trova nella speculazione dell'Ego che tenta di sedurre o convincere l'uditore ma nei lapsus, nei sintomi, nei ricordi impenetrabili dell'infanzia, nel vocabolario proprio di ciascuno di noi, nello stile, nel carattere, nelle distorsioni.

L'arte dell'ascolto, l'interpretazione allusiva e la sospensione della seduta

Che fa allora l'analista? Presta il suo orecchio ai tremolii così leggeri, alle inflessioni, ai giri di frase che rivelano l'inconscio del soggetto. Lo psicoanalista intende a quale parte del discorso è affidato il termine significativo e lo sottolinea con una felice interpunzione, che allude al vero senso in gioco.

L'interpretazione lacaniana è sempre allusiva, mai troppo esplicativa, didattica, da Ego a Ego. È l'analizzante a fare tutto il lavoro nell'analisi lacaniana, a cogliere, a lasciarsi sorprendere, ad ascoltarsi davvero. L'analista si limita ad indicare, a sottolineare, riducendo al minimo la sua influenza.

La sospensione della seduta segue così i ritmi dell'inconscio, non quelli dell'orologio. La durata non è indifferente alla trama del discorso ma ne è determinata, vi gioca il ruolo di una scansione che ha tutto il valore di un intervento per precipitare i momenti conclusivi.

Ne consegue un processo di lenta erosione dell'Ego che porta ad un'assunzione progressiva del proprio inconscio, della propria storia e dei suoi capitoli cancellati.

Tags: Psicoanalisi lacaniana

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.