Psicoanalisi e lettura di Lacan: rovesciamento di prospettiva

Funzione e campo della parola e del linguaggio in psicoanalisi è un testo pubblicato negli Scritti che risale al 1953, una sorta di manifesto dell'insegnamento del primo Lacan. Centrale è la messa in valore della parola come riferimento imprescindibile e orientante lo psicoanalista nella sua pratica: la psicoanalisi non ha che un medium: la parola del paziente, unica e irripetibile nello stile.

Parola vuota e parola piena nella realizzazione psicoanalitica del soggetto

Ma quale parola? Nel suo lavoro di ascolto l'analista discerne con sicurezza la parola vuota dalla parola piena, regolando così il flusso delle sue orecchie. Alla prima presterà poca attenzione, mentre la seconda sarà meritevole di interesse e punteggiatura. Tutta la tecnica, l'arte del silenzio, l'ascolto, l'interpretazione e la sospensione della seduta derivano da questa distinzione fondamentale.

La parola vuota

Essa non è altro che una seduzione dell'Ego tentata sull'altro con i mezzi nei quali il soggetto ripone il suo compiacimento e nei quali impegnerà il monumento del suo narcisismo. A questo livello il discorso non è autentico, anche se pretende di esserlo. Il soggetto è preso dal desiderio di piacere, di fare bella figura, di essere cioè all'altezza della propria immagine ideale. L'Io per Lacan è una finzione, non rivela il soggetto ma lo ingabbia in un'alienazione narcisistica, in un "dover essere" per l'altro. È per essenza una frustrazione. Per questo chi si impegna per un po' nell'analisi si accorge che piano piano svaniscono tutte le belle cose che credeva di avere in serbo. Al loro posto ne appaiono altre abbastanza inattese, da lasciarlo senza fiato al momento buono.

L'arte del silenzio

Alla parola vuota l'analista risponde con il silenzio. Tace. Rispondere sarebbe più frustrante del silenzio, perché la frustrazione è inerente al discorso stesso del soggetto: nonostante le sue pitture sincere l'incoerenza spunta fuori lo stesso, i puntelli e le difese non impediscono alla sua statua di vacillare. E tale vacillamento è un bene, è una crepa che può preludere al venir fuori di qualcosa di vero. Per questo Lacan non approva i trattamenti di matrice psicoanalitica che puntano al rinforzo dell'Ego. Per lo più si tratta di nevrosi che patiscono proprio di una struttura egoica troppo forte...Al contrario l'arte dell'analista deve essere quella di sospendere le certezze del soggetto, finché se ne consumino gli ultimi miraggi.

La parola piena

La parola piena è quella non voluta, è la parola penosa, che buca la coerenza del monologo portando a galla una qualche verità. L'inciampo nel discorso razionale si condensa in una parola, in una frase che supera il controllo cosciente. È un'irruzione di un elemento inconscio. E l'inconscio è precisamente quel capitolo della mia storia che è marcato da un bianco od occupato da una menzogna: è il capitolo censurato. Ma la verità può essere ritrovata; il più spesso è già scritta altrove. Cioè la verità non la si trova nella speculazione dell'Ego che tenta di sedurre o convincere l'uditore ma nei lapsus, nei sintomi, nei ricordi impenetrabili dell'infanzia, nel vocabolario proprio di ciascuno di noi, nello stile, nel carattere, nelle distorsioni.

L'arte dell'ascolto, l'interpretazione allusiva e la sospensione della seduta

Che fa allora l'analista? Presta il suo orecchio ai tremolii così leggeri, alle inflessioni, ai giri di frase che rivelano l'inconscio del soggetto. Lo psicoanalista intende a quale parte del discorso è affidato il termine significativo e lo sottolinea con una felice interpunzione, che allude al vero senso in gioco.

L'interpretazione lacaniana è sempre allusiva, mai troppo esplicativa, didattica, da Ego a Ego. È l'analizzante a fare tutto il lavoro nell'analisi lacaniana, a cogliere, a lasciarsi sorprendere, ad ascoltarsi davvero. L'analista si limita ad indicare, a sottolineare, riducendo al minimo la sua influenza.

La sospensione della seduta segue così i ritmi dell'inconscio, non quelli dell'orologio. La durata non è indifferente alla trama del discorso ma ne è determinata, vi gioca il ruolo di una scansione che ha tutto il valore di un intervento per precipitare i momenti conclusivi.

Ne consegue un processo di lenta erosione dell'Ego che porta ad un'assunzione progressiva del proprio inconscio, della propria storia e dei suoi capitoli cancellati.

Tags: Psicoanalisi lacaniana

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.