La crisi dell'adolescente contemporaneo: dalla ribellione al conformismo

La patologia dell'adolescenza oggi si posiziona dal lato del conformismo, non è più imparentata con un'autentica ribellione.

Gli adolescenti contemporanei sembrano solo in apparenza ribelli, in quanto agitati, animati dal capriccio e dalla ricerca della nuova sensazione.

Ma in realtà la loro iperattività inconcludente e mutevole è solo un prodotto di un'adesione imperativa alle mode. Che significa ricondurre l'agitazione maniacale del giovane ad un atto conformistico anziché ad uno realmente di rottura rispetto al sistema?

Perché non esiste più il conflitto generazionale

Per capire che cosa sta succedendo ai nostri adolescenti dobbiamo fermarci a riflettere su cosa è accaduto agli adulti e alla società in cui vivono. La "mutazione antropologica", che Pasolini vedeva affermarsi  nel cuore della civiltà occidentale nella prima metà del novecento,  è un dato di fatto compiuto ai nostri giorni. Le masse sono asservite alla logica del consumo, l'uomo è totalmente alleggerito dal peso degli ideali e della Legge. Le  promesse illusorie di liberazione da tutti i limiti promulgate dal capitalismo hanno lasciato  l'essere umano in balia di un godimento senza freni.

A cosa possono ribellarsi i giovani se sono gli stessi genitori a non sostenere una figura autorevole agli occhi dei loro figli? Al posto del conflitto generazionale, che derivava da  un'ambivalenza emotiva verso il padre (visto come Dio, come l'essere più potente, più saggio e più ricco della terra  durante l’infanzia  e percepito invece  come deludente e "castrato" nell'adolescenza), abbiamo l'assimilazione indistinta ad un adulto visto come pari, come un "consumatore"  a sua volta piegato alle regole omologanti dell'apparire.

Una volta il padre era l'incarnazione della Legge, del discorso del padrone. Il suo "no" non poteva venir discusso nè negoziato. Ne risultava una repressione degli istinti, fondante il complesso Edipico. Il figlio desiderava la morte del padre per prenderne il posto e finalmente godere. Il tutto rimaneva su un piano inconscio (per via del senso di colpa) mentre si strutturava  una nevrosi, fondata proprio sull'impossibilità di appagare le pulsioni nella realtà. Inibizione e angoscia erano i sintomi tipici e la ribellione adolescenziale segnava la possibilità di una liberazione dal padrone oppressivo.

Cosa accade ai genitori e agli adolescenti di oggi

Che cosa è accaduto dopo il rovesciamento del padrone? Abbiamo un suo stravolgimento  in una figura contraria, debole, timorosa, insicura, troppo legata al figlio per la tenuta del proprio Ego. I nuovi genitori, assillati dal culto dell'immagine e della performance, sono angosciati dalla possibilità del fallimento dei loro figli. Non li accettano nelle loro imperfezioni, vedendoli come un mero prolungamento del loro ideale. Ne deriva come l'intolleranza delle frustrazioni e degli scacchi così diffuse fra gli adolescenti non siano altro che il riflesso dell'insopportazione degli adulti, non scesi mai veramente a patti con la loro lesione esistenziale, occultata dallo splendore dell'oggetto di consumo.

Inoltre ogni situazione davvero educativa viene sistematicamente evitata dai genitori, perché introdurrebbe una qualche castrazione e dunque ingenererebbe dei sentimenti di odio da parte dei figli nei loro confronti. I grandi vogliono essere amati dai piccoli, in un ribaltamento dei ruoli. Forse perché c'è qualcosa di bambinesco rimasto in loro?

Così facendo la differenza generazionale viene meno, mentre si inverte  la freccia  del riconoscimento, che non va più dal genitore al figlio ma punta al rovescio. Non si ha allora alcuno "svezzamento", alcuna separazione. Permane un'alienazione soffocante, che impedisce al giovane di reperire in se stesso la sua autenticità, il suo tratto soggettivo, i suoi gusti, diversi da quelli dell'Altro. I legami familiari si fanno vincolanti, incestuosi, ingombranti.

Ne risulta un conformismo nelle aspirazioni, orientate genericamente ad un ideale di successo sganciato dalla vera attitudine individuale. Ciò che viene ancora una volta perso è il valore del limite. Un soggetto, per capire in cosa riesce davvero,  bisogna che incontri un fallimento. Ma se esso è vissuto solo in termini negativi produce  una sterile ferita narcisistica, sulla scia dell'ideale di perfezione da raggiungere a tutti i costi.

Il valore del fallimento secondo la psicoanalisi

L'incontro con l'inciampo è uno scacco per l'Io ma una vittoria per l'inconscio secondo la psicoanalisi, perché rivela la verità soggettiva, unica, particolare, non omologabile di ciascuno. Quindi perdersi non è un dramma, si tratta di farci qualcosa con la propria diversità. Bisogna costruire proprio a partire dai propri limiti, farne una forza, nell'ottica di una autenticità solida, non fatta di carta.

L'illusione portata avanti da discorso del capitalista è che sia possibile colmare la mancanza che abita l'uomo, chiudere la sua lacerazione di fondo con un oggetto di cui godere. Esso prende piede a partire dal tramonto degli ideali giudaico cristiani, fondati sulla continenza e sulla rinuncia in nome di un'elevazione dello spirito.

Il primato della scienza taglia fuori l'anima e ogni principio trascendente. Se non c'è nulla d'altro rispetto alla mera esperienza sensibile perché rinunciare? Se la vita non ha un senso perché non godere il più possibile?  Su questo sfondo si insinua la produzione seriale di oggetti e delle relative pratiche di godimento. Si promette una felicità materiale, fatta di possesso, di cose, di piaceri sensibili.

La psicoanalisi, che è comunque una pratica laica, ci insegna invece tutt'altro. L'oggetto non dà nessuna felicità, nessuna soddisfazione duratura, nessuna pienezza. La mancanza viene solo otturata, per poi riaprirsi in un circolo vizioso senza fine! Perché la lesione è un dato di struttura, si tratta di venire a patti con essa, di accettarla e fare ciò che si può a partire da essa, non contro di essa, con slancio ed umiltà, con passione ed impegno, con desiderio e aderenza alla legge.

L'adolescente di oggi, impigliato in comportamenti compulsivi,  in difficoltà con il legame con un partner umano, chiuso nel corpo a corpo con un oggetto (oggetto cibo, oggetto sessuale, oggetto droga, oggetto immagine)  ha bisogno di guide solide, non autoritarie (non si tratta di rimpiangere il padre padrone!) ma mature, svezzate, autorevoli.

Il curante più che mai deve testimoniare nella sua persona una vitalità intrecciata alla castrazione, deve far vedere come sia possibile vivere pienamente pur portando addosso il peso del limite. Il piano etico della relazione appare allora più importante di quello dell'interpretazione, la dimensione dell'incontro surclassa quella della ricerca dei perché.

Tags: Adolescenza

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione e conformismo

Sempre più frequentemente capita di osservare, nelle forme di malessere contemporaneo, un'associazione fra stati depressivi e tendenza ad assumere comportamenti conformistici, che riflettono cioè un adeguamento acritico alle maschere sociali imperanti nel proprio ambiente di riferimento.

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Depressione nevrotica o melanconia?

In psicoanalisi in genere proponiamo una differenziazione tra forme depressive di matrice psicotica e nevrotica.Queste non le distinguiamo sulla base dei sintomi, cioè dei modi di manifestarsi della depressione, che per lo più sono simili nelle due condizioni.

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Depressione: due effetti opposti

L'effetto più noto e conosciuto della depressione é senz'altro un'importante paralisi di ogni spinta vitale. Il depresso annega lentamente in uno stagno di immobilismo assoluto, che lo rende incapace di muoversi e di portare avanti qualsiasi scelta.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.