Non conosciamo mai la nostra altezza

In “Non conosciamo mai la nostra altezza” Emily Dickinson condensa in immagini una dinamica psichica ben nota agli psicoanalisti, l’indietreggiare passivamente di fronte alla responsabilità.

La paura di essere dei re” indica per l’appunto tale rifiuto di mettersi in gioco. Il re è la figura, il simbolo  della responsabilità, è colui che decide senza sottomettersi a nessuno e che assume i rischi dei suoi atti. Può essere stimato e odiato, perché si espone al giudizio, ma la sua condotta non ne è influenzata, tale è la sua indipendenza. Resiste all’odio e all’adulazione, nonostante il prestigio dato dalla sua condizione, mantiene un equilibrio e una lucidità che lo fanno andare oltre i suoi interessi particolari. Il suo orizzonte è etico.

Ora l’essere umano spesso preferisce una vita curva su stessa, priva di eroismi, volta a non perdere nulla, piuttosto che provare a realizzare nel quotidiano qualcosa che somigli al lavoro di un re, qualcosa che davvero valga la pena su un piano più alto rispetto ai propri infimi interessi. “L’eroismo che allora recitiamo sarebbe quotidiano, se noi stessi non c’incurvassimo di cubiti”.

Dunque l’uomo frequentemente sceglie di essere “servo” piuttosto che “padrone”, perché ha paura, teme di rischiare, vuole essere lasciato in pace. E così facendo si ammala, volendo preservare la vita dal rischio della morte dà luogo ad  una “morte in vita”.

È la depressione, la “viltà morale” di cui parla Jacques Lacan, il “peccato” di  smettere di desiderare, di cercare vie per realizzare qualcosa che dia un senso. Obbedire servilmente a qualcun altro ripara dall’incertezza e dalla tensione, ma lentamente uccide la soggettività, fomentando odio e rancore, attesa  invidiosa della morte del re.

Se siamo fedeli al nostro compito arriva al cielo la nostra statura” dice la Dickinson. Essere fedeli al proprio compito significa non cedere su talenti e aspirazioni, vuol dire assumere la responsabilità di metterli a frutto perché essi ci sono stati dati proprio col “compito” di svilupparli e donarli generosamente  alla comunità.

Qui riecheggia il concetto lacaniano di Legge del desiderio: c'è una Legge insita nel desiderio stesso.  Desiderare non è andare dietro alle infatuazioni del momento ma portare avanti energicamente e disciplinatamente  convinzioni ed azioni anche quando tutto sembra perduto.

Allora “arriva al cielo la nostra statura”, non perché ci esaltiamo narcisisticamente di noi stessi. La statura qui va intesa come dispiegamento delle nostre potenzialità, come auto realizzazione, come massima espressione di vitalità in antitesi al rattrappimento della tristezza e della chiusura.

Va da sé che il  modo per innescare questo  dispiegamento stia nel rispondere alla” chiamata” del desiderio. Ecco il senso dei primi versi della poesia, “Non conosciamo mai la nostra altezza finché non siamo chiamati ad alzarci”. Finché non ci mettiamo in gioco non sappiamo chi siamo, non ci conosciamo davvero, siamo preda dell’inerzia del sonno. Ed alzarsi dipende da noi.

 Qualcuno, qualcosa ci chiama con forza, il sonno è disturbato ma sta a noi non girarci dall’altra parte e rispondere, alzarsi, andare verso questo qualcuno o qualcosa.

Così molte depressioni sottendono un meccanismo di rifiuto dello sforzo a cui tutti siamo chiamati per vivere. Si tratta di obiezioni all’incertezza, al rischio, alla fatica connesse al vivere. Una sorta di vittoria del principio di piacere, inteso come ricerca dello zero assoluto, del “nirvana” , della quiete allo stato puro. Un non alzarsi, uno stare sotto le coperte, al riparo da tutto e da tutti.

Qualsiasi terapia psicologica non potrà dunque mai sostituirsi alla spinta vitale sopita di un soggetto. Potrà  però costituire un luogo in cui egli si sentirà chiamato. Non dal terapeuta, che non vuole nulla da lui, ma dal suo stesso inconscio, i cui messaggi vengono finalmente ascoltati e intesi.

La cura farà da cassa di risonanza. Poi a lui la scelta. O continuare a lamentarsi, a rifugiarsi nell’oblio e nella de responsabilizzazione,  o provare, provare a fare un passo, dopo aver metabolizzato nel profondo che dipende tutto sempre e solo da noi, anche nella fortuna avversa...


Non conosciamo mai la nostra altezza

Non conosciamo mai la nostra altezza
finché non siamo chiamati ad alzarci.
E se siamo fedeli al nostro compito
arriva al cielo la nostra statura.

L’eroismo che allora recitiamo
sarebbe quotidiano, se noi stessi
non c’incurvassimo di cubiti
per la paura di essere dei re.

Emily Dickinson

 

Tags: Poesia e psicoanalisi

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.