Psicoanalisi: quando una navigazione senza bussola apre mondi

I"Pensieri di uno psicoanalista irriverente. Guida per analisti e pazienti curiosi" di Antonino Ferro è un testo prezioso nella sua apparente semplicità, in grado di far cogliere ad addetti ai lavori e non qual è la vera posta in gioco in una psicoanalisi, al di là di tecnicismi, diversità di approcci e rigidi riferimenti ai così detti "testi sacri". 

La psicoanalisi, aprendo finestre interiori  rimaste a lungo chiuse, conduce verso il non conosciuto, ciò che non sappiamo di noi stessi, ciò che nella nostra vita non esiste ancora. E tale contatto ci trasforma profondamente, ci cura e guarisce dalle nevrosi. 

Se è dunque l'inconscio il vero motore dell'analisi, se è ciò che non si sa a muovere tutto il lavoro, Ferro invita gli psicoanalisti a non arroccarsi su posizioni di già saputo, a mantenere la mente in uno stato di curiosità e di ricerca viva. È l'alleanza del terapeuta con l'inconscio a muovere quello del paziente, a far sì che si appassioni e prenda gusto nel viaggio.     

Difesa dal sapere e apertura di mondi 

Ciò che sappiamo, dice Ferro, produce un "inquinamento luminoso", ci impedisce di vedere le aree sconosciute della vita psichica di quel paziente lì, unico e particolare, eccezione rispetto a qual si voglia teoria. L'ortodossia occlude la vista, acceca, impedisce di vedere gli scalini ancora da salire per accedere a parti sconosciute di un palazzo che intendiamo esplorare. Se i passi già fatti ci permettono di stare al punto in cui siamo, e dunque sono imprescindibili in termini di formazione, fermarsi pensando di aver visto già tutto sarebbe segno di arroccamento difensivo.

L'aiuto specifico che un analista può dare a chi si rivolge a lui risiede dunque in questo suo assetto mentale impregnato di curiosità. Non c'è psicoanalisi senza valorizzazione dell'inconscio, sia che lo si ritenga (secondo la visione freudiana classica) come un mondo da esplorare, sia che lo si pensi più modernamente come una struttura in perenne formazione, in trasformazione e in  sviluppo. 

Analista e paziente in quest'ottica diventano dei veri e propri creatori di inconscio funzionante, funzionano mentalmente insieme, al pari di navigatori senza bussola, guidati e sostenuti dallo spirito di ricerca più che dalle certezze già acquisite. 

Non a caso in uno dei suoi seminari Bion dice che al paziente bisognerebbe dare in ogni seduta un buon motivo per tornare in quella successiva. Il paziente deve attivarsi, appassionarsi, prendere gusto a ciò che si fa nella stanza d'analisi. Se l'analista non può fare il lavoro al posto del suo paziente, il cui coinvolgimento è indispensabile, è vero che è la sua posizione nei riguardi dell'inconscio a favorire l'innesco del processo virtuoso nell'altro. 

Il piacere dell'analisi sta nel riuscire a trasformare stati mentali disorientati, disorganizzati, frammentati in un racconto, in narrazione, in pensabilità. L'analisi, pur con le sue inevitabili impasse, blocchi e transfert negativi, dovrebbe essere nel complesso una cosa bella, qualcosa che piace e per cui si è disposti a impegnare energie, tempo e soldi. 

Trasformazioni 

I pazienti, quando arrivano in seduta, sentono il bisogno di essere accolti. Ciò che conta è quanto si sentono ascoltati e capiti. 

La mente dell'analista allora, oltre che mantenersi aperta, viva e ricettiva verso la dimensione inconscia, deve pure lasciarsi realmente penetrare dalle angosce e dalle emozioni del paziente, al pari di una portaerei sulla quale la turbolenza della vita emotiva possa atterrare. 

Si tratta del noto processo bioniano di trasformazione dei così detti elementi beta (caoticità sensoriale, sofferenza, disperazione)  in elementi alfa (immagini, narrazioni, pensieri) che avviene grazie alla recettività dell'analista, in grado di dare il via ad un vero e proprio processo digestivo. È tramite questi meccanismi che si contribuisce alla costruzione del pensiero, dell'emozione e infondo dell'inconscio stesso. 

L'analisi non può esimersi dall'occuparsi degli aspetti profondamente sofferenti e violenti della vita psichica. Ma proprio tramite le micro evacuazioni reciproche  fra paziente e analista la turbolenza lascia spazio alla forma, alla pensabilità. Il paziente impara nel tempo a svolgere tale lavoro in autonomia, senza più il contenitore del terapeuta. 

Il fine del lavoro analitico allora non è secondo Ferro acquisire nozioni su di noi, secondo il modello classico dell'"insight". Esso è in realtà l'effetto secondario di ben altro, ovvero della trasformazione a cui va incontro il paziente ogniqualvolta sperimenta nella vita una maggiore pensabilità di ciò che gli si muove dentro. Durante e al termine dell'analisi egli si ritrova ad acquisire e fare propri strumenti che gli permettono di funzionare mentalmente meglio, sia  durante un bombardamento di stati "proto emotivi" una volta sopraffacenti, sia di fronte all'assurdità di comportamenti sintomatici  ormai superflui.

Tags: Aiuto psicoterapeutico

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

La depressione: superarla o restarne intrappolati

In alcuni momenti della vita può capitare a tutti di trovarsi in balia di altre persone o di eventi esterni. Così come può accadere di sperimentare la delusione, il tradimento, l’abbandono, la perdita. In queste situazioni possiamo andare incotro a vissuti di depressione, di impotenza e solitudine.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Depressione e amore: difficoltà e speranze

Frequentemente capita di ricevere chiamate angosciate da parte di partner di persone scivolate nella solitudine radicale della depressione.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Depressione e rinuncia

Alcune forme depressive, soprattutto quelle che assumono la connotazione di un sottofondo permanente di noia e di infondatezza esistenziale, sottendono l'aver girato le spalle alla possibilità di essere autenticamente felici. In un preciso momento della vita si sono cioè portate avanti delle scelte all'insegna della paura.

La depressione: come riconoscerla

Non sempre appare possibile per chi ne soffre riconoscere il preciso momento in cui si instaura una depressione. La depressione clinica, che si distingue dall’affetto depressivo che prima o poi tutti conosciamo, si impadronisce di noi lentamente, subdolamente.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.