Il carattere narcisista

“Tre caratteri” di Cristopher Bollas si apre con una raccolta di riflessioni sul carattere narcisista (a cui seguono altre sulla patologia borderline e maniaco depressiva).

Il contributo originale di questo autore riguarda il concetto di idealizzazione, raramente indagato  nelle varie trattazioni manualistiche.

Per capire il carattere narcisista Bollas invita a considerare il narcisismo come una difesa di un sè bambino profondamente turbato da una madre intrusiva e sregolata.

L’impossibilità di riferirsi ad un oggetto interno materno (in grado di esercitare un’efficace funzione di contenimento e rispecchiamento) determina un rifiuto della relazione ed una sua sostituzione con l’immagine del soggetto stesso.

In parole semplici, il narcisista sostituisce l’amore impossibile per la madre con l’amore per la propria immagine.

Tuttavia, esattamente come nel mito di Narciso, tentare di avere un rapporto con la propria immagine causa la propria distruzione psichica.

Come ovvia il narcisista a tale minaccia distruttiva? Egli con determinate accortezze impara a fare a meno di ogni relazione profonda, sia con se stesso che con l’altro.

La distanza dall’altro

Sul versante della relazione con l’altro la distanza siderale emotiva del narcisista non è immediatamente percepibile.

Bollas introduce l’immagine del narcisista positivo, apparentemente interessato genuinamente agli altri, spesso persino impegnato nel sociale. Si tratta per lo più di un espediente, frutto di un “falso sè” che ha appreso come comportarsi per ottenere approvazione.

A ben vedere nella vita del narciso ci sono molte conoscenze, ma nessuna di esse si traduce in rapporti profondi.

Il rapporto profondo con l’altro è impossibile perché rischia di far riaffiorare la frustrazione irrisolta insita nel rapporto con la madre (rapporto spesso idealizzato a parole).

L’altro prima o poi delude, dice la sua, mostra la sua umanità.

Non potendo reggere il pericoloso confronto autentico con l’altro, pena la perdita di identità, il narcisista si circonda di “yes men”, ovvero di personalità compiacenti che soddisfano il suo vitale bisogno di stabilità, controllo e adulazione.

Chiunque minacci l’identità con la sua semplice diversità viene dispregiativamente  relegato nel luogo dell’”abietto”

E qui si arriva all’importanza dell’idealizzazione. Il narcisista utilizza non solo l’idealizzazione di sè come meccanismo di difesa, ma anche quella di colui che a sua volta lo idealizza.

Idealizzare chi idealizza il proprio sè garantisce al narciso un luogo protetto in cui è sostanzialmente scongiurato il rischio dell’incontro con se stesso e i propri lati in ombra. Tutto il mondo circostante garantisce l’immagine ideale, vitale per la sopravvivenza psichica.

La distanza dal sè e la psicoterapia

Si capisce come il contatto con il sè profondo vada evitato a tutti i costi, pena la morte come nel mito di Narciso.

L’immagine ideale, benché sfuggente e quindi faticosa da mantenere, è la sola possibilità.

Bollas fa notare come il carattere narcisista nella vita anteponga sistematicamente l’immagine al linguaggio.

Anzi, lo stesso linguaggio è utilizzato come un’immagine, nella misura in cui il discorso del narcisista, anche quando ricco e articolato, tende a presentare “ideali anziché idee” .

Le idee infatti sono confutabili, gli ideali no, seducono e basta.

L’”odio per il significante” qualifica il narcisista, il quale detesta il linguaggio nella sua funzione simbolica (proprio per la sua capacità di rottura della superficie abbacinante e illusoria dell’immagine).

In psicoterapia è raro che personalità narcisistiche possano evolvere davvero, per via di questo rifiuto ad usare il linguaggio nella sua funzione non suggestiva.

Spesso essi si presentano come persone in difficoltà, invadendo le sedute di problemi pratici e torti subiti.

Bollas nota finemente la loro abilità di utilizzare il canale non verbale.

Tale invasività del non verbale, dunque dell’immagine che presentano (falso sè) consente di bypassare l’incontro con il contenuto più profondo delle loro affermazioni, in ultima analisi l’incontro con se stessi.

Ecco perché finché il terapeuta si limita a sostenere e a tacere tutto procede bene, pur senza modifiche della personalità degne di nota.

Il terapeuta che propone delle interpretazioni (che quindi propone l’uso più propriamente simbolico del linguaggio) viene considerato inopportuno se non francamente malevolo.

Nel migliore dei casi per Bollas le interpretazioni analitiche incontreranno un rapido e frettoloso consenso, frutto del desiderio di chiudere velocemente certe questioni per non trovarsi spiazzati all’appuntamento con verità inaccettabili.


Aiuto psicoterapeutico , Narcisismo patologico

Altri articoli sull'amore

Libertà e legame: davvero inconciliabili?

Si parla di uomini che non sanno stare nei legami. Si parla di donne ferite, in balia dei capricci incomprensibili dei partner. Di che si tratta? Che parte gioca ciascun attore?

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Sessualità femminile

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, scopre un fatto rivoluzionario per la comprensione della sessualità femminile. Anche la bambina, al pari del bambino, attraversa una fase di intenso attaccamento alla madre, che può durare anche molto a lungo.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Narciso e aridità affettiva

Tutti gli esseri umani sono un po' narcisi, ovvero innamorati della propria immagine ideale. L'immagine infatti, da intendersi in senso più ampio rispetto alla mera apparenza fisica, non è altro che l'Io, la rappresentazione unitaria e coerente di noi stessi. Essa ha un potere fortissimo, fornisce a ciascuno non solo un senso di identità stabile, ma istituisce internamente anche una rivalità aggressiva con se stessi, nella misura in cui la si vuole mantenere lucida e compatta, senza crepe.

Leggi l'articolo

Amore borderline

L'amore nei confronti di un soggetto borderline, non di rado persona sensibile e coinvolgente, è destinato nel tempo ad essere messo a dura prova dalla sua profonda instabilità, frequentemente frutto di esperienze traumatiche infantili. Tre sono le aree della personalità borderline che impattano fortemente nelle relazioni intime: l'oscillazione continua fra idealizzazione e svalutazione di sè e dell'altro, la rabbia e l'impulsività.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Leggi l'articolo

Stima e amore

Quando amiamo profondamente qualcuno lo ammiriamo. Il che non vuol dire che ogni volta che aprezziamo una persona di conseguenza la amiamo. Si parla di amore infatti quando l'ammirazione si fonde con un'attrazione su un piano anche fisico. In ogni caso non esiste alcun amore che non comporti pure sentimenti di intensa stima.Che significa stimare l'oggetto del nostro amore?

Leggi l'articolo

Utilitarismo, immaginario e amore

Come analisti ascoltiamo quotidianamente storie di rotture o crisi sentimentali provocate dall'incontro con nuovi partner. Il tradimento è un fenomeno dilagante tra giovani e meno giovani, ed è ritenuto da molti semplicemente inevitabile. Oggigiorno vi è l'idea diffusa che l'amore sia una merce segnata da una data di scadenza, da sostituire una volta esaurita.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961