Come combattere la depressione

La depressione per alcuni può essere la compagna di una vita, per altri un incontro occasionale in circostanze difficili, per altri ancora uno spauracchio da evitare a tutti i costi.

Caratteristiche della depressione

L’ avvento della depressione nella sua forma acuta ha sempre un impatto paralizzante, rendendo difficoltoso se non impossibile lo svolgimento delle più comuni attività quotidiane, come la cura di sé, della famiglia e del lavoro. Durante certe acuzie diventa difficile persino parlare, alzarsi dal letto o dalla poltrona. Tutto sembra non avere più senso, la percezione di distacco dalle persone e dalle cose si amplifica fino a ridurre allo stato larvale. 

Ci sono poi dei momenti di così detta remissione, in cui l’impatto del malessere sembra attutirsi, la persona lavora, fa le cose, insomma sembra funzionare. Molto spesso si tratta in realtà di una forma di cronicizzazione, in cui alla ripresa del regime usuale di vita non corrisponde una consona partecipazione emotiva. Prevale un vissuto di pesantezza, di fatica, di lamento. Le energie sembrano sempre scarseggiare, la visione di sé stessi, del presente e del futuro è avvolta dal  grigio, mentre il passato viene idealizzato come un tempo irrimediabilmente perduto. 

L’atteggiamento luttuoso è compensato talvolta da accensioni maniacali, che non durano a lungo e testimoniano uno sforzo inconscio della psiche di auto cura, di rovesciare cioè  la situazione nel suo contrario senza che però nulla di ciò che veramente non va nel proprio atteggiamento mentale si sia davvero modificato nel profondo. Ne risulta una sorta di falsa ripartenza, di caricatura del benessere, che sa di grottesco e di immensamente disperato.

La domanda di cura del paziente depresso

Coloro che chiedono aiuto possono arrivare sulla scia della loro impotenza e di quella dei familiari, che non sanno più come dare una mano. Erano persone attive, di successo, ma di colpo si sono arrestate. E si sono trasformate in perdigiorno trasandati e abbandonati a vizi di vario genere. Chiedono di tornare come prima e non sempre per loro è facile dedicarsi ad un’analisi della situazione che vada oltre il qui ed ora. 

Chi riesce a mettersi pazientemente in discussione e ad appassionarsi al proprio caso si può sbloccare anche in maniera rapida. In genere quando è così la terapia fa vedere qualcosa che sfuggiva e la persona, davvero desiderosa di tornare a stare bene, riesce a sfruttare la nuova consapevolezza per fare quello scatto in avanti che tardava ad arrivare senza un aiuto specialistico. 

Sono tuttavia più frequenti le situazioni in cui la malinconia è mascherata da un’aura di normalità, per cui la domanda di aiuto apparentemente si connette ad un problema pratico, concreto, per poi svelare mano a mano una sottostante stoffa di natura depressiva. Si tratta di quei casi in cui il malessere depressivo ha così intaccato la “radice” dell’essere da formare un tutt’uno con esso, in maniera a volte inconsapevole e acritica. 

Togliere il maquillage e arrivare alla nudità del problema non è banale e non va nemmeno sempre bene, nella misura in cui c’è da valutare quanto è possibile sostenere un incontro spietato con sé stessi. Molti a questo livello si dimostrano in grado di risalire ai vari perché ma poi si arenano nel ben noto senso di sconfitta, ormai diventato una malsana abitudine. Può accadere che comincino ad apprezzare i benefici del lavoro dopo molto tempo, dopo aver sperimentato enormi resistenze e regressioni. Non diventano le persone più positive del mondo ma se non mollano si aprono a dimensioni mai vissute in precedenza, ad esempio alla leggerezza e alla fiducia.

Come si cura la depressione 

Proprio perché le domande di cura non sono tutte uguali nemmeno i trattamenti della depressione saranno standardizzati. 

In generale per combattere con successo il malessere dell’anima bisogna arrivare a volere fortemente la guarigione. Cosa non così scontata perché l’ambivalenza in queste situazioni è molto forte. La depressione da una parte è vissuta come un corpo estraneo, un impedimento, un veleno, un nemico, dall’altra è anche una parte di sé stessi, ormai infiltrata nelle modalità  inconsce di sentire, di pensare e di agire. 

Il fenomeno dell’attaccamento alla malattia per i vantaggi secondari che essa comporta, ben noto a tutti gli analisti, rende in parte ragione di questo tipo di inerzia ma non la spiega completamente. Certo, non si molla facilmente la malattia perché tornare alla salute comporta poi uno sforzo, una fatica, anche l’assunzione della radicale solitudine in cui ciascuno di noi è. Meglio rifugiarsi nel cantuccio del malessere ed eventualmente godere della preoccupazione degli altri o del lamento cronico  rispetto alla loro indifferenza. 

Ma c’è qualcosa che va ancora oltre questa trappola in cui il depresso cade senza accorgersi.  Ed è la sua concezione filosofica della vita. Egli da un lato non accetta assolutamente la ruvidità dell’esistenza, la rifiuta, non vuole scendere a patti con la castrazione. Dall’altro ciò che gli manca è la fede in un disegno più ampio, è convinto che la vita sia tutta una triste farsa in cui ci si agita tanto ma poi si finisce con il deperire, invecchiare e morire, senza che vi sia un perché. 

Quando si parla di depressione bisogna sempre indagare il rapporto con il “mistero” . Un’educazione eccessivamente razionalista e potremmo dire persino “darwinista” mortifica e schiaccia precocemente la sensibilità fiduciosa verso dimensioni che sfuggono alla nostra presa razionale, rabbuiando e incupendo l’animo con tristi e plumbee convinzioni. 

D’altro canto l’adesione ad un qualche credo religioso non può nemmeno venire sbandierato come la soluzione al male di vivere, che resta comunque impermeabile ad ogni rimedio strutturato che viene proposto come medicina di tutti i mali. 

Ogni soggetto deve trovare in sé stesso la ragione di volercela fare, di non cedere completamente  alle sirene della disperazione. Delle risorse sempre, invariabilmente, sopravvivono, anche nelle situazioni più difficili. Si tratta di imparare a metterle in valore, anziché continuare a sabotarle, sviluppando una mentalità per cui esse sono doni da mettere a frutto.

Ogni “non ce la faccio”, quando vissuto come un peccato verso la vita, perde il suo potere. 

Male oscuro

Altri articoli sulla depressione

Come combattere la depressione

La depressione per alcuni può essere la compagna di una vita, per altri un incontro occasionale in circostanze difficili, per altri ancora uno spauracchio da evitare a tutti i costi.

Leggi l'articolo

Ipersensibilità artistica e depressione

I così detti “ipersensibili”, spesso artisti o persone altamente creative, sono soggetti che vedono e sentono sfumature e sottigliezze che agli altri di norma sfuggono.

Leggi l'articolo

Cosa significa soffrire di depressione?

Periodi difficili, momenti di smarrimento, circostanze luttuose fanno parte dell’esperienza comune ad ogni uomo e pertanto non sono da considerare di per sé  come eventi patologici.

Leggi l'articolo

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

Depressione: è solo una malattia?

Il paradosso dell’approccio moderno alla depressione, che la riconosce come una malattia da curare esclusivamente con i farmaci confidando nella possibilità della sua eradicazione completa, è la sua cronicizzazione. 

Leggi l'articolo

Depressione o scarsa volontà?

“Sono sempre stato un bighellone” mi ha detto recentemente un paziente con un certo tono di auto rimprovero durante uno dei primi incontri.

Leggi l'articolo

Depressione e curiosità

La curiosità, intesa come stato di meraviglia davanti alle cose che spinge incessantemente a volerne penetrare più a fondo lo sfuggevole significato, è un’attitudine mentale benefica per la psiche, nella misura in cui la mantiene viva proteggendola dagli agguati di ansia e depressione.

Leggi l'articolo

Depressione e adolescenza

Adolescenza e gioventù quasi mai coincidono con spensieratezza e leggerezza.

Leggi l'articolo

Depressione e traumi infantili

L’infanzia quasi sempre è il tempo in cui iniziano a depositarsi i germi di un malessere psichico che si svilupperà successivamente nella giovinezza e poi nell’età adulta.

Leggi l'articolo

Depressione mascherata

Un interrogativo angoscioso che muove molte domande di aiuto nella contemporaneità ruota attorno alla questione della perdita o dell’assenza tout court della così detta “forza interiore”, da intendersi non riduttivamente nell’accezione di mera forza di volontà ma più ampiamente in quella di robusta energia vitale.

Leggi l'articolo

Psicoterapia e depressione

Esistono forme depressive che rispondono bene ad un lavoro con la parola ed altre che restano impenetrabili a qualsiasi tentativo dialettico.

Leggi l'articolo

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961