Cinismo e depressione nella contemporaneità

La forma depressiva più comune nella contemporaneità è legata a un certo bipolarismo, che non si inquadra perfettamente nella sindrome bipolare benché mantenga con essa un rapporto di somiglianza di fondo.

Il neo melanconico tiene cioè insieme due anime depressive, una “regressiva” e l’altra “espressiva”.

La prima è connotata da ripiegamento, sentimenti di frustrazione, di vuoto e nullità esistenziale, mentre la seconda è colorata in senso maniacale, implicando un’attitudine iperattiva entusiastica e consumista.

La malattia sociale della depressione bipolare 

L’uomo moderno è in balia di questa vera e propria malattia sociale nella misura in cui è sprovvisto di un solido ancoraggio interiore, composto da un mix di valori, freni al narcisismo e senso profondo dell’umano. 

La società così come la viviamo spinge infatti verso un’unica direzione, ovvero verso l’affermazione di sé stessi a tutti i costi. Il narcisismo è l’unico vero orizzonte che orienta le vite: la ricerca del piacere tramite l’appropriazione consumistica dell’oggetto e il dominio sull’altro tiranneggiano le coscienze esaltandole con fasi “up” e umiliandole con rovinosi “down” psichici. 

Le fasi di euforia sono connesse all’eccesso e all’accelerazione, funzionali all’adattamento al sistema e dunque premianti a livello narcisistico e sociale. Il mito della produzione, dell’efficienza e del profitto soggioga la psiche come una droga, ai danni del rapporto con l’altro. Ecco i drogati del lavoro, del fitness,  dello shopping compulsivo e del sesso, interessati unicamente a se stessi, a fare soldi, a consumare, a rapportarsi all’altro esclusivamente a fini opportunistici. 

Le fasi più propriamente depressive costituiscono l’altra faccia della medaglia; il godimento solitario dell’oggetto consegna ad un vuoto enorme, ovvero all’esperienza della volatilità della gratificazione. Per mantenere lo stato “up” bisogna passare immediatamente ad uno stimolo nuovo, pena l’incontro con la voragine dell’ infelicità.

Ma non tutte le battute d’arresto sono inevitabili; prima o poi il limite si impone (le energie si esauriscono, così come i soldi, le attrattive fisiche ecc..) e allora si apre il baratro della nullità esistenziale. Il maniaco del lavoro si trasforma in un perdigiorno, quello del fitness salutista in un bulimico senza fondo, la mente e il corpo si fermano in un black out pressoché totale in cui agiti degradanti  di vario genere possono perfino peggiorare la situazione 

Una qualche fragilità psichica è l’humus che predispone a restare vittime delle sirene del sistema in cui viviamo. Ma tale debolezza non riguarda soltanto il dubbio rispetto al proprio valore, che si tenta di suturare ottenendo uno status sociale desiderabile. Questi forse sono i casi più semplici, perché in genere resta attiva una capacità di autoanalisi su cui poter contare per un lavoro psicoterapeutico efficace.

Quale rimedio? 

L’antidoto rispetto allo strapotere del sistema su creature incerte rispetto alla propria identità è dato dal “conosci te stesso”. Aumentando i livelli di consapevolezza, scoprendo le proprie caratteristiche e mettendole in valore al di là della logica della desiderabilità sociale consolida un atteggiamento critico e di resistenza verso il livellamento del sentire stimolato dall’ingranaggio consumistico. 

L’umore in queste circostanze migliora moltissimo, le oscillazioni fra euforia e depressione si appiattiscono perché la persona sviluppa un’alleanza solida con sé stessa, capisce chi è e cosa vuole davvero, anche passando attraverso intense fasi di conflitto e di ribellione. 

Non tutta la tristezza può essere drenata da un approccio del genere, ma essa resta un sentimento normale, sfumatamente melanconico, che riguarda il fatto stesso di esistere. Esistere infatti ci espone alla gioia e al dolore, alle frustrazioni connesse ad un cammino che di fatto compiamo nel buio, esposti al caso, alla buona e alla cattiva sorte. Ma la lesione può essere integrata e sopportata senza scivolamenti in eccessi tossici e distruttivi.

Più complicato se non impossibile invece è tentare di trattare quelle melanconie (regressive o espressive che siano) che implicano un’adesione anche valoriale al sistema imperante. La nostra struttura psichica infatti comporta anche un substrato etico a cui si è innatamente predisposti e che apprendiamo anche in famiglia o a scuola o tramite incontri significativi. 

Non si tratta della mera cultura, che non salva certo l’anima nella misura in cui può essere utilizzata come strumento di potere, di esibizionismo e dunque di potenziamento egoico (che non tiene conto dell’altro ma lo riduce a “cosa” da educare e manipolare). 

Ci si riferisce piuttosto alla capacità di provare amore nei confronti dell’altro, inteso non come oggetto (amore narcisistico) ma come soggetto “sacro” in quanto “creatura” dotata di pari dignità e valore rispetto a noi stessi, sebbene “diverso” e “altro” da noi. 

È l’amore verso l’alterità il vero strumento di resistenza all’individualismo contemporaneo che avvelena le menti, le obnubila e schiavizza con effetti nefasti paragonabili a quelli delle droghe. 

L’amore ci rende umani e non macchine fredde di godimento. Quando riconosciamo l’altro nella sua differenza, quando nutriamo rispetto, quando rispondiamo con i fatti al comandamento cristiano “non fare all’altro ciò che non vorresti fosse fatto a te” beneficiamo del grande effetto di ritorno di pace e serenità interiore. 

Se il sistema impone di schiacciare l’altro come un intralcio alla nostra volontà di potenza noi possiamo sempre dire di no, possiamo sempre trovare delle strade alternative per contrastare il nostro spegnimento umano. Avremo meno successo? Ma che ci importa, è il successo sociale  il metro con cui si misura la vita? O l’essere riusciti a lasciare un segno positivo in un altro essere umano nonché in sé stessi? 

Spazi di resistenza fortunatamente esistono, pur in seno alla nostra folle società.  Essere se stessi e rispettare gli altri sono i segreti per raggiungere il vero successo, quello personale, intimo, invisibile ma in realtà in grado di sprigionare energie potenti e contagiose.

Non è un cammino facile, senza ostacoli, ma rende liberi e forti, indipendenti rispetto alle girandole umorali patologiche e dissipative dell’uomo desolantemente cinico.

Disagio contemporaneo

Altri articoli sulla depressione

Narcisismo e depressione latente

La depressione, in questo momento storico più che mai, è una problematica  trasversale a molte domande di cura. 

Leggi l'articolo

Cinismo e depressione nella contemporaneità

La forma depressiva più comune nella contemporaneità è legata a un certo bipolarismo, che non si inquadra perfettamente nella sindrome bipolare benché mantenga con essa un rapporto di somiglianza di fondo.

Leggi l'articolo

Depressione e tristezza

Il termine depressione spesso viene evocato in maniera impropria, per riferirsi o a banali cadute di tono dell’umore o a stati dell’animo più complessi, che comunque restano ancora sotto l’ombrello della tristezza o di sentimenti sfumatamente luttuosi.

Leggi l'articolo

Il potere terapeutico della musica

La musica ha un indubbio potere terapeutico, soprattutto per ciò che riguarda le problematiche legate allo stress, all’ansia e a certe forme depressive.

Leggi l'articolo

Depressione e percezione del tempo

l rapporto con la temporalità è centrale in tutte le manifestazioni depressive, dalle più leggere a quelle di rilevanza clinica.

Leggi l'articolo

Come combattere la depressione

La depressione per alcuni può essere la compagna di una vita, per altri un incontro occasionale in circostanze difficili, per altri ancora uno spauracchio da evitare a tutti i costi.

Leggi l'articolo

Depressione latente

Uno stato latente di depressione può essere celato efficacemente da atteggiamenti e comportamenti di natura apparentemente lontana dall’affetto depressivo

Leggi l'articolo

Cosa significa soffrire di depressione?

Periodi difficili, momenti di smarrimento, circostanze luttuose fanno parte dell’esperienza comune ad ogni uomo e pertanto non sono da considerare di per sé  come eventi patologici.

Leggi l'articolo

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

Depressione: è solo una malattia?

Il paradosso dell’approccio moderno alla depressione, che la riconosce come una malattia da curare esclusivamente con i farmaci confidando nella possibilità della sua eradicazione completa, è la sua cronicizzazione. 

Leggi l'articolo

Ipersensibilità artistica e depressione

I così detti “ipersensibili”, spesso artisti o persone altamente creative, sono soggetti che vedono e sentono sfumature e sottigliezze che agli altri di norma sfuggono.

Leggi l'articolo

Depressione o scarsa volontà?

“Sono sempre stato un bighellone” mi ha detto recentemente un paziente con un certo tono di auto rimprovero durante uno dei primi incontri.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961