Normalità e patologia: quali confini?

È opinione comune associare ad uno stato di "normalità" psichica l'adesione alla realtà, intesa come pacifica accettazione dei limiti imposti dall'ambiente esterno sulle nostre pulsioni e aspirazioni. La stessa civiltà infatti si basa su una quota di rinuncia alla soddisfazione delle pulsioni individuali, in virtù di un bene più grande, l'ordine e la stabilità nel reale.

Tuttavia per l'essere umano non è così immediato aderire al "programma" della civiltà, di per sè necessariamente portatore di una qualche forma di violenza sul godimento del singolo. Qualcosa in lui fa obiezione alla tendenza livellatrice e castrante del "principio di realtà". In ognuno resta cioè l'aspirazione a plasmare ciò che sta fuori a partire dalle proprie tendenze e desideri. Se poi l'Altro ha incarnato una potenza particolarmente schiacciante, capricciosa e traumatica, il distacco può apparire come l'estrema difesa del proprio essere da una minaccia soverchiante, da un dolore intollerabile.

Già Freud parlava di "strapotere dell'Es", per indicare quelle condizioni in cui la realtà viene misconosciuta a seguito della ribellione turbolenta dei moti interiori. Nella nevrosi tale negazione si riduce alla semplice fantasticheria ad occhi aperti, come manifestazione di un ritorno del rimosso. Il nevrotico tende infatti a rimuovere, a rinunciare cioè alla dimensione del sogno in virtù di un adattamento alle esigenze del contesto esterno. Nelle condizioni psicotiche invece l'emergenza espressiva del mondo interno si traduce radicalmente in vissuti allucinatori e deliranti, in netta frattura con la realtà. La mente dà luogo ad una neo realtà, alla ricostruzione dopo una lacerazione avvenuta.

I viaggi mentali più o meno lucidi del nevrotico e perfino le allucinazioni dello psicotico appaiono dunque come modi bizzarri di espressione di qualcosa. Hanno un senso. La psicoanalisi per certi versi mette in questione l'idea che un sintomo equivalga a malattia tout court. Non che la malattia dell'anima venga negata. Essa esiste e comporta sicuramente degli effetti invalidanti nell'esistenza di chi la subisce. Al contempo può però introdurre una discontinuità negli automatismi rassicuranti ma allo stesso tempo accecanti del conformismo e della norma, svelando invisibili verità. Quando poi un disagio si lega ad un qualsiasi talento creativo (pur non essendone assolutamente la causa) o ad una sensibilità particolare, esso in alcuni casi può venir trattato, incanalato in modo fecondo, contribuendo allo sviluppo di opere originali.

Non solo. L'uomo sano è quello perfettamente adattato? Siamo sicuri? L'iper adattamento si configura esso stesso come una malattia. Esistono i così detti soggetti "normotici", anormalmente normali, troppo normali, troppo conformisticamente identificati al loro ambiente. Stanno bene perché tutto quello che vogliono e desiderano si limita a coincidere con quello che possiedono, ovvero con gli oggetti considerati socialmente desiderabili dal gruppo di riferimento: la bella macchina, il vestito giusto, le vacanze appropriate. L'interiorità così collassa per eccesso di uniformità: tutti uguali, tutti esposti al rischio di crollare se vengono meno le certezze che assicurano un'identità condivisa.

Quali sono allora i confini tra normalità e patologia? Chi esplora l'animo umano da vicino si rende conto quanto essi siano sfumati, labili e mai del tutto identificabili e definibili chiaramente una volta per tutte. Nell'ambiente psicoanalitico la questione è dibattuta. Il puro criterio dell'adattamento alla realtà non convince pienamente. Al di là dell'etichetta diagnostica, che informa rispetto a dei fenomeni osservabili, si tende a considerare la persona nel suo complesso. Il nostro cervello è dotato di plasticità, può compensare dei deficit in maniera originale e imprevedibile, può perfino utilizzarli a fini creativi. Si tratta come terapeuti di appoggiare e sostenere l'inventiva individuale, tentando di trovare caso per caso un compromesso possibile con la realtà.

Il dramma, la sofferenza, il dolore di chi è afflitto da una patologia psichica non vengono sminuiti da una visione che ne relativizza la netta distinzione rispetto alla normalità. Anzi: il dolore psichico fa parte integrante dell'esperienza umana della vita. È inaggirabile, connesso com'è sia alla fragilità della materia su cui poggia lo spirito, sia al mistero della morte e alla grande questione del senso ultimo dell'esistenza.

Dunque cos'è normale? Fino a che punto si può spingere la capacità umana di sopportare il dolore mentale? Quando è troppo? Esistono fibre più o meno forti, eventi e situazioni più o meno usuranti. Dietro ad ogni forma di disagio psichico sostano ragioni ben precise che, una volta colte a pieno, rendono intelligibile l'assurdo. Allora, oltre l'apparenza del patologico, emergono verità universali che al fondo toccano tutti, quando visti nella nudità, senza i rivestimenti e le brillanti maschere sociali.

 

Tags: Aiuto psicoterapeutico , Psicoanalisi lacaniana

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Malinconia e creatività

Nel bell'articolo dello psichiatra Eugenio Borgna "La Stimmung malinconica e l'esperienza creativa" troviamo un'interrogazione sui rapporti che intercorrono fra malinconia e genio creativo.

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Tristezza o depressione?

Come riconoscere la differenza fra un periodo critico, in cui ci si trova ad affrontare una delusione o una perdita, e l'instaurarsi di un vero e proprio affetto depressivo? Cosa distingue la sofferenza, il patire un dolore, lo stare male da una condizione clinica?

Depressione e creatività

Sembra un controsenso, eppure chi è predisposto verso affetti depressivi spesso mostra anche tratti di originalità e creatività, che in genere possiamo riscontrare nel variegato campo delle arti. L’apparente contraddizione è evocata dalla paralisi e stagnazione associate alla depressione, che contrastano con l’idea dell’attività e dell’energia insite nell’atto creativo.

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.