Depressione e femminilità

L’esperienza clinica ci insegna come la depressione colpisca maggiormente il sesso femminile. E’ infatti accertata una maggiore vulnerabilità della donna nei confronti dell’affetto depressivo. Ma perché? Cosa la predispone a scivolare più facilmente rispetto all’uomo nella tristezza e nell’apatia?

Per rispondere a questa domanda bisogna per un attimo tenere presente una differenza fondamentale tra i sessi. Un soggetto in posizione femminile, per il fatto di essere esposto già nell’infanzia ad una carenza sul piano dell’avere fallico, dà più importanza all’essere rispetto all’avere. E’ bene precisare come la mancanza del fallo nella bambina non vada intesa come un deficit. Semplicemente è noto che per i bambini l’unico sesso esistente è il pene e tra di loro tendono a classificare l’appartenenza ad un genere sul fatto di essere privi o meno dell’attributo fallico. Il pene lo si ha e allora si è dei maschietti o non lo si ha, allora si è delle femminucce.

La valorizzazione che la donna dà all’essere è dunque conseguenza di un deficit di avere. Per lei è importante ESSERE: essere bella, essere desiderabile, essere brava, essere apprezzata, essere in una parola unica e insostituibile. Avere un posto nel desiderio dell’altro. Abitarne i pensieri e i sogni. Essere amata.  L’importanza attribuita all’essere si connette allora sempre all’esistenza dell’altro. La sua convalida viene infatti da un’altra persona, dalla relazione che ci si instaura, non dal possesso di cose. L’uomo invece tendenzialmente si soddisfa di più in solitudine, attraverso l’AVERE. Avere donne, danaro, automobili, prestigio. Questo non significa che tutti gli uomini siano condizionati dal possesso. Esistono anche uomini assolutamente virili in posizione femminile, più interessati cioè all’essere che all’avere.

Ma cosa c’entra questa privazione con la depressione? La depressione colpisce di più le donne perché, basando il valore del loro essere sul riconoscimento da parte dell’altro, nel momento in cui lo perdono percepiscono un forte ridimensionamento della loro persona. Ecco perché la perdita così frequentemente scatena la depressione. Perdere un amore significa perdere ciò che dà sostegno all’essere, ciò che compensa una mancanza originaria. Non è tanto la perdita in sé dell’oggetto d’amore a innescare l’affetto depressivo, quanto la funzione che questo assolveva nel far sentire la donna amata, desiderabile, unica.

Ma perché subentra proprio la depressione invece che una normale e comprensibile tristezza connessa con la perdita di un amore e con il turbamento soggettivo che ne deriva ? La depressione non è la risultante scontata della perdita. Ma si innesta ogni volta che non lasciamo andare ciò che abbiamo perduto. Si ha depressione se ci fissiamo all’istante della perdita, se non accettiamo che quella persona non ci sia davvero più per noi. Se non tolleriamo che il nostro essere sia sottoposto a uno smarrimento profondo. Se tentiamo di sottrarci al dolore e al vacillamento soggettivo che questo porta sempre con sé.

Guardare invece in faccia la situazione per quella che è, prenderne atto, risulta il primo passo per evitare la depressione. Non certo per eludere la sofferenza e la profonda messa in discussione di sé, inaggirabili conseguenze della fine di un amore.

Altri articoli sulla depressione

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

L'inventore della psicoanalisi ne era profondamente convinto: la poesia coglie con immediatezza stati dell'animo che la ragione descrive, circonda col pensiero senza tuttavia afferrarne il cuore pulsante.

Leggi l'articolo

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Leggi l'articolo

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Leggi l'articolo

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

Leggi l'articolo

Psicoterapia e depressione

Esistono forme depressive che rispondono bene ad un lavoro con la parola ed altre che restano impenetrabili a qualsiasi tentativo dialettico.

Leggi l'articolo

Vivere nel presente

Un tappeto di nuvole dalla forma o dai colori inconsueti, un ramo secco, un'aria carica di umori autunnali, la figura di un passante sono solo alcune fra le mille impressioni che possono colpirci durante una passeggiata o il tragitto verso il lavoro. Spesso però siamo troppo stanchi, troppo presi nei nostri pensieri per porvi attenzione. La preoccupazione per fatti accaduti o ancora da venire, l'ansia di arrivare, di fare, di sbrigare ci distolgono di fatto dal presente, dalla percezione di essere vivi qui ed ora.

Leggi l'articolo

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Leggi l'articolo

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

Leggi l'articolo

La depressione e l’uso del farmaco

Esistono stati depressivi che comportano l’esperienza di un dolore talmente intenso e insopportabile per i quali appare senz’altro opportuno l’uso del farmaco. E’ bene però sottolineare come il ricorso alla cura medica andrebbe circoscritto per l’appunto solo ai casi menzionati, quando cioè il dolore assume una forza tale da spingere chi lo patisce ad atti estremi, pur di liberarsene. Il farmaco ha dunque un’utilità innegabile e preziosa in quanto fattore protettivo nei confronti dell’eventualità di condotte autolesive.

Leggi l'articolo

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Leggi l'articolo

Cosa significa soffrire di depressione?

Periodi difficili, momenti di smarrimento, circostanze luttuose fanno parte dell’esperienza comune ad ogni uomo e pertanto non sono da considerare di per sé  come eventi patologici.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961