Indipendenza e solitudine

“La mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che é la mia debolezza”. Questa frase, attribuita a Pier Paolo Pasolini, condensa con precisione il conflitto che molti amanti dell’indipendenza vivono in rapporto alla quota più o meno grande di solitudine inevitabilmente connessa.

La forza dell’indipendenza

Coloro che ci raccontano in seduta un simile rapporto con la solitudine non patiscono necessariamente di depressione. Almeno in apparenza. Le loro vite sono piene, attive, interessanti, spesso anche autenticamente creative e produttive. Non mancano nemmeno i rapporti interpersonali, le storie, perfino un certo riconoscimento sociale.

Queste persone non si sentono mai completamente parte di qualcosa, di un gruppo, di un’istituzione ma si mantengono pertinacemente “indipendenti” ovunque si trovino. A lavoro, in coppia, con gli amici. Non solo nel senso di una freddezza emotiva o di un distacco. Infatti possono anche vivere momenti di intensa complicità, di condivisione, perfino di comunione con l’altro. Ma alla fusione segue sempre il ritorno in una dimensione inaccessibile, privata: la stanza tutta per sé, il silenzio, il tempo da impiegare senza dover rendere conto a nessuno.

Non solo. L’indipendenza si manifesta oltre che sul piano emotivo anche su quello mentale. Infatti il senso critico non viene mai meno rispetto all’opinione altrui, accolta, tenuta da conto, ma mai sposata come fosse la propria. Per questo si tratta di individui scarsamente suggestionabili o inclini ad infatuazioni, tendenzialmente lucidi, a volte un po’ scomodi perchè non manipolabili, a volte troppo critici con gli altri e poco con se stessi (nonostante l’autocritica anche feroce che però non si svela costruttiva).

La debolezza della solitudine

Dove starebbe allora il problema? Fin qui infatti abbiamo descritto il lato “forte” della solitudine connessa all’indipendenza: riparo da indebite intrusioni nel privato, un’immensa potenzialità creativa, un vivere in accordo con se stessi e i propri valori, la possibilità di sperimentare il legame senza venirne fagocitati in una dimensione routinaria. Insomma una condizione apparentemente ideale, di equilibrio.

Ora la questione sorge quanto più perentoriamente si manifesta l’esigenza individuale di “respirare”, di non subire il benché minimo condizionamento. L’indipendenza in tutte le sue forme, quando viene ricercata con un’ostinazione che non ammette cedimenti, finisce con il compromettere la possibilità di far attecchire qualsiasi legame duraturo, consegnando gradatamente ad un senso crescente di distacco e di vuoto disperante.

Nel momento in cui si fanno strada debolezze, bisogni affettivi, desideri di comunicazione oppure problemi concreti più o meno gravi non c’è nessuno davvero disposto ad ascoltare, ad essere di supporto.

Si sa come il rapporto con l’altro sia sempre fonte di paura, nella misura in cui attiva inevitabilmente bisogni di dipendenza. Ma se scongiurare qualsiasi forma di attaccamento si profila come l’esigenza primaria, va da sé che qualsiasi relazione non possa durare. Il compagno o la compagna (se non vengono mandati via prima) ad un certo punto si allontana, a causa della protratta frustrazione dei propri bisogni affettivi. Anche gli amici possono attuare atteggiamenti simili di presa di distanza, perché pure l’amicizia necessita di cura e di impegno e la trascuratezza la uccide.

Il nodo problematico sembra allora stringersi attorno all’importanza “vitale” che ha assunto per alcuni la difesa del proprio campo d’azione, tanto da portarli ad atteggiamenti radicali più o meno consci di rifiuto. Chi sperimenta tale difficoltà non riesce a vedere il proprio coinvolgimento nell’allontanare gli altri, o se lo vede lo considera legittimo, supponendo il compagno o l’amico al fondo inadeguato.

Magari finisce per riparare in rapporti consumistici o esclusivamente di lavoro, dunque in “non rapporti” in cui tutto si gioca sul dare e sul prendere in un pareggio di conti rassicurante ma ancor più inaridente. Il sentimento doloroso di solitudine esistenziale anziché ridursi si amplifica, mentre il senso di vuoto si allarga spingendo verso un cinismo che non lascia più scampo a nessuno.

I perché

La reiterazione di certi atteggiamenti negli anni è dovuta al non poter mettere a fuoco non solo l’autocondanna all’assenza di affettività, ma anche le dinamiche che hanno portato a rinchiudersi nel cerchio dei propri confini, sovrainvestendo l’autonomia come valore massimo.

Spesso le storie dei malati di solitudine ci restituiscono un precoce investimento in attività solitarie fin dall’infanzia, soluzioni individuate ben presto per “isolarsi” da ambienti emotivamente difficili, per tutelarsi dalla contaminazione di emozioni negative provocate dall’altro.

Non di rado troviamo (come nel caso della vita di Pasolini) rapporti esclusivi con un genitore, che ingombrano a tal punto da far vivere ogni relazione che comincia a farsi profonda con l’angoscia di venirne sopraffatti. Paradossalmente la strenua salvaguardia della libertà nel reale svela l’impossibilità di sperimentare intimamente una vera emancipazione (che si accompagni al mantenimento di un’affettività più o meno “sana” verso il genitore chiamato in causa). Essa é stata falsamente associata alla fuga, all’edificazione di muri.

Un lavoro psicoterapeutico è ricercato quando si arriva a non farcela più, a non sopportare più il peso della solitudine. Oppure quando il guscio si crepa grazie ad un incontro davvero coinvolgente, una persona speciale che magari prima fa vacillare le difese e poi sparisce, facendo precipitare nell’abisso una volta sopportabile.

Allora la terapia può andare a costituire quella molla che aiuta a scoprire le carte, mostrando la vera relazione patologica in gioco e portando via via a livelli crescenti di consapevolezza, in un lento lavoro di decostruzione dei baluardi.

Tags: Solitudine

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

La forza del non agire

Nel nostro modo di pensare è radicata l'illusione che la forza dell'uomo consista nell'azione, ovvero nella risolutezza del fare, nell'essere presi da mille impegni e attività. La sopportazione di compiti e ritmi estenuanti è associata all'idea di una volontà forte, che sa porsi degli obiettivi e sa conseguentemente raggiungerli, a costo di enormi sacrifici. La fretta domina la scena, tutto si deve portare a termine entro scadenze ben precise, e più si fa meglio è. I contesti produttivi, le aziende, il mercato funzionano così: il profitto prima di tutto.

La depressione: come la modernità ne agevola la diffusione

La depressione è un fenomeno incontestabilmente in aumento ai giorni nostri. Ma perché? Che cosa nella modernità ne favorisce lo sviluppo? La società in cui viviamo è dominata dal culto della performance e del successo individuale. Dal mito della perfezione e della immortalità dell’uomo.

Depressione: tre figure della melanconia

Nel testo "Il discorso melanconico" Marie Claude Lambotte espone una tesi originale che tenta di disgiungere la melanconia sia dalla psicosi maniaco depressiva (in cui tende ad essere ricondotta dalla psichiatria) che dal lutto (al quale viene accostata per lo più dalla psicoanalisi).

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.